CHAMPIONS LEAGUE/ Real all’attacco: troppe simulazioni da parte del Barça

- La Redazione

Il Real Madrid ha accusato il Barça di condotta antisportiva. In particolare un video dimostrerebbe che non c’era il fallo di Pepe su Dani Alves che ha portato all’espulsione del madridista

mourinho_guardiola_r400
Guardiola e Mourinho (Foto Ansa)

L’andata della semifinale di Champions tra Real Madrid e Barcellona, preceduta da un’attesa spasmodica, si è rivelata una partita nervosa, polemica e alquanto deludente dal punto di vista spettacolare, almeno fino a quando non si è acceso un certo Messi. La gara è stata caratterizzata da numerose, discusse decisioni dell’arbitro Stark, prima fra tutte l’espulsione del madridista Pepe, che ha scatenato la furia di Mourinho. Nel dopopartita lo Special One ha accusato tutto e tutti, dagli arbitri, presenti e passati al presidente della Federcalcio spagnola, fino a bersagliare addirittura l’Unicef. Il portoghese si è chiesto a più riprese perché certe decisioni arbitrali sono sempre a lui ostili e ha polemizzato sul presunto potere-Barça; stoccata finale, l’augurio al collega Guardiola di vincere finalmente una Champions pulita, senza ‘scandali’, come quelli, a suo dire, di Stamford di 2 anni fa e di ieri sera. Addirittura il club catalano sta pensando se denunciare o meno all’Uefa l’ex-tecnico dell’Inter; di certo però, Mou ha tutto il Real a spalleggiarlo nella sua battaglia. Dal proprio sito ufficiale le merengues passano al contrattacco: quello di Pepe non era fallo, dunque la gara è stata falsata.

“Un’immagine vale più di mille parole: Pepe non tocca Daniel Alves. I giocatori del Barcellona hanno simulato”, questo il tono, pacato ma deciso, da parte del club madrileno. “Il video trasmesso da Realmadrid TV chiarisce l’azione che ha cambiato il volto della partita”, si legge sul sito del Real. ”Le immagini mostrano in maniera chiara che il giocatore del Real Madrid ha colpito il pallone, che si colloca tra i piedi dei due calciatori. Il resto dell’azione e’ noto:  Alves, con plateali gesti di sofferenza, esce dal campo in barella. L’arbitro tedesco Stark, dopo essersi consultato con uno dei suoi assistenti, mostra al portoghese il cartellino rosso, dopo quasi un minuto dall’episodio. Alves, dopo aver preso atto della decisione arbitrale, torna in campo di corsa”. Dunque la dirigenza dei blancos ha preso ufficialmente posizione; Stark ha sbagliato, quindi tutti con Mou. La guerra totale col Barça continua.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori