DIRETTA / Tour de France 2018: vince Omar Fraile, Thomas gestisce su Dumoulin e Froome! (14^ tappa)

- Michela Colombo

Diretta Tour de France 2018: Omar Fraile vince la frazione davanti a Stuyven e Alaphilippe, quarto un grande Sagan. Gruppo maglia gialla a oltre 18 minuti: Geraint Thomas gestisce

geraint_thomas_team_sky_lapresse_2017
Geraint Thomas: caduta e ritiro al Tour de France 2017 (Foto LaPresse)

Ci ha provato Tom Dumoulin, ma non ha potuto nulla: anche i big chiudono la 14^ tappa del Tour de France 2018 e Geraint Thomas conserva la sua maglia gialla, arrivando insieme a Chris Froome e all’olandese che ha tentato lo scatto sul finale della salita ma è stato immediatamente ripreso dal leader della classifica e dal grande favorito, che lo hanno poi “scortato” fino al traguardo. Dal gruppo si è staccato Roglic che è arrivato circa 7 secondi di vantaggio; sono 12 i secondi pagati da Nairo Quintana rispetto ai primi tre della classifica, ancora più staccato Mikel Landa. Non dovrebbe dunque cambiare nulla in termini di classifica, se non che Landa e Quintana perdono ancora qualcosa; Thomas conserva per un’altra giornata impegnativa la maglia gialla e avvicina dunque il successo nella Grande Boucle, ma domani è un altro giorno e poi ci sarà tutta l’ultima settimana… (agg. di Claudio Franceschini)

VINCE OMAR FRAILE

E’ Omar Fraile il vincitore della 14^ tappa del Tour de France 2018: il corridore spagnolo della Astana riesce ad avere la meglio sulla concorrenza sfruttando la salita finale, quando Jasper Stuyven si era staccato andando in fuga ma è stato ripreso dall’iberico, che ha recuperato tutto il terreno e ha staccato il belga prendendosi la vittoria in discesa. Stuyven arriva in coppia con Julian Alaphilippe, possessore della maglia a pois, e in quarta posizione uno straordinario Peter Sagan che oltre ad aver blindato la maglia verde non si è mai staccato in salita; adesso occhio perché il gruppo era a circa 20 minuti, e quando arriverà sarà davvero interessante scoprire se sullo strappo finale succederà qualcosa che possa stravolgere la classifica della maglia gialla. Intanto Fraile si gode giustamente la vittoria. (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE LA 14^ TAPPA

Per seguire il Tour de France 2018 in diretta tv, ci sarà una amplissima copertura live sulla Rai e su Eurosport: in chiaro, i canali di riferimento sono Rai Tre e Rai Sport + HD. I collegamenti per la quattordicesima tappa avranno inizio già alle ore 13.45 sul canale tematico, ma naturalmente sarà al pomeriggio il cuore della giornata, con la cronaca a partire dalle ore 15.00 su Rai Tre, incentrata sulla telecronaca di Francesco Pancani e Silvio Martinello. Il Tour de France sarà però visibile anche su Eurosport, canale disponibile sia per gli abbonati Sky sia per quelli di Mediaset Premium: appuntamento oggi a partire dalle ore 13.00. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, gratuita per tutti sul sito raiplay.it, per gli abbonati tramite Eurosport Player, Sky Go e Premium Play. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Grande Boucle: il sito www.letour.fr, la pagina Facebook Le Tour de France e il profilo Twitter @LeTour.

IZAGIRRE SI MUOVE PER PRIMO

E’ Gorka Izagirre il primo a muoversi: nella quattordicesima tappa del Tour de France 2018, a circa 60 chilometri dal traguardo anche i primi corridori del gruppo iniziano a cercare di piazzare l’acuto vincente, nel tentativo di fare la differenza in montagna. Lo spagnolo si prende il GPM davanti a Slagter e Alaphilippe che ottiene 2 punti utili per la classifica degli scalatori, ma transita a 30 secondi dal primo e 10 dall’inseguitore. Quando arriviamo alla discesa arriva l’allungo di Stuyven, che va a riprendere Slagter: adesso possono andare insieme a cercare di azzerare il margine che li separa da Izagirre, la cui sortita ha avuto ottimi effetti. Il gruppo non forza: è segnalato a 12 minuti e mezzo. Intanto è arrivato anche il primo e finora unico ritiro di giornata: quello di Patrick Bevin della BMC. (agg. di Claudio Franceschini)

SAGAN VINCE IL TRAGUARDO VOLANTE

Abbiamo oltrepassato la metà della 14^ tappa al Tour de France 2018, e anzi siamo arrivati al chilometro 100 dei 188 previsti oggi: la situazione resta quella di prima, ovvero con il gruppo dei 32 fuggitivi che continua a marciare compatto verso il traguardo. Gli inseguitori non sembrano dell’idea di serrare le fila per il momento: marciano a oltre 7 minuti di svantaggio – da ricordare una foratura per Adam Yates, prontamente rientrato – e dunque il destino della tappa sembra deciso. Intanto però va detto che Peter Sagan, come si poteva intuire, ha sprintato al traguardo volante del TV e se lo è aggiudicato davanti a Boudal e Lampaert, ottenendo i 20 punti in palio: a questo punto lo slovacco è sempre più detentore della classifica a punti. Siamo adesso attesi alla seconda parte di questa quattordicesima tappa: dobbiamo aspettarci altre emozioni? (agg. di Claudio Franceschini)

32 CORRIDORI IN FUGA

Gruppo compatto davanti, gruppo compatto dietro: per il momento la 14^ tappa del Tour de France 2018, che si avvicina a grandi passi verso la metà del percorso, vede al comando i soliti 32 corridori con il gruppo che comprende la maglia gialla a quasi sei minuti di distanza. Visto quello che ci aspetta, è difficile pensare che gli inseguitori possano rientrare; attenzione però perché davanti ci sono nomi davvero altisonanti come quello del nostro Damiano Caruso, quelli di Andrei Amador, di Gorka Izagirre, Pierre Rolland e della maglia a pois Julian Alaphilippe, dell’ex leader della classifica Greg Van Avermaet e di Peter Sagan. Si procede con grande collaborazione da parte di tutti: per il momento si procede con l’idea di aiutarsi a staccare definitivamente il gruppo, ma prima o poi qualcuno dovrà tentare un’azione risolutiva e ci sono tre squadre – Cofidis, Quick-Step e Direct Energie – che hanno parecchi ciclisti nella zona di testa, e potrebbero approfittare della situazione. Dunque non ci resta che stare a vedere come procederanno le cose, di sicuro al momento non ci stiamo affatto annoiando nell’assistere a questa quattordicesima tappa. (agg. di Claudio Franceschini)

FROOME E THOMAS SUBITO ATTIVI

Scoppiettante avvio di 14^ tappa al Tour de France 2018: i favoriti sono scattati subito al comando con Chris Froome che si è tirato dietro la maglia gialla Geraint Thomas, con loro anche la maglia a pois Alaphilippe, del tutto intenzionato a mantenere il comando nella classifica degli scalatori, e Alejandro Valverde. Il tentativo di andarsene non è comunque riuscito: un altro gruppettino si è infatti inserito all’inseguimento, tra di loro anche Peter Sagan e Greg Van Avermaet – che come sappiamo ha tenuto la maglia gialla fino a pochi giorni fa – e la loro azione è stata utile per andare a riprendere i fuggitivi. In questo momento dunque ci sono 32 corridori che stanno cercando di allungare sul gruppo, segnalato per il momento a circa tre minuti di ritardo: la quattordicesima tappa si dovrebbe allora decidere tra questi corridori, dove assisteremo anche ad eventuali cambi nelle gerarchie della classifica generale. (agg. di Claudio Franceschini)

INIZIA LA 14^ TAPPA

Sta finalmente per avere inizio la 14^ tappa del Tour de France 2018: tante le aspettative da parte degli appassionati per la frazione di oggi, specie ne suo finale, con l’arrivo in salita sul Massiccio Centrale di Mende. Il passaggio non è nuovo nella storia della Grande Boucle e non solo, come ieri ha pure ricordato Geraint Thomas, ieri all’arrivo da leader della classifica generale. Il britannico della Sky ha infatti dichiarato: “Il finale è duro. L’ho già affrontato alcune volte in carriera e potrebbe essere adatto a me. In ogni caso è un giorno buono per le fughe, quindi ci dobbiamo preparare a un altro inizio molto veloce e difficile per tutti. Anche se la fuga dovesse andare, però, ci sarà comunque battaglia tra gli uomini che puntano alla classifica generale“. Difficile quindi prendere come andrà oggi: battaglia tra big in salita o fuga da lontano? Solo la strada ci dirà il verdetto, si parte!

I FAVORITI DI OGGI

Come abbiamo visto si tratta di percorso affatto semplice quello atteso oggi fino a Mende, sul Massiccio Centrale: chi quindi potrebbero essere i favoriti al successo di tappa nella 14^ frazione del Tour de France 2018? Sulla carta lo scenario più probabile è quello di una fuga che arriverà per una volta a destinazione: la prima parte pianeggiante e poi i saliscendi sul finale potrebbero mettere il gruppone in difficoltà se lascerà andare troppo in là i primi fuggitivi. In ogni caso ci sentiamo di mettere nel borsino dei favoriti gli outsider di questa edizione della Grande Boucle, da Warren Barguil e Guillaume Marin fino a Pauwels, e pure il nostro Damiano Caruso che più di una volta ha dimostrato di averne di energia nelle gambe. Occhio poi a coloro come Chavanel e De Gendt, partiti ottimamente da lontano anche ieri.

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA TAPPA

Il Tour de France 2018 torna sotto i riflettori anche oggi sabato 21 luglio: ecco infatti le dolci colline del Drome, del Gard e infine del Lozere che accompagneranno oggi i corridori, dal via di Saint Paul Trois Chateaux fino allo spettacolare arrivo di Mende, dopo ben 188 km da correre. Dopo la tappa pianeggiante ecco qualcosa di più movimentato in attesa che la Grande Boucle riprenda a salire sui Pirenei. La frazione si annuncia quindi ben aperta a diverse letture e interpretazioni da parte dei big come delle squadre professional: tra Gpm di lieve categoria, punti sprint, l’arrivo in salita a Mende di certo non mancherà lo spettacolo. Diamo quindi i primi riferimenti per la 14^ tappa del Tour de France agli appassionati: il via sarà dato alle ore 13.05, mentre l’arrivo del vincitore a traguardo è stato previsto intorno le ore 18.00

IL PERCORSO

Come abbiamo prima annunciato ci attende un percorso davvero molto vario oggi da Saint Paul fino a Mende: non si correrà certo il rischio di annoiarsi oggi e sarà davvero entusiasmante vedere quali potrebbero essere le strategie delle varie squadre.  Tra i punti più interessanti ecco l’intermedio sprint di Besseges, atteso al 90 km ma poco prima ci sarà un primo muro a accogliere i corridori: al 77 km ecco il Cote du Grand Chataignier, Gpm di 4^ categoria con 1 km a 7.4 % di pendenza. Di seguito ecco altri tre Gran Premi di Montagna: il primo è atteso già al 119 km con il Col de la Croix de Berthel (9.1 km a 5.3%). A seguire un nuovo movimentato sali e scendi che renderà molto tesa la corsa: a breve si torna infatti a salire con il Gpm di terza categoria di Col du Pont Sans Eau, ovvero un ascesa di 3.3km al 6.3% di pendenza. Gran finale l’arrivo in salita di Mende: la linea arrivo infatti e posta poco dopo lo scollinamento del Gpm di 2^ categoria di Cote de la Croix Nueve (3 km, al 10.2%). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori