Diretta/ Atalanta Hertha Berlino (risultato finale 3-2) streaming video e tv: la decide Ilicic!

- Claudio Franceschini

Diretta Atalanta Hertha Berlino, info streaming video e tv: orario e risultato live della partita amichevole. La Dea ospita all’Atleti Azzurri d’Italia la squadra della Bundesliga

Atalanta_festa_lapresse_2018
Diretta Atalanta Hertha Berlino, amichevole (Foto LaPresse)

DIRETTA ATALANTA HERTHA BERLINO (RISULTATO FINALE 3-2): LA DECIDE ILICIC

Dopo il pareggio firmato Dilrosun per l’Herta Berlino, l’Atalanta ritrova il vantaggio al cinquantaseiesimo minuto con un rigore procurato d Gomez e trasformato da Ilicic. I tedeschi danno il via ad una girandola di sostituzioni inserendo  Skjelbred per Lustenberger, Jastrzembski per Lazaro, Kade per Maier e Esswein per Klunter. Anche Gasperini mescola le carte e mette in campo Gollini, Pessina e Zapata. L’Atalanta preme e si rende pericolosa ancora con Toloi. L’Herta risponde con un diagonale di Esswein che finisce fuori. Altri sei cambi per i padroni di casa, ma le emozioni sono finite. La Dea si aggiudica il trofeo Bortolotti. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

DILROSUN FIRMA IL PARI

Secondo tempo in corso a Bergamo dove Atalanta Herta Berlino sono ferme sul risultato di due a due. Ospiti in vantaggio al ventiseiesimo minuto sugli sviluppi di un calcio d’angolo concretizzato con prontezza da Rekik. Alla mezzora la Dea pareggia con una bella giocata di Barrow, che infila l’assist al bacio di Gomez. I nerazzurri premono e al trentaduesimo si rendono pericolosi ancora con Gomez. Poco dopo Mancini porta in vantaggio la formazione di Gasperini su corner grazie ad una deviazione vincente. A fine primo tempo il palo di Mittelstaddt colpito con un tiro cross insidioso. Ad inizio ripresa la doccia fredda atalantina è firmata Dilrosun che pareggia per i tedeschi. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

NON SI SBLOCCA

E’ cominciata da oltre quindici minuti di gioco la gara amichevole dell’Atleti Azzurri di Italia tra Atalanta Herta Berlino. Risultato ancora fermo sullo zero a zero a Bergamo, con la formazione allenata da Gianpiero Gasperini che vuole testare la propria preparazione in vista dei primi impegni ufficiali. Ricordiamo che le due squadre stanno giocando per il Trofeo Bortolotti e prima dell’inizio del match è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare Achille, Cesare ed Ester Bortolotti. Cronaca della gara ancora priva di grandi emozioni, l’Atalanta sta cercando di fare la partita e di gestire il possesso palla ma la compagine tedesca copre bene gli spazi in difesa. Buona affluenza di pubblico allo studio nonostante la data estiva. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

SI COMINCIA!

Comincia finalmente Atalanta Hertha Berlino: la squadra tedesca ha vissuto momento difficili nella sua storia recente, conoscendo la retrocessione in Zweite Bundesliga nel 2010 e poi ancora due anni più tardi, perdendo il playoff contro il Fortuna Dusseldorf. Tuttavia da quando è tornato in Bundesliga, cioè subito, l’Hertha si è sempre migliorato o quasi: il risultato migliore rimane il sesto posto del 2017, con l’ungherese Pal Dardai in panchina e i 12 gol di Vlado Ibisevic, mentre l’anno scorso il club ha chiuso in decima posizione e ha fallito l’Europa League, ottenendo solo 5 punti e arrivando ultimo nel girone alle spalle di Athletic Bilbao, Ostersund e Zorya. Dardai è comunque ancora in sella, e nella rosa della squadra compare anche il figlio Palko: 19 anni, è un esterno offensivo già promosso dall’Under 19 lo scorso anno anche se nel massimo campionato tedesco ha giocato appena 88 minuti. Ora non ci resta che metterci comodi, dare la parola al campo e stare a vedere come andranno le cose in questa affascinante amichevole Atalanta Hertha Berlino, che sta per prendere il via! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà possibile assistere all’amichevole Atalanta Hertha Berlino in diretta tv, nè per questa partita avrete a disposizione una diretta streaming video: per tutte le informazioni utili sulla squadra bergamasca, che si appresta a cominciare la stagione, invitiamo a consultare le pagine ufficiali della società presenti sui social network, in particolare riferendovi agli indirizzi facebook.com/atalantabc e, su Twitter, @Atalanta_BC.

LA NUOVA DEA

Atalanta Hertha Berlino ci darà l’occasione di seguire la nuova Dea in una partita “vera”, contro un’avversaria sulla carta allo stesso livello: sarà davvero interessante valutare in che modo la squadra si presenterà ai nastri di partenza della nuova stagione. Gli addii importanti ci sono stati: quello di Mattia Caldara che come sappiamo è passato alla Juventus, dove per fine prestito è tornato anche Leonardo Spinazzola (fermo comunque fino a dicembre per infortunio). La difesa ha guadagnato il polacco Arkadiusz Reca ma probabilmente sarà Gianluca Mancini a essere promosso titolare, così come sull’esterno dove Ryan Gosens dovrebbe avere la maglia pur se insidiato dai ritorni dai prestiti di Marco D’Alessandro e Salvatore Molina, giocatori comunque più offensivi. Interessante il cambio in attacco: l’Atalanta perderà un centravanti-boa come Andrea Petagna, bravissimo a creare spazi per i compagni e far salire la squadra, ma guadagna al suo posto un Duvan Zapata che ha più gol nelle corde. L’altra cessione illustre è ovviamente quella di Bryan Cristante, passato alla Roma: Josip Ilicic al momento eredita definitivamente la maglia da titolare, con Maarten De Roon e Remo Freuler in mediana. (agg. di Claudio Franceschini)

IL TROFEO BORTOLOTTI

Come già detto, Atalanta Hertha Berlino si gioca per il trofeo Bortolotti: si ricordano con questa manifestazione Achille e Cesare Bortolotti, due presidenti della società orobica. Nato nel 1992, il torneo ha previsto in qualche caso un triangolare con partite da 45 minuti ciascuna, in altri casi invece si è giocata una gara secca con calci di rigore previsti in caso di parità; l’Atalanta ha vinto 16 volte, compresa l’ultima con un 1-0 al Lille e tornando quindi a sollevare il trofeo a distanza di tre anni. Le squadre che sono riuscite a strappare il titolo estivo agli orobici sono invece Sao Paulo (1995), Vasco da Gama (1997), Sampdoria (1998 e 2006) Siviglia (2010), Queen’s Park Rangers (2011), Shakhtar Donetsk (2015) e Eintracht Francoforte (2016); nel corso della storia hanno giocato il trofeo Bortolotti anche big italiane come la Juventus, che nella prima edizione del 1992 era inserita in un triangolare che prevedeva anche il Borussia Dortmund, e il Milan che nel 2000 ha perso 2-0. Sampdoria e Udinese hanno giocato questa manifestazione tre volte a testa: a differenza dei blucerchiati, i friulani non l’hanno mai vinta. (agg. di Claudio Franceschini)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Atalanta Hertha Berlino si gioca alle ore 20:30 di sabato 21 luglio: amichevole di lusso all’Atleti Azzurri d’Italia, valida ufficialmente per il trofeo Achille e Cesare Bortolotti arrivato alla sua ventiquattresima edizione. Una sfida che per la Dea significa soprattutto avvicinamento all’Europa e alla nuova stagione: due ottimi campionati giocati dalla squadra di Gian Piero Gasperini che ha anche centrato i sedicesimi di Europa League, e che adesso naturalmente vogliono confermarsi nonostante qualche partenza illustre. L’Hertha Berlino è una squadra della Bundesliga, e dunque rappresenta un test di tutto rispetto: ha chiuso al decimo posto il suo ultimo campionato, ma ha le qualità per arrivare nelle posizioni che qualificano per le coppe.

RISULTATI E PRECEDENTI

Fino a questo momento l’Atalanta hanno giocato due amichevoli: la prima si è conclusa con un 4-0 rifilato al Brusaporto, la seconda invece è stata sulla carta più ostica ma ha visto la Dea trionfare con un punteggio più ampio, 6-1 ai danni del Chiasso. E dire che le cose per Gian Piero Gasperini e i suoi ragazzi erano iniziate malissimo: il tempo di giocare 20 secondi e Malinowski aveva già battuto Etrit Berisha dalla distanza. Poi l’Atalanta si è ricompattata: pareggio un po’ fortunoso di Alejandro Gomez che ha anche firmato il vantaggio bergamasco, prima di assistere Gianluca Mancini per la terza rete. Nel secondo tempo la squadra nerazzurra ha segnato altre tre volte, con una formazione totalmente diversa rispetto a quella che aveva iniziato la partita: due gol olandesi con Hans Hateboer e Maarten De Roon, in mezzo il primo sigillo di Duvan Zapata con la maglia della Dea. Il colombiano ha giocato circa 25 minuti, iniziando a prendere confidenza con i nuovi compagni e i movimenti chiestigli dal tecnico: avrà ovviamente ancora tempo per arrivare alla definizione del suo ruolo, quello di attaccante titolare della squadra.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori