CALCIOMERCATO/ Udinese, per restare in vetta si cercano Pazienza e Alfaro

- La Redazione

Obiettivo: rimanere in alto. Problema: Asamoah, Benatia e Badu in partenza per la Coppa d’Africa. L’Udinese ha già preso Fernandez e ora punta a comprare Pazienza e l’uruguaiano Alfaro.

guidolin_r400
Francesco Guidolin, tecnico Udinese (Infophoto)

L’obiettivo del 2012 in casa Udinese è chiaro ma certamente non semplice: confermarsi ai massimi livelli del calcio italiano. La squadra friulana è ormai una solidissima realtà che da anni fa molto bene, quindi è totalmente fuori luogo parlare di “miracolo”, però quest’estate, dopo le tre pesantissime partenze di Sanchez, Inler e Zapata (una cessione rilevante per reparto), un ridimensionamento sembrava inevitabile, e qualcuno addirittura arrivava a ricordare i disastrosi precedenti di Chievo e Sampdoria, passati nel giro di una stagione dai preliminari di Champions League alla retrocessione in serie B. Mai previsione fu più sbagliata: i bianconeri friulani sono terzi con 32 punti, a due sole lunghezze dalla coppia Milan-Juventus, e addirittura con alcuni rimpianti per un calendario mai favorevole a causa del doppio impegno con l’Europa League, competizione peraltro sempre onorata con impegno e che ha premiato l’Udinese con un sorteggio sulla carta favorevole, che potrebbe consentire a Guidolin di andare molto avanti in Europa. Però gli ostacoli per l’Udinese sembrano non finire mai: nelle prossime settimane, i friulani saranno la squadra italiana decisamente più penalizzata dalla Coppa d’Africa (che ormai è anacronistico collocare a metà stagione, la Fifa dovrebbe cambiare qualcosa), che porterà lontano da Udine Asamoah, Benatia e Badu, tre pezzi da novanta per la squadra dei Pozzo. La proprietà dovrà quindi muoversi sul mercato, e ad onor del vero qualcosa è già stato fatto: è arrivato Gelson Fernandez, centrocampista svizzero di origini capoverdiane, con già una esperienza italiana nel Chievo la scorsa stagione, e sicuramente si tratta di un acquisto di buon valore (è passato anche dal Manchester City, e con la nazionale ha giocato sia gli Europei 2008 sia i Mondiali 2010). La dirigenza però non vuole fermarsi qui, e un altro obiettivo per il centrocampo è Michele Pazienza, che visse già due stagioni ad Udine ad inizio carriera (dal 2003 al 2005) e che alla Juventus in questa stagione sta trovando poco spazio. Lo stesso procuratore del giocatore, Vincenzo D’Ippolito, ha dichiarato nei giorni scorsi che Pazienza piace all’Udinese, quindi l’affare ha concrete possibilità di realizzarsi in questa sessione del mercato.

Le altre esigenze sono una riserva affidabile in difesa, per perfezionare ulteriormente la migliore retroguardia italiana, e soprattutto un vice Di Natale, che completi un attacco troppo dipendente dal numero 10, e il nome caldo in questi giorni è quello di Emiliano Alfaro, attaccante uruguaiano classe 1988 del Liverpool Montevideo, che ha il passatorto comunitario (cosa che non guasta mai), ma sul quale ci sarà da battere la concorrenza del Palermo.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori