RIPESCAGGI SERIE B / Sentenza rinviata a martedì, resta tutto in bilico

- Mauro Mantegazza

Ripescaggi Serie B, campionato a 19 o 22? Siena, Novara, Catania, Ternana, Pro Vercelli sperano: il verdetto da parte del Collegio di Garanzia slitta a martedì

pallone gol risultati
Foto LaPresse

Le sentenze sui ripescaggi in Serie B sono state rinviate a martedì. Il presidente del Collegio di Garanzia del CONI, l’ex ministro Franco Frattini, ha così spiegato ai microfoni di Rai Sport la decisione di rinviare a martedì la promulgazione delle sentenze: “Non è giusto decidere frettolosamente circa una questione così importante come quella del format di Serie B, quindi decisione rinviata all’inizio della prossima settimana”. Bisognerà dunque aspettare ancora qualche giorno per sapere se il campionato di Serie B 2018-2019 (già iniziato) sarà a 19 oppure a 22 squadre e – in questa ultima eventualità – quali sarebbero le tre squadre ripescate per completare l’organico. La decisione ha pesanti ripercussioni non solo sulla Serie B, ma pure sulla Serie C, per la quale sarà impossibile domani formare i calendari. Ecco dunque la nota stampa emessa a tal proposito: “La Lega Pro, preso atto della decisione del Collegio di Garanzia del Coni che slitta alla prossima settimana, suo malgrado, si vede costretta a rimandare i calendari. Seguiranno comunicazioni sulla nuova data nei prossimi giorni”. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ATTESA PER LE SENTENZE

Siamo tutti in attesa di conoscere quali saranno le decisioni del Collegio di Garanzia dello sport, riguardo gli eventuali ripescaggi in Serie B: oggi è infatti l’ultimo giorno in cui la giustizia sportiva potrà dire la sua sulle varie questioni che hanno travolto parecchi club della cadetteria come della Serie C in questa estate. Di fatto però le prime indiscrezioni che ci arrivano dalla sala dove è appena finita l’udienza non sono rassicuranti: pare infatti che prima delle 20 di questa sera non si avranno i definitivi responsi. Pare infatti che la discussione in camera di consiglio sia ben animata oltre che ben lunga. Di certo la decisione è pesantissima e molti si chiedono se il CONI deciderà di promuovere il prossimo campionato di Serie B a 19 squadre o opterà per il reintegro e la formulazione a 22 club, contando che già ormai sono state disputate le prime due giornate della stagione regolare. (agg Michela Colombo)

SERIE B A 19 CLUB O 22?

Si avvicina il momento del verdetto sugli eventuali ripescaggi in Serie B che potrebbero riportare l’organico del campionato cadetto a 22 squadre. In questo momento, come è noto, la Serie B è formata da 19 squadre e ha pure già disputato le prime due giornate di una stagione che però rischia di essere pesantemente rivoluzionata se dovessero essere aggiunte altre tre formazioni, tornando appunto a quota 22. La Lega di Serie B vorrebbe scongiurare questa ipotesi e ha dalla propria parte anche il commissario straordinario della Federcalcio, Fabbricini, ma naturalmente una sentenza avversa da parte del Collegio di Garanzia imporrebbe di riportare il campionato a 22 squadre. La Lega e il commissario avevano il potere di stabilire un cambio in corsa delle regole? Di certo le 19 società che già fanno parte del campionato difendono in modo compatto la soluzione adottata in estate: “Una soluzione assolutamente necessaria”, per dirla con le parole di Maurizio Setti, presidente del Verona. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

LE SQUADRE CHE SPERANO

Per la Serie B oggi venerdì 7 settembre sarà un giorno decisivo: il Collegio di Garanzia dello Sport deciderà se confermare il format del campionato a 19 squadre o se disporre ripescaggi per reintegrare l’organico a 22 squadre, che è il numero stabilito ufficialmente per il campionato cadetto. Questo dovrebbe essere l’ultimo atto di una estate rovente, e non per colpa del clima: il caos è cominciato con le mancate iscrizioni di Avellino, Bari e Cesena, che hanno portato dunque l’organico della Serie B da 22 a 19 squadre. Sulla carta, si sarebbe dovuto procedere con tre ripescaggi per tornare a 22, ma per tutta una serie di motivi che si sono fra di loro incrociati, su tutti la diatriba su quali criteri seguire per operare questi ripescaggi, che vede schierati da una parte Novara e Catania, dall’altra Ternana, Pro Vercelli e Siena, senza sottovalutare la situazione dell’Entella, che chiede la riammissione per il caso delle plusvalenze del Cesena (società nel frattempo fallita, ma se si applicasse la penalizzazione allo scorso campionato, i liguri si sarebbero salvati) e altre vicende che nel frattempo si sono risolte – vedi il processo sportivo a carico del Foggia, che avrebbe anche potuto portare alla retrocessione dei pugliesi poi “solo” penalizzati oppure la vicenda legata al Chievo, per cui il Crotone ancora spera nella Serie A – portando così la Lega di Serie B alla decisione di bloccare i ripescaggi, partendo con un campionato a 19 squadre di cui già sono state giocate due giornate.

SERIE B, OGGI IL VERDETTO: GLI SCENARI

Le società escluse hanno dunque presentato ricorso, che oggi sarà valutato dal Collegio di Garanzia, che dovrà stabilire se mantenere il format a 19 o riportare il campionato a 22 squadre. Anche in questa seconda ipotesi però non sarebbero finite le difficoltà, perché sono cinque (sei se si comprende l’Entella) le squadre a sperare, ma i posti disponibili sono appena tre, e dunque andrebbe poi deciso chi ripescare. In entrambe le ipotesi ci sarebbe il Siena, che con qualsiasi criterio sarebbe fra le migliori tre, ma che sarebbe accompagnato in un caso da Ternana e Pro Vercelli, nell’altro da Novara e Catania. A complicare la situazione, ecco che ieri i siciliani hanno denunciato il commissario della Figc, Roberto Fabbricini, per abuso d’ufficio, una mossa che però ha reso ancora più rovente il clima e mette il Catania in una posizione ancora più delicata, perché in questo modo è stata violata la clausola compromissoria. In ogni caso, questa sera avremo degli scontenti che potrebbero presentare ricorso al Tar e poi al Consiglio di Stato, almeno per risarcimenti economici. Infine, da tenere presente che in base alla decisione relativa alla B si saprà finalmente quale sarà l’organico anche della Serie C, che non a caso ha in programma per domani la cerimonia del calendario. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori