Stadio: “Una canzone per Davide Astori”/ Gaetano Curreri: “È un dolore che devo buttar fuori”

Davide Astori, gli Stadio scriveranno una canzone per lui. Gaetano Curreri sul capitano della Fiorentina morto il 4 marzo scorso: “È un dolore che devo buttar fuori”

02.02.2019 - Silvana Palazzo
Astori_Fiorentina_conferenza_lapresse_2018
Davide Astori (Foto: LaPresse)

Una canzone per Davide Astori: la scriverà Gaetano Curreri, leader degli Stadio. Lo ha annunciato ieri sera a “Rabona”, il programma di Raitre condotto da Andrea Vianello. L’autore di canzoni indimenticabili, come quella dedicata a Scirea e Facchetti “Gaetano e Giacinto” ha promesso: «Scriverò una canzone per Davide Astori». Curreri ha colto l’occasione per ricordare il capitano della Fiorentina, morto improvvisamente il 4 marzo scorso prima della partita di campionato con l’Udinese. «Il ricordo di Astori è commovente, lui era davvero un uomo perbene, sapeva fare squadra, e in un ambiente di giocatori giovani, era fondamentale». E poi ha aggiunto: «Sto cercando di scrivere una canzone su di lui, è un dolore che devo buttar fuori, le canzoni servono anche a questo». E proprio domenica la Fiorentina tornerà a Udine, nella città in cui il suo capitano è morto. «Domenica Davide sarà con noi. Salirà in pullman con noi e scenderà in campo con noi: lo fa tutti i giorni», ha dichiarato Stefano Pioli, allenatore viola.

STADIO: “UNA CANZONE PER DAVIDE ASTORI”

Dopo aver dedicato una canzone a due figure storiche del calcio italiano come Gaetano Scirea e Giacinto Facchetti, gli Stadio hanno deciso di scriverne una anche per Davide Astori. A quasi un anno dalla scomparsa del compianto ex capitano della Fiorentina, è arrivato l’annuncio del leader del gruppo, Gaetano Curreri. Nelle ultime ore il difensore è stato ricordato dall’allenatore della Fiorentina su Dazn. «Quando sono andato a Firenze avevo individuato in Davide la persona giusta per rappresentare un inizio nuovo. Era la persona che poteva dare la personalità e la forza di sostenere un rinnovamento così totale», ha raccontato Stefano Pioli. Il tecnico ha parlato di quanto sia stata difficile la morte di Astori per la squadra e come lo sia ricordarlo un anno dopo: «Non è facile per noi, ma sono situazioni che vanno affrontate». Ma Pioli ha parlato anche di strane coincidenze: «Abbiamo chiaro in mente che Davide aveva giocato l’ultima partita proprio contro il Chievo e poi dopo siamo partiti per Udine. È lo stesso calendario di quest’anno».



© RIPRODUZIONE RISERVATA