VILLAS BOAS/ Ritratto: più che Mourinho pare Guardiola

- La Redazione

L’allievo supera il maestro, almeno per una settimana. Stiamo parlando di Villas Boas, tecnico del Porto, che ieri ha distrutto il Villareal. Periodo negativo invece per Mourinho.

villas_boas_R400_27apr11
Villas Boas (Ansa)

L’allievo supera il maestro, almeno per una settimana. Mercoledì sera Josè Mourinho esce sconfitto in tutti i sensi dal confronto con il Barcellona di Guardiola nell’andata delle semifinali di Champions League. Ieri invece l’allievo, André Villas Boas, ha strapazzato cinque a uno il Villareal di “Pepito” Rossi, balzando agli onori della cronaca. Mourinho è invece preda della furia della stampa spagnola. Villas Boas ieri ha mostrato al mondo intero di cosa è capace il suo Porto, in molti hanno assicurato che se la partita fosse durata un’altra mezz’ora il Porto avrebbe raggiunto la doppia cifra. I lusitani giocano un calcio spettacolare, fatto di ricami (Hulk, Fernando, Guarin su tutti) e ripartenze, sopravvosizioni, movimenti senza palla, uno spettacolo per gli occhi.

E’ un Porto estremamente concreto in attacco, in stagione ha segnato tantissimo mentre in difesa è molto attento. Ha vinto il campionato portoghese con molte giornate d’anticipo, subendo appena 13 reti con una media inglese che registra un più cinquantuno. Uno degli artefici principali è sicuramente Villas Boas, il tecnico di 34 anni che mezza Europa cerca. Ex assistente di Mourinho prima al Porto, poi al Chelsea e per una stagione all’Inter, decise di andare avanti da solo.

Per molti è lo Special Two, il Portogallo lo definisce l’erede di Mourinho, ma dal punto di vista dell’impostazione di gioco siamo su due pianeti differenti. Mourinho, pur vincendo tantissimo, non ha mai offerto un calcio spettacolo, bensì un gioco pragmatico e destinato ad annichilire l’avversario attraverso un pressing asfissiante. Villas Boas da questo punto di vista assomiglia molto a Guardiola, entrambi amano giocare un calcio spettacolare, tocchi di prima, gioco sulle fasce e ripartenze rapide. Uno Special Two con un tocco di classe in più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori