VERONA-JUVE STABIA/ Probabili formazioni e ultime notizie (serie B, ventitreesima giornata)

- La Redazione

La formazione allenata da Andrea Mandorlini ospiterà oggi le ‘vespe’ di Castellammare, reduci da un bel successo contro l’Empoli. Gli scaligeri vogliono dimenticare il ko col Pescara…

Mandorlini
Mandorlini (infophoto)

Dimenticare la sconfitta col Pescara. E’ l’imperativo categorico del Verona, che vuole subito riprendere la sua brillantissima marcia. L’avversario di oggi, però, non è dei più facili: la Juve Stabia, infatti, è una delle formazioni più in salute del campionato cadetto. Nell’ultimo turno la squadra di Piero Braglia ha rifilato un secco 3-1 all’Empoli e, in generale, si sta confermando come compagine dal rendimento piuttosto regolare. In casa gli scaligeri hanno collezionato sei vittorie, tre pareggi e due sconfitte, con quattordici reti realizzate e undici subìte. Gli stabiesi, posizionati sorprendentemente al settimo posto – a pari punti col Varese e ad una sola lunghezza di distanza dalla zona playoff – hanno raccolto in campo esterno tre successi, tre pari e cinque ko, segnando quattordici gol e incassandone sedici. Le ‘vespe’ vorranno riscattare la sconfitta dell’andata. Poco beneaugurante un dato, relativo al tecnico Piero Braglia, che non ha mai vinto contro il collega Andrea Mandorlini. Finora quattro precedenti, con due vittorie dell’allenatore ravennate e due pareggi. Il Verona scenderà in campo secondo il modulo 4-3-1-2, con Rafael tra i pali, linea difensiva a quattro composta da Abbate, Mareco, Maietta e Scaglia, in mediana un terzetto composto da Russo, Tachtsidis ed Hallfredsson, sulla trequarti il brasiliano Jorginho, pronto a pennellare assist per il tandem offensivo Ferrari-Gomez. Risponderà la Juve Stabia con un classico 4-4-2: in porta Colombi, in difesa Baldanzeddu e Dicuonzo saranno gli esterni, con Molinari e Scognamiglio al centro. Centrocampo con Erpen, Mezavilla, Scozzarella e Zito, davanti toccherà a Sau e Danilevicius provare a spaventare la retroguardia avversaria. Assenti Mbakogu e, molto probabilmente, l’influenzato Cazzola. A dirigere l’incontro ci sarà Aleandro Di Paolo della sezione di Avezzano, con l’assistenza dei guardalinee Meli e Manna. Quarto uomo Tommasi di Bassano del Grappa. Un solo precedente in Veneto tra le due squadre: si parla addirittura del campionato di serie B 1951-52, allora i veronesi si imposero con il risultato di 2-0. I tifosi stabiesi staranno già facendo tutti gli scongiuri del caso…

 

 

Rafael; Abbate, Mareco, Maietta, Scaglia; Russo, Tachtsidis, Hallfredsson; Jorginho; Ferrari, Gomez. All. Mandorlini

 

Colombi; Baldanzeddu, Molinari, Scognamiglio, Dicuonzo; Erpen, Mezavilla, Scozzarella, Zito; Sau, Danilevicius. All. Braglia

 

Arbitro: Di Paolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori