PARMA-SIENA/ Probabili formazioni e aggiornamenti alla vigilia della partita (diciottesima giornata serie A)

Parma e Siena si sfidano domani in una delicata gara importante per la salvezza. E’ l’esordio per Donadoni. Il Siena di Sannino non ha mai vinto in trasferta. Out Mirante tra i ducali.

14.01.2012 - La Redazione
Giovinco-2
Sebastian Giovinco (Infophoto)

Uno scontro molto delicato, valevole per la sempre complessa lotta per non retrocedere, quello che domani alle 15 vedrà impegnate Parma e Siena allo stadio Tardini. E’ l’esordio in panchina per Roberto Donadoni, subentrato a Colomba, esonerato dopo l’umiliazione patita sul campo dell’Inter. Per l’ex CT della Nazionale è la quarta esperienza in serie A dopo quelle di Livorno, Napoli e Cagliari. A Parma arriva un Siena che invece lo scorso weekend ha fatto il pieno di punti e di gol: il 4-0 alla Lazio ha smosso la classifica dei toscani, che adesso sono a +6 sulla coppia Novara-Cesena, che peraltro si sfideranno al Manuzzi proprio domani. La squadra di Sannino non ha mai vinto fuori casa in questo campionato e lontano dal Franchi ha segnato la bellezza (eufemismo…) di tre gol; il Parma, invece, ha collezionato tra le mura amiche 15 punti in 9 partite, un ottimo bilancio per una squadra di bassa classifica, ma subisce troppo (31 reti, terza peggior difesa del torneo). Sarà dura per il Siena, che potrebbe comunque accontentarsi di un pareggio; conoscendo però il suo allenatore, siamo convinti che al Tardini cercherà comunque i tre punti. Lo si evince anche dalla formazione: il solito 4-4-2 offensivo, con Brienza che partirà largo a sinistra ma di fatto supporterà in toto l’azione di Destro e Calaiò, i matador della Lazio (doppietta per entrambi). Sempre out Brkic, in porta ci sarà Pegolo; domani non sarà della partita nemmeno Bolzoni, che dovrà fermarsi per 2-3 settimane. Al suo posto si rivede D’Agostino, uno che sa cosa vuol dire la pressione. Tutto confermato in difesa con Rossettini e Terzi coppia centrale e Vitiello e Del Grosso a presidiare le fasce. Donadoni risponde con un 4-3-2-1 che potrebbe però diventare 4-3-1-2: alla vigilia comunque lo schema prescelto sembra essere il primo, con Giovinco e Biabiany alle spalle dell’unica punta Floccari. Galloppa è squalificato: il suo posto sarà occupato probabilmente da Musacci. Mirante è out, pronto Pavarini al suo posto. In difesa rientra Lucarelli, che a San Siro era stato rimpiazzato da Brandao: farà coppia con Paletta, Zaccardo e Gobbi gli esterni. Occhi puntati su Giovinco, che specialmente in casa tende a fare la differenza spesso e volentieri.

 

 

Pavarini; Zaccardo, Lucarelli, Paletta, Gobbi; Valiani, Musacci, Morrone; Biabiany, Giovinco; Floccari. All.: Donadoni

 

A disp: Gallinetta, Brandao, Pereira, Modesto, Jadid, Palladino, Crespo.

 

Squalificati: Galloppa (1)

 

Indisponibili: Mirante, Pellè

 

Pegolo; Vitiello, Rossettini, Terzi, Del Grosso; Angelo, Gazzi, D’Agostino, Brienza; Destro, Calaiò. All.: Sannino

 

A disp.: Farelli, Contini, Rossi, Vergassola, Mannini, Reginaldo, Gonzalez.

 

Squalificati: nessuno

 

Indisponibili: Brkic, Bolzoni

 

 

Arbitro: Peruzzo di Schio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori