DIRETTA/ Tour de France 2018 streaming video tv: trionfa Alaphilippe! E’ doppietta! (16^ tappa)

- Michela Colombo

Diretta Tour de France 2018: info streaming video e tv della 16^ tappa, tra le più lunghe della Grande Boucle. Si andrà da Carcassone a Bagneres du Luchon.

froome bardonecchia
Chris Froome (foto da Lapresse)

Va a un festante Julian Alaphilippe il successo della complicatissima e nervosa 16^ tappa del Tour de France 2018. La prova di oggi non è stata certo semplice, visto pure quando accaduto al via: ma il francese, vestendo la maglia pois ha tenuto duro ed è riuscito ad approfittare al meglio le occasioni che si sono presentate via via. Decisivo il colpo di scena negli ultimi 5 km: Adam Yates infatti, andato brillantemente in fuga appena scollinato dal Gpm di Col du Portillon appena approcciata la discesa è pero scivolato malamente a terra. Nulla di grave per il britannico che ha pure perso tempo presto a favore proprio di Slapihillipe che è quindi riuscito ad andare in fuga. Per la maglia a poi una vittoria in solitaria: dietro di lui a 15 secondi di ritardo Izaguirre, con Yates, proprio a podio con immedesimo gap del spagnolo, e Mollema e Pozzovivo nella top five. Da segnalare che proprio all’ultimo Gpm di Col du Portillon il migliore era stato l’alfiere della Mitchelton, seguito poi da Alaphilippe e Mollema.

VERSO IL GRAN FINALE

Ci avviciniamo al gran finale della 16^ tappa del Tour de france 2018; mancano appena una quartina di km al traguardo finale di Bagneres de Luchon e la situazione in strada non potrebbe che essere più movimentata. In testa ecco infatti la maglia a pois di Alaphilippe insieme all’uomo della Bora Muhlberger: appena distanti 10 secondi un drappello di 10 attaccanti con Latour, Martin, Caruso (autore prima di un ottimo attacco), Mollema, Pozzovivo, Yates, Izaguirre, Gesink, Molard e Soler). Distanziato l’ex battistrada Gilbert ora rientrato in un ampio drappello di inseguitori: per l’alfiere della Quick Step si è rivelata fatale una caduta occorsa nella discesa dal Portet d’Aspet. In fondo e a quasi 12 minuti dalla testa della corsa il gruppo maglia gialla con Demare fermo un gap di 26 minuti: il francese spera solo di arrivare al traguardo entro il tempo massimo. Intanto segnaliamo che la corsa ha superato brillantemente il Gpm di 1 categoria di Col de Mentè: qui il migliore è stato proprio Julian Alaphilippe.

GILBERT IN FUGA

Si entra davvero nel vivo della 16^ tappa del Tour de france 2018: la corsa infatti si sta avvicinando al Gpm di 2^ categoria di Col de Portets Aspet, terzultima cima attesa oggi e prevista a 62 km dalla linea di arrivo. Al momento la strada vede Philippe Gilbert in testa alla corsa: l’alfiere della Quick Step è partito solo poco fa all’attacco e per ora si sta mettendo alle spalle un vantaggio di circa 40 secondi dal gruppone che fino a poco fa era in testa. Alle spalle di Gilbert ecco quindi il drappellone di ben 46 corridori, con la maglia pois e bianca di Alaphilippe e Latour. Ancora ben lontano il gruppo maglia gialla: Geraint Thomas infatti é stato dato a più di nove minuti da Gilbert, mentre continua la durissima giornata di Demare ora a 16 minuti più che abbondanti dalla testa della gara. Da segnalare che al punto sprint di Saint Girons si è dovuti approfittare del fotofinish: il primo è stato Laporte, dietro a Boasson Hagen e van Avermaet. 

DEMARE IN CRISI

Siamo a circa metà della 16^ frazione del Tour de France 2018 e il ritmo si sta mantenendo davvero coinvolgente: come annunciato questa tappa fino a Bagners de Luchon si rivelerà davvero decisiva. Superare quindi i primi 109 km della corsa vediamo che la situazione in strada rimane abbastanza stabile: un’oretta fa dopo l’ascesa Cote de Pamier la corsa si era di fatto divisa in due tronconi con il primo formato da 28 corridori, per poi ricompattarsi successivamente alle spalle di alcuni solitari attaccanti. Quando però ci stiamo avvicinando al punto sprint di Saint Girone vediamo che in testa resiste un gruppone di ben 44 corridori, dove spicca la maglia a pois di Alaphilippe (il francese ha pure vinto il Gpm di Cote de Paniers prima). Alle spalle dei battistrada ecco appena ore attaccanti a meno di mezzo secondi di gap e quindi Latour, Martin e Politt: in fondo il gruppo maglia gialla, distante ormai quasi 5 minuti dal gruppo di testa. Ben lontano e in difficoltà Andre Demare oramai a + nove e minuti mezzo dalla testa della corsa. Ci è praticamete voluto metà gara perchè partisse la fuga: vedremo che succederà a breve in strada. 

SI RIPARTE

Ottime notizie ci arrivano dal Tour de France 2018: la gara è ufficialmente ripartita per la precisione già dal 33 km del percorso iniziale previsto fino a Bagneres de Luchon. Il pericolo pare quindi passato: a quanto pare è stato un contadino locale a imbastire questa protesta violenta contro la corsa, riuscendo a superare i primi controlli della Gendarmiere, bloccando la strada e spruzzando dell’insetticida sui corridori. Dopo qualche attimo di confusione e i primi soccorsi, tutti si sono rimessi in strada per il trasferimento e a seguire la gara è sta fatta ripartire, pur con pochi movimenti. Il ritmo imposto si è però subito registrato alto anche per i big: solo in quattro sono riusciti ad andare in fuga e comunque il drappello registra al massimo venti secondi di vantaggio. In avanti vediamo al momento Warren Barguil e la maglia a pois di Alaphilippe, con Impey e Bernard: sono stati quindi subito ripresi i primi attaccanti tra cui figurava anche il nostro Franco Pellizzotti.

CORSA NEUTRALIZZATA!

Colpo di scena al Tour de France 2018! La corsa è stata neutralizzata a 187 km dal traguardo finale di Bagneres de Luchon: la mossa è temporanea e non sono ancora giunte notizie su quando i ciclisti potranno riprendere la strada. Che figuraccia per la direzione della Grande Boucle: sulla strada infatti da alcuni manifestanti non identificati sono state poste delle balle di fieno che ostacolano i ciclisti. In più alcuni corridori sono stati spruzzati da spray urticanti piuttosto pesanti: immediati i soccorsi da parte dell’equipe medica presente sul posto come delle ammiraglie di riferimento, ma per il momento non si segnalano ciclisti gravemente feriti. La situazione appare paradossale: quella di oggi era anche una delle frazioni più lunghe e se la corsa non ripartirà a breve, la crono tabella come il tracciato potrebbe anche venir modificato. Intanto possiamo solo segnalare che il gruppo andava compatto: al Gpm di Cote de Fanjeaux di 4^ categoria aveva però preso l’unico punto in palio Warren Barguil.

IN STRADA

Sta per accendersi la 16^ tappa del Tour de France 2018 e con lei anche la terza e decisiva settimana per questa appassionate edizione della Grande Boucle. Oggi avranno inizio i Pirenei, un banco di prova affatto semplice è che potrebbe regalare non poche sorprese, specie a questo punto della corsa francese. Ne è convinto, tra gli altri, anche l’attuale detentore della maglia gialla Geraint Thomas, che all’arrivo di Carcassone due giorni fa ha dichiarato: “ai Pirenei sarà 50% le gambe e 50% di testa: devo essere forte. Rimane non chiaro che cosa potrò fare nella terza settimana di gara, anche perchè la terza settimana è dura per tutti. Essere in giallo è comunque il massimo onore”. Difficile ora dire che l’inglese del Team Sky saprà mantenere tale vessillo o che cosa potrebbe accadere una volta scesi dal Col du Portillon. Vedremo che dirà la strada: si parte!

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME SEGUIRE IL TOUR DE FRANCE (16^ TAPPA)

Per seguire il Tour de France 2018 in diretta tv, ci sarà una amplissima copertura live sulla Rai e su Eurosport: in chiaro, i canali di riferimento sono Rai Tre e Rai Sport + HD. I collegamenti per la sedicesima tappa avranno inizio già alle ore 12.10 sul canale tematico, ma naturalmente sarà al pomeriggio il cuore della giornata, con la cronaca a partire dalle ore 15.00 su Rai Tre, incentrata sulla telecronaca di Francesco Pancani e Silvio Martinello. Il Tour de France sarà però visibile anche su Eurosport, canale disponibile sia per gli abbonati Sky sia per quelli di Mediaset Premium: appuntamento oggi a partire dalle ore 11.25. Per chi invece non potesse mettersi davanti al televisore, ecco pure la possibilità garantita dalla diretta streaming video, gratuita per tutti sul sito raiplay.it, per gli abbonati tramite Eurosport Player, Sky Go e Premium Play. Infine ricordiamo i riferimenti ufficiali della Grande Boucle: il sito www.letour.fr, la pagina Facebook Le Tour de France e il profilo Twitter @LeTour.

L’IMPRESA DI FROOME

Appurando che l’arrivo della 16^ tappa del Tour de france 2018 sarà a Bagneres du Luchon, la memoria degli appassionati non potrà non andare all’edizione 2016 proprio della Grande Boucle e all’impresa qui realizzata due anni fa da Chris Froome. Nell’ottava tappa di quell’edizione, che andava da Pau fino a Bagnerse du Luchon, il ciclista britannico lanciò infatti la sua zampata decisiva per il successo finale. Entusiasmante allora fu l’attacco in discesa eseguito dallo stesso Froome nella discesa del Peyresourde (sull’altro versante rispetto alla salita di oggi), proprio nel momento in cui il suo rivale numero 1 Nairo Quintana si era distratto per raccogliere una borraccia dal suo massaggiatore: uno scatto fulmineo condotto in discesa nella nuova posa sul tubo orizzontale della bici, straordinariamente aerodinamica. La linea del traguardo vide Froome in vantaggio di 13 secondi ai primi avversari, decisivi per conquistare la maglia gialla, poi tenuta fino a Parigi.

ORARIO E PRESENTAZIONE TAPPA

Dopo l’ultimo giorno di riposo a Carcassone, ecco che il Tour de France 2018 torna protagonista e lo fa oggi martedi 25 luglio con la 16^ tappa di questa appassionate edizione. Lasciata la cittadina medievale la Grande boucle torna a salire e lo farà sui Pirenei: non saranno le vette delle Alpi della seconda settimana, ma di certo la frazione di oggi, prevista da Carcassone fino a Bagneres du Luchon, non sarà affatto facie per chi non possiede le doti giuste. La frazione poi sarà particolarmente lunga e faticosa: 218 km  complessivi e un tracciato ben mosso dal punto di vista altimetrico, con l’arrivo in discesa a Bagnares de Luchon, dove gli estimatori di Chris Froome non hanno dimenticato l’impresa condotta qui nel 2016. Andiamo quindi subito a dare le prime indicazioni utili per seguire minuto per minuto questa intensissima 16^ tappa: vista la lunghezza della frazione il via verrà dato alle ore 11.30 oggi mentre l’arrivo del vincitore al traguardo è atteso verso le ore 17.40.

IL PERCORSO

Il percorso previsto oggi nella 16^ tappa da Carcassone fino all’arrivo in discesa di Bagneres de Luchon si annuncia estremamente complesso: non sarà certo facile, per uomini classifica e big trovare le energie per questo primo lunghissimo assalto ai Pirenei. Considerano i punti interessanti del percorso, che ricordiamo sarà lungo ben 218 km ecco il punto sprint posto al 124 km della corsa a Saint Girons: altrimenti saranno solo le montagne a preoccupare i corridori della Grande Boucle. Considerando la cartina altimetrica ecco che saranno ben 5 i Gran Premi della Montagna attesi, con discese altrettanto impegnative. I primi due Gpm per fortuna saranno dei due muri che delle vere e proprie vette: ecco le prove di quarta categoria di Cote de Fanjeaux (2.4 km a 4.9%) e della Cote de Pamiers (2.3 km a 5.8%), che saranno comunque utili per muovere le strategie di corsa. Nella seconda parte del tracciato si fa invece sul serio: ecco al 155km il Gpm di 2^ categoria di Col de Portet d’Aspet e qui sarà una salita di 5.4 km al 7.1% di pendenza. A meno di una ventina di km dopo ecco il Gran Premio di Montagna di 1^ categoria di Col de Mentè con una discesa di 6.9 km al 6.1% di pendenza: per chiudere a meno di 20 km dal traguardo ecco la prima di prima categoria di Col du Portillon, ovvero 8.3 km al 7.1% di pendenza. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori