PAGELLE/ Bologna-Siena (1-0): i voti, la cronaca e il tabellino (quattordicesima giornata serie A)

- La Redazione

Il Bologna supera il Siena grazie alla 200esima rete di Capitan Di Vaio, liberato da un assist di tacco firmato Diamanti. Con questi tre punti i felsinei balzano a 14 punti in classifica.

pioli_R400
Il tecnico bolognese Pioli (Foto: Ansa)

Il Bologna supera il Siena grazie alla 200esima rete di capitan Di Vaio liberato da un tacco splendido di Diamanti. I felsinei agguantano i tre punti in una partita tutt’altro che semplice e volano a 14 punti allontando le zone calde di classifica.

Come detto però la partita è tutt’altro che semplice per i padroni di casa, il Siena si conferma squadra ostica e ben disposta dal preparatissimo Sannino. Un ispirato D’Agostino illumina infatti la manovra dei toscani creando dal nulla diverse occasioni da rete degne di nota. La coppia Larrondo-Calaiò paga però una giornata di scarsa lucidità sotto rete e non riesce ad incidere dalle parti di Gillet, comunque decisivo in un paio di occasioni. A rompere il sostanziale equilibrio ci pensa allora il solito Di Vaio che, ritrovatosi dopo un avvio di stagione così così, timbra il cartellino per la terza volta in campionato. Il capitano felsineo raccoglie con freddezza lo splendido assist di tacco di Diamanti e con un diagonale nell’incrocio non lascia scampo all’incolpevole Brkic. La rete del vantaggio sblocca la truppa di Pioli che, dopo aver colpito il Siena nel suo momento migliore, inizia a volare sulle ali dell’entusiasmo trascinata da un Diamanti onnipresente. Ne esce così una gara ricca di ribaltamenti di fronte in cui le due squadre prestano il fianco alle folate avversarie.

Nella ripresa il pressing del Siena diventa ancora più insistente e costringe il Bologna nella sua metà campo. A rompere l’assedio toscano ci pensa, neanche a dirlo, Diamanti che all’undicesimo minuto disegna una parabola deliziosa da calcio piazzato, Brkic non ci arriva ma l’incrocio dei pali mantiene apertissima la gara. Le sortite offensive dei felsinei sono sporadiche ma pericolosissime, tuttavia è il Siena a fare la partita e mantenere con il fiato sospeso l’intero Dall’Ara. L’occasione più ghiotta per la squadra di Sannino arriva alla mezz’ora, quando Calaiò raccoglie il delizioso cross di Reginaldo ma di testa non trova l’angolino alla sinistra dell’immobile Gillet frustrando le speranze di rimonta senesi. Superato lo spavento i padroni di casa arretrano ulteriormente il baricentro e riducono al minimo i rischi, sfiorando addirittura il raddoppio con una bella ripartenza costruita da Garics e conclusa (di tacco) da Di Vaio. Le ultime recriminazioni ospiti arrivano per un tocco di mano dello stesso Garics in area, un rigore che potrebbe starci ma che Mazzoleni non vede. Regalando in questo modo tre punti fondamentali in chiave salvezza al Bologna di Pioli.

Il Tabellino

Bologna-Siena 1-0

Marcatori: 28’pt Di Vaio

Gillet; Raggi (7’st Garics), Portanova, Antonsson (18’pt Cherubin), Morleo; Pulzetti, Mudingayi, Casarini; Ramirez (22’st Crespo), Diamanti; Di Vaio. A disp: Agliardi, Taider, Gimenez, Acquafresca. All: Pioli

Brkic; Vitiello, Rossettini, Terzi, Del Grosso; Mannini (26’st Reginaldo), D’Agostino, Gazzi, Angelo (14’st Grossi); Calaiò, Larrondo (20’st Gonzalez). A disp: Pegolo, Contini, Rossi, Bolzoni. All: Sannino

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo
Ammoniti: 31’pt Pulzetti (Bo), 42’pt D’Agostino (Si), 22’st Vitiello (Si)

Espulsi: Nessuno

 

Bologna 

Gillet 6.5: Poco chiamato in causa risponde sempre presente con parate importanti e, a dirla tutta, anche molto plastiche.

Raggi 6.5: Importante lavoro di copertura, lascia presto spazio al rientrante Garics. (Dal 7’st GaricsRischia molto bloccando con la mano un colpo di testa di Larrondo, non demerita dopo il lungo stop).

Portanova 6.5: Spadroneggia di testa e non solo. Nell’unica occasione in cui si perde Calaiò, l’attaccante ex-Napoli lo grazie incornando fuori.

Antonnson sv: Dopo poco più di un quarto d’ora è costretto ad abbandonare il campo. (Dal 18’pt Cherubin 6.5: Entra a freddo e non paga dazio. Buona la sua prova).

Morleo 6: Dopo un buon primo tempo soffre come il resto della squadra nella ripresa, quando non riesce mai ad innescare la ripartenza.

Pulzetti 6.5: Si fa spesso notare per la buona propensione all’inserimento. Getta il fioretto per usare la spada quando la partita si fa dura.

Mudingayi 7: Solito schermo a protezione della retroguardia.

Casarini 6: Non demerita.

Diamanti 7.5: Geniale ed irresistibile quando libera Di Vaio con il tacco; incredibilmente sfortunato quando trova la traversa a dirgli di no. Tutte le grandi occasioni felsinee nascono dal suo mancino fatato.

Ramirez 5.5: La nota meno lieta di una giornata positiva. Perde troppi palloni e fatica ad incidere nella gara. (Dal 22’st Crespo sv)

Di Vaio 7: Finalmente tornato sui suoi livelli, segna un gol bello e meno facile di quanto possa sembrare. È lo sbocco sul quale si riversano tutte le azioni d’attacco della squadra di Pioli.

 

All. Pioli 7: Dal suo arrivo sulla panchina il Bologna appare una squadra rigenerata.

Siena

Brkic 6.5: Bravissimo tra i pali, un po’ meno nelle uscite.

Vitiello 6: Spesso falloso e scomposto controlla comunque bene la sua zona di competenza.

Rossettini 5.5: Troppo statico in occasione del vantaggio firmato Di Vaio.

Terzi 6: Nonostante la sua squadra esca sconfitta dal Dall’Ara disputa comunque una buona gara.

Del Grosso 5.5: Non nella sua migliore giornata, si vede pochissimo in zona offensiva.

Mannini 5.5: Non incide; gli manca spesso lo spunto finale e non supera mai il diretto avversario. (Dal 27’st Reginaldo sv)

D’Agostino 7: Nel bene o nel male è comunque decisivo per le sorti del Siena. Tutti i palloni gestiti dalla squadra di Sannino passano dai suoi piedi. Regala anche un paio di punizioni interessantissime non sfruttate dai compagni.

Gazzi 6: Sfiora il gol in un paio di occasioni.

Angelo 5.5: Sannino ripone fiducia in lui ma non viene ripagato. (Dal 18’st Grossi 6: Gettato nella mischia per gli ultimi assalti, almeno ci prova).

Calaiò 5.5: Si fa vedere e corre in continuazione ma il gol sbagliato alla mezz’ora della ripresa grida ancora vendetta.

Larrondo 5: Non punge, praticamente mai pericoloso. (Dal 20’st Gonzalez 5: E’ vero che ha poche occasioni per mettersi in mostra, però quando viene mandato in campo non si vede praticamente mai).

 

All. Sannino 6: In qualsiasi campo vada il suo Siena fa incetta di complimenti per organizzazione di gioco e volontà. Attraversa un periodo sfortunato ma continuando per questa strada i risultati si vedranno.

 

(Massimiliano de Cesare)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori