Pablo Moreno sostituisce Cristiano Ronaldo/ Chi è il talento convocato dalla Juventus

Pablo Moreno, il talento spagnolo della Primavera della Juventus, oggi convocato

Juventus Primavera vs Sampdoria
Juventus Primavera (Si)

C’è anche Pablo Moreno fra i convocati della Juventus per la gara attualmente in corso con il Genoa. Il tecnico Massimiliano Allegri ha lasciato a riposo Cristiano Ronaldo, reduce dalle fatiche in Champions League con l’Atletico Madrid, chiamando appunto il giovanissimo talento classe 2002, pescato direttamente dalla Primavera torinese. 17 anni da compiere il prossimo 3 maggio, Moreno è sbarcato in bianconero durante il calciomercato della scorsa estate, dopo essere cresciuto nella famosa Cantera del Barcellona, “La Masia”. Importante il bagaglio che si è portato dietro dalla Spagna, visto che fra le fila blaugrana, nelle varie categorie giovanili, è riuscito a segnare qualcosa come 200 gol, numeri senza dubbio da tenere in considerazione. La Juventus ha deciso di puntare su di lui, facendogli sottoscrivere un contratto a scadenza 30 giugno del 2022, e fino ad ora non ha deluso le attese, grazie a 26 presenze fra campionato di Primavera 1, Youth League, Coppa Primavera e Serie C, nonché quattro gol e quattro assist.

PABLO MORENO: CHI È IL TALENTO DELLA JUVENTUS

Numeri senza dubbio positivi per un ragazzo non ancora 17enne e che sta approcciando per la prima volta la realtà del calcio italiano. Oggi la chiamata di mister Allegri, una sorta di consacrazione che potrebbe lasciar presagire nuove convocazioni in prima squadra in vista del proseguo della stagione. Un’ipotesi tutt’altro che campata in aria anche perché la Vecchia Signora si è praticamente cucita addosso lo scudetto 2018-2019, e di conseguenza è probabile che il Conte Max faccia riposare i titolari lasciando spazio anche alle nuove leve. La Juventus è riuscita a mettere le mani su Morendo strappando dalle grinfie di altri top club blasonati a lui interessati, a cominciare dal trio di britanniche composte da Manchester City, Chelsea e Arsenal. Il suo ruolo naturale è quello di ala destra, ma non disdegna giocare anche a sinistra e dietro le punte, vista la sua abilità nel portare palla e la sua rapidità nello scatto. Il suo marchio di fabbrica è però il dribbling, e gli avversari raramente riescono a contenere la sua esplosività.



© RIPRODUZIONE RISERVATA