SAMPDORIA-BRESCIA/ Cavasin: Sfida da dentro o fuori

- La Redazione

Secondo Alberto Cavasin Sampdoria-Brescia sarà una sorta di finalissima, una gara da non sbagliare assolutamente se si vuole centrare la salvezza. Il mister prevede un match senza calcoli

macca_palombo_poli_r400
I giocatori della Samp (foto ANSA)

Domenica pomeriggio Marassi ospiterà il decisivo scontro-salvezza tra Sampdoria e Brescia. Sarà un match da non fallire assolutamente, per entrambe le squadre. La Samp è reduce dallo striminzito ma importante successo di Bari mentre le rondinelle hanno perso l’ultima gara col Milan. Certo, perdere anche domani sarebbe letale per le speranze di permanenza. In conferenza-stampa il tecnico doriano Alberto Cavasin ha sottolineato l’enorme posta in palio della gara: “Dalla settimana scorsa, ogni partita può determinare l’esito finale del nostro campionato. Contro il Bari bisognava vincere per continuare a sperare; contro il Brescia sarà un’altra sfida da dentro o fuori, sfida fondamentale per il nostro immediato futuro. La stiamo vivendo così e ne conosciamo perfettamente il valore”.

Il mister dei liguri non vuole appellarsi ad alibi di formazione. Il gruppo c’è e si avanti con quello: “Abbiamo i nostri infortunati e squalificati, però ancora adesso posso contare su 18 elementi validi che avevamo all’inizio della settimana visto che non ci sono stati contrattempi. La condizione atletica non è un problema: la partita la viviamo con intensità non solo emotiva e caratteriale come all’inizio della mia esperienza qui, ma anche dal punto di vista fisico. Direi che anche su questo piano siamo pronti per il rush finale”.

Cavasin non ha voluto svelare la formazione, che dovrebbe essere decisa per 9/11: “Quali scelte per domenica? Qualcosa cambieremo, non è pretattica ma non mi va di entrare oggi nei particolari. Un ballottaggio in due ruoli, a centrocampo ed in attacco, ci sarà fino a domenica”.

Questo il suo giudizio sugli avversari: “Verranno a Genova e finché potranno attaccheranno. Sia in casa sia fuori sono una squadra votata ad un determinato tipo di atteggiamento, penso ad esempio a come avevano giocato a Torino con la Juventus. Però penso che nemmeno da parte nostra ci saranno calcoli: vedremo due squadre che vorranno imporsi fin da subito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori