CALCIOMERCATO/ Lecce, Di Michele guida la rivoluzione giallorossa

- La Redazione

Il Lecce riparte stasera dal ritiro di Tarvisio. Rivoluzione totale in casa giallorossa: addio ai Semeraro, nuovo anche il tecnico, Eusebio Di Francesco. Si riparte dal bomber Di Michele

david_dimichele_r400
David Di Michele (foto ANSA)

Oggi è la giornata del varo del nuovo Lecce 2011/12. In casa giallorossa è stata compiuta un’autentica rivoluzione. Via i Semeraro dal vertice del club, è arrivato un nuovo gruppo con a capo la presidentessa Isabella Liguori; nuovo anche il tecnico, Eusebio Di Francesco, messosi in luce in cadetteria, che ha preso il posto di Gigi De Canio; e nuova, ovviamente, anche se tuttora da completare, la squadra. Sono partiti Rosati, finito al Napoli, Munari, riscattato dal Palermo e Fabiano che ha deciso di provare una nuova esperienza in Cina. Bertolacci è tornato alla Roma. Adesso sul mercato ci sono Cacia, preso alle buste, e Mesbah, che è seguito da tempo dal Parma. Confermato il ritorno in Salento del difensore Andrea Esposito, si punta tutto su quattro giocatori in particolare: il difensore Tomovic, i centrocampisti Giacomazzi e Vives e l’attaccante Di Michele. Tomovic, con la partenza di Fabiano, sarà il perno della retroguardia; il giocatore si è ambientato molto bene e ci tiene a ripetersi, anche per affermarsi con la Nazionale serba. L’uruguagio è ormai una certezza per i tifosi giallorossi; grinta, giocate di qualità e qualche gol sono abituali per i suoi standard. Al suo fianco è cresciuto tantissimo il napoletano Vives, dichiarato incedibile dai pugliesi, che si apprestano a rinnovargli il contratto. E poi c’è lui, David Di Michele, l’uomo-gol della squadra; servono i suoi guizzi per conquistare una nuova salvezza, si spera più tranquilla di quella precedente. La neo-presidente Isabella Liguori ha intenzione di non lasciare nulla di intentato; sul campo l’obiettivo è la salvezza, fuori bisognerà tenere i conti sempre in ordine. “La nostra ‘mission’ in questa stagione sarà quella di coniugare il risultato sportivo agli obiettivi economici, ovvero il pareggio di bilancio”. Il nuovo amministratore delegato Renato Cipollini vuole un Lecce “con un mix di esperienza e gioventù. Il lavoro che ci attende non sarà semplice, ma abbiamo un paio di mesi davanti: sarebbe sbagliato creare aspettative immediate, perchè per poter operare bene occorre attendere che determinate situazioni si decantino, evitando di andare subito allo sbaraglio. Era difficile ipotizzare un organico completo alla partenza del ritiro, anche perchè è necessario non farsi prendere dalla fretta”.

Nessuna fretta, ma stasera si parte per Tarvisio e mister Di Francesco ha una squadra ancora largamente incompleta. Serviranno uomini forti per la ‘mission’ del Lecce. Il tempo inizia a stringere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori