Sarri esonerato dal Chelsea?/ Avventura al capolinea: decisivo il Manchester City

- Davide Giancristofaro Alberti

Sarri esonerato? Vicino l’addio al Chelsea da parte dell’ex Napoli: decisiva la sfida con il City

Higuain e Sarri
Calciomercato Juventus news, Gonzalo Higuain (Foto LaPresse)

Sembrerebbe avere le ore contate la permanenza di Maurizio Sarri al Chelsea. Con la sconfitta contro il Manchester United di lunedì, lo zero a due casalingo che è costata l’eliminazione dalla coppa d’Inghilterra, fanno ben tre capitolazioni nelle ultime cinque uscite della compagine londinese, compreso il clamoroso 6 a 0 subito dal Manchester City, e l’altrettanto clamoroso 4 a 0 in favore del Bournemouth. Secondo quanto riferiscono i media inglesi, tenendo conto anche della scarsa pazienza del patron del Chelsea, Roman Abramovich, l’esperienza dell’ex tecnico del Napoli allo Stamford Bridge sembrerebbe ormai essere giunta al capolinea. La sensazione è che saranno decisive le due prossime sfide, leggasi l’incontro con il Malmoe, sedicesimi di ritorno di Europa League, e la partita di domenica contro il Manchester City, finale di Coppa di Lega. Se Sarri dovesse capitolare in particolare contro i Citizens (cosa alquanto probabile), a quel punto il suo destino sarà segnato, anche perché lo spogliatoio non sembrerebbe essere più dalla sua parte «Penso di sì – ha detto a riguardo lo stesso Sarri – non sono certo ma penso di sì».

SARRI ESONERATO DAL CHELSEA?

Non solo Abramovich ma anche i tifosi avrebbero ormai esaurito la pazienza, con Higuain, l’ultimo grande acquisto, che sta proseguendo le prestazioni altalenanti vistesi a Milanello, con Kovacic che non si è ancora integrato, Kepa incerto fra i pali, e Jorginho, altro uomo di Sarri, che nel recente scontro con Matic è stato letteralmente surclassato. «Fuck Sarriball», è lo slogan ripetuto più volte dai tifosi londinesi per sbeffeggiare il sarrismo, e molti di loro, durante la partita contro i Red Devils, si sono uniti ai cori degli avversari “Sarai licenziato domani mattina”. Sui social, a conferma del clima tesissino in casa Blues, sta impazzendo l’hashtag #Sarriout. «Sono preoccupato del risultato, non dei tifosi – ha tagliato corto Sarri in conferenza stampa – ero preoccupato per la panchina quando allenavo in C2, non ora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA