DIRETTA/ Venezia Perugia (risultato finale 2-3) DAZN: Decide la rete di Melchiorri

- Claudio Franceschini

Diretta Venezia Perugia, streaming video DAZN: Walter Zenga sfida Alessandro Nesta in una partita delicata in Serie B, con due squadre che non riescono a trovare la giusta continuità.

Segre Bianco Venezia Perugia lapresse 2019
Venezia, Tacopina "Regole non rispettate" (Foto LaPresse)

DIRETTA VENEZIA PERUGIA (2-3): TRIPLICE FISCHIO 

Allo Stadio Pierluigi Penzo il Perugia batte in trasferta il Venezia per 3 a 2. Succede praticamente tutto nel corso del primo tempo: gli ospiti passano in vantaggio con Sadiq ed i padroni di casa si fanno parare un calcio di rigore con Bocalon prima di pareggiare con Segre. I biancorossi tornano avanti poco dopo con Verre ed arrotondano con Melchiorri. Inutile nel finale di secondo tempo, precisamente all’81’, la rete di Di Mariano ad accorciare ulteriormente le distanze. I 3 punti guadagnati oggi consentono al Perugia di portarsi a quota 33 nella classifica di Serie B mentre il Venezia resta fermo a 26 punti. (cronaca Alessandro Rinoldi)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà disponibile la diretta tv di Venezia Perugia: come sappiamo il campionato di Serie B è mandato in onda esclusivamente – ad eccezione dell’anticipo – dalla piattaforma DAZN, che fornisce ai suoi abbonati le immagini del campionato cadetto in diretta streaming video. Usufruendo di apparecchi mobili come PC, tablet o smartphone potrete dunque seguire questa gara, eventualmente collegando i dispositivi alla televisione tramite Chromecast ma anche installando direttamente l’applicazione su una smart tv che abbia una connessione a internet.

E’ INIZIATA LA RIPRESA 

Giunti al cinquantacinquesimo minuto, il punteggio tra Venezia e Perugia è ancora di 1 a 3. In queste fasi iniziali del secondo tempo, iniziato senza sostituzioni da parte di entrambi gli allenatori, sono sempre gli ospiti marchigiani a dettare legge sfiorando addirittura il poker già al 48′ con il solito Melchiorri, sparando però alto il buon suggerimento del compagno Sadiq. I lagunari decidono quindi di cambiare qualcosa al 55′ inserendo sia Di Mariano che Citro al posto di Zennaro e Pinato.

FINE PRIMO TEMPO 

Al termine della prima frazione di gioco le formazioni di Venezia e Perugia sono da poco rientrate negli spogliatoi per l’intervallo sull’1 a 3. I giocatori allenati dal tecnico Zenga trovano la rete del pari al 39′ grazie al colpo di testa di Segre su assist di Zampano ma la squadra di mister Nesta si riporta immediatamente in vantaggio al 40′ per merito di Verre, anche questa volta approfittando di una disattenzione, e, al 44′, Melchiorri aumente ulteriormente il distacco di testa su suggerimento di Mazzocchi. Fino a questo momento il direttore di gara ha ammonito da un lato Modolo, dall’altro Gabriel e Dragomir.

SCOCCA LA MEZZ’ORA

Arrivati alla mezz’ora del primo tempo, il risultato tra Venezia e Perugia è di 0 a 1. I lagunari, feriti nell’orgoglio, non si perdono d’animo e tornano ad attaccare per raggiungere il pareggio. I padroni di casa hanno quindi la chance per ristabilire l’equilibrio al 19′ tramite il calcio di rigore concesso per fallo del portiere Gabriel su Vrioni ma Bocalon sbaglia dal dischetto facendosi parare la conclusione proprio da Gabriel, superlativo nello sventare pure il tentativo di Vrioni sulla respinta.

FASE INIZIALE DEL MATCH 

In Veneto la partita tra Venezia e Perugia è cominciata da una quindicina di minuti nel primo tempo ed il punteggio è di 0 a 0. Nelle fasi iniziali dell’incontro sono i padroni di casa a premere maggiormente sull’acceleratore nel tentativo di passare subito in vantaggio. Tuttavia, in maniera un po’ inaspettata a causa di quanto visto in precedenza, sono gli ospiti a spezzare l’equilibrio al 12′ per merito del romanista Sadiq, bravo ad approfittare immediatamente dell’errore in palleggio di Schiavone ed a lanciarsi in contropiede per sbloccare la partita.

FORMAZIONI UFFICIALI!

Venezia Perugia sta per cominciare: nei pochi minuti che ci separano dal primo posticipo della ventiseiesima giornata di Serie B, prima di scoprire le formazioni ufficiali della partita, analizziamo in breve le statistiche stagionali di queste due squadre. Il Venezia ha raccolto 26 punti in ventitré partite giocate, nelle quali ha raccolto sei vittorie, otto pareggi e nove sconfitte. I gol segnati dal Venezia sono 21, quelli subiti invece 26 e di conseguenza la differenza reti è pari a -5. Il Perugia risponde con numeri migliori: sempre ventitré partite giocate ma con 32 punti, frutto di nove vittorie, cinque pareggi e nove sconfitte. Gli uomini di Alessandro Nesta hanno segnato 30 gol e ne hanno subiti 31: differenza reti dunque pari a -1 per il Perugia. Adesso però non è più il momento di numeri e parole: leggiamo le formazioni ufficiali, poi Venezia Perugia comincia! VENEZIA (4-3-3): Vicario; Zennaro, Modolo, Fornasier, Mazan; Pinato, Schiavone, Segre; Vrioni, Bocalon, Zampano. Allenatore: Walter Zenga PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Mazzocchi, Gyomber, Sgarbi, Felicioli; Falzerano, Carraro, Verre; Dragomir; Sadiq, Melchiorri. Allenatore: Alessandro Nesta (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

 I TESTA A TESTA

Verso la diretta di Venezia Perugia, possiamo osservare che è abbastanza ricco l’elenco dei precedenti di questa partita, che in passato è già stata disputata altre 24 volte. Il bilancio complessivo è nettamente favorevole al Perugia, che infatti vanta ben 14 vittorie a fronte di sette successi per il Venezia e appena tre pareggi. Logicamente dunque gli umbri dominano anche il bilancio dei gol segnati, 32 contro 22 per i veneti. Per il Venezia in compenso i numeri migliorano di molto considerando solamente le partite casalinghe: sette vittorie (tutte quelle ottenute dai lagunari) in dodici partite, a fronte di un pareggio e quattro sconfitte. Le trasferte a Perugia sono invece un incubo per il Venezia, la cui pessima tradizione allo stadio Renato Curi è stata confermata anche sabato 6 ottobre scorso nella partita d’andata di questo campionato. Davanti al proprio pubblico amico, il Perugia infatti si impose per 1-0 grazie al gol messo a segno da Federico Melchiorri al 53’ minuto di gioco. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ARBITRA LUIGI PILLITTERI

Venezia Perugia sarà diretta, come vi abbiamo già segnalato, dall’arbitro Luigi Pillitteri, che fa parte della sezione Aia di Palermo. Inoltre, allo stadio Pierluigi Penzo della città lagunare ci saranno anche i due guardalinee Giovanni Luciano e Vincenzo Soricaro e il quarto uomo Daniele Minelli per completare il quartetto arbitrale di questa partita per la ventiseiesima giornata di Serie B. Tornando al primo arbitro, Luigi Pillitteri è nato a Palermo il 27 febbraio 1985 e in questa stagione ha già arbitrato ben nove partite del campionato di Serie B, con un bilancio di 49 ammonizioni, due espulsioni equamente divise tra un rosso diretto e una somma di ammonizioni, comminato infine quattro calci di rigore. Pillitteri vanta già ben due precedenti stagionali con il Venezia e sono due vittorie per i veneti contro Spezia (1-0) e Brescia (2-1), mentre per il Perugia possiamo citare il successo casalingo per 3-2 sul Padova. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Venezia Perugia, che sarà diretta dal signor Luigi Pillitteri, si gioca alle ore 19:00 di mercoledì 27 febbraio ed è uno dei posticipi nella 26^ giornata del campionato di Serie B 2018-2019. Sfida tra due ex leggende del nostro calcio come Walter Zenga e Alessandro Nesta, che attraversano un momento poco felice: il Venezia ha perso a Livorno la seconda partita nelle ultime tre, ha vinto una sola volta nelle ultime nove e non festeggia un successo esterno dalla fine di ottobre, avendo adesso una classifica complicata con tre punti da difendere sulla zona playout, dove però le avversarie sono agguerrite e stanno marciando. Dal canto suo il Perugia continua a entrare e uscire dalla zona playoff: non vince due partite consecutive da ottobre-novembre (erano state tre), ha ottenuto due successi nelle ultime due trasferte ma ha perso tre volte in fila al Renato Curi (sabato scorso contro il Cosenza), dove non ottiene tre punti dal 27 dicembre. E’ evidente che senza la giusta continuità il Grifone non possa ambire a grandi traguardi; la post season per tentare la scalata alla promozione resta ampiamente alla portata ma bisogna iniziare a viaggiare a velocità decisamente più elevate. Vedremo cosa succederà oggi nella diretta di Venezia Perugia, aspettando la quale possiamo intanto valutare in che modo i due allenatori intendono disporre le loro squadre sul terreno di gioco leggendo il dettaglio delle probabili formazioni.

PROBABILI FORMAZIONI VENEZIA PERUGIA

Avvicinandoci alla diretta di Venezia Perugia scopriamo che Zenga dovrebbe nuovamente puntare sul 4-3-3 o su un centrocampo a rombo: dipenderà dalla posizione di Di Mariano, che può fare l’esterno con Lombardi sull’altro lato del campo oppure il trequartista alle spalle dello stesso Lombardi e di Bocalon. In difesa ballottaggio tra Zampano e Bruscagin per la corsia destra, dall’altra parte potrebbe esserci campo per Mazan (o per lo stesso Bruscagin), in mezzo a protezione di Vicario giocheranno Domizzi e Modolo ma rientra anche Andelkovic, che potrebbe avere una maglia. Centrocampo con Segre, Bentivoglio e Suciu ma i lagunari possono anche disporsi con il 3-5-2; nel Perugia sono importanti i rientri di Dragomir e Verre dalla squalifica: il belga dovrebbe fare il trequartista, il secondo disporsi da mezzala al fianco di Raffaele Bianco con il solito ballottaggio Falzerano-Moscati per l’altra maglia da interno. Il tandem offensivo prevede Vido e Melchiorri, che partono nettamente favoriti (12 gol in due in campionato); in difesa invece Sgarbi e Mazzocchi si giocano il ruolo di terzino destro, Felicioli sembra essere in vantaggio per la maglia di esterno basso a sinistra mentre davanti al portiere Gabriel agiranno Gyomber e Cremonesi.

QUOTE E PRONOSTICO

Per scommettere sulla diretta di Venezia Perugia avete a disposizione le quote fornite dall’agenzia di scommesse Snai: il bookmaker assegna ai lagunari un vantaggio risicato, perchè il segno 1 per la loro vittoria vale 2,60 volte la somma messa sul piatto contro il valore di 2,95 che viene invece posto sul segno 2, eventualità che regola il successo esterno del Grifone. Il pareggio, che viene identificato dal segno X, vi permetterebbe di guadagnare un valore di 2,95 volte quanto avrete investito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA