Michele Plastino, “Io maestro di Pardo e Caressa”/ “Ma il vero scienziato del calcio è Marianella”

- Matteo Fantozzi

Michele Plastino è il re delle tv locali, il “primo a portare il bar-sport in tv”, ma anche il maestro di gente come Pardo, Caressa e Marianella.

plastino michele 2019 tv
Michele Plastino, "Io maestro di Pardo e Caressa"

Michele Plastino è il re delle televisioni locali, il “primo a portare il bar-sport in tv”, ma anche il maestro di gente come Pierluigi Pardo, Fabio Caressa e Massimo Marianella. In una lunga intervista su Tv, Sorrisi e Canzoni si è raccontato, svelando anche dei particolari sui tre noti giornalisti: “Pierluigi Pardo era uno spirito bollente, aveva bisogno di essere un po’ stemperato. Fabio Caressa è un uomo esuberante, io gli ho insegnato la ricerca dell’obiettività. Massimo Marianella era troppo timido da giovane, ma è un vero scienziato del calcio“. Mai banale Plastino racconta il profilo di una televisione che fu e che ormai è sepolta nei cassetti dei ricordi, ma che alcuni pionieri come lui e Lamberto Giorgi provano a mandare avanti ancora oggi nelle televisioni locali con professionalità e grande cuore. Le nuove leve da loro hanno assolutamente ancora molto da imparare per dedizione e anche per la presenza scenica sempre portata in onda.

Michele Plastino, “Io maestro di Pardo e Caressa”: la tv che fu

Michele Plastino, maestro di Pardo, Caressa e Marianella, si è raccontato a Tv, Sorrisi e Canzoni. Ha svelato anche alcuni particolari interessanti della televisione che fu: “Rimpiango il calcio di una volta. Ora sono più legato al mio mestiere che al calcio ed è doloroso rendersene conto. La stessa informazione sportiva è in grave crisi. Vedo sempre più giornalisti-tifosi che provano a fare solo spettacolo. Per carità è giusto dichiarare la propria fede, ma devi essere anche imparziale“. Plastino riuscì ad anticipare addirittura in televisione, specificando: “Il processo di Biscardi partì l’anno dopo nel 1980. Questa per me è una bella soddisfazione. Goal di Notte è in onda dal 1979 e pensavo fosse un’idea vincente perché andava a coprire un buco nero quello del calcio sulle tv locali. Da qui però a immaginare che saremmo arrivati a 40 anni di trasmissione ce ne passa“. Sono poi numerosi gli aneddoti che lo legano a personaggi del passato da Diego Armando Maradona, che racconta scappò via tra un collegamento e l’altro, a quel Paulo Roberto Falcao, alla Roma ma con la faccia del laziale perché bello e biondo.

“La Juventus è la più forte, ma…”

Sul campionato attuale Michele Plastino, re Mida delle televisioni locali, ha dei dubbi nonostante il netto predominio della Juventus. A Tv, Sorrisi e Canzoni svela: “Da un lato è vero che la Juve è la più forte, per me però non è mai deciso nulla. Per questo io dico che bisogna stare attenti al Napoli. Carlo Ancelotti è un tecnico e uno psicologo formidabile. Sono convinto, anche per l’affetto che provo per questa città, che insidieranno i bianconeri fino alla fine“. La Serie A tornerà in campo in questo weekend dopo la sosta di due settimane in seguito alla fine delle festività natalizie. Di certo c’è grande voglia di calcio e Michele Plastino sogna di vivere una seconda parte della stagione piena di emozioni e con tanti protagonisti pronti a dire la loro. La Juventus ha chiuso a +9 sugli azzurri, vedremo se saranno sufficienti per vincere l’ottavo Scudetto di fila.

© RIPRODUZIONE RISERVATA