CALCIOMERCATO/ Genoa, Gilardino: Luce spenta? Qui si è riaccesa…

- La Redazione

Inizia l’avventura genoana di Alberto Gilardino, che ne approfitta per rispondere a tono alla frecciata del ds viola Corvino. Nella sua mente, adesso, c’è solo il Grifone (e la Nazionale).

alberto_gilardino_r400
Alberto Gilardino (Infophoto) debutterà col Genoa

Al Genoa è il Gilardino-day. Oggi il nuovo bomber rossoblù è stato presentato in conferenza-stampa, tra l’entusiasmo dei tifosi, che acclamano il nuovo idolo. ‘Gila’ ha scelto l’82 come numero di maglia, in quanto richiama il suo anno di nascita, che poi è anche l’anno del trionfo Mundial dell’Italia di Bearzot. Già dalla scorsa estate, ha raccontato l’attaccante, il Grifone era sulle mie tracce. La trattativa, che al momento si arenò, si è riaperta a dicembre grazie all’insistenza di Preziosi, che ha scommesso forte su di lui. Gilardino, infatti, ha firmato un contratto quinquennale: un impegno non da poco, per entrambe le parti. Per giunta, arrivato in un’età non verdissima per il diretto interessato (29 anni). Da parte sua, quindi, arrivano tanti ringraziamenti per il presidente Enrico Preziosi, che gli ha concesso tanta fiducia. Ma anche, senza rancore, alla Fiorentina e ai Della Valle. A Firenze, ha spiegato il giocatore, ho vissuto anni bellissimi, in una città davvero splendida, che mi ha regalato tante emozioni. Peccato, però, che l’addio non sia stato dei migliori. Corvino ed in parte anche Rossi lo hanno accusato, senza mezzi termini, di aver smarrito le motivazioni: “In lui si era spenta la luce”. “Qui si è riaccesa”, ha risposto, prontamente, con grande ironia, il Grande Accusato, che ha lamentato gli attacchi ricevuti nell’ultimo periodo, dalla stampa e non solo. Facile capire a chi si riferisse. Gilardino ha garantito di non aver mai tirato indietro la gamba e, anzi, di essere rientrato prima del dovuto dopo l’ultimo infortunio subìto. Sul fatto che possa essere, quello offertogli dal Genoa, l’ultimo grande contratto della carriera, preferisce glissare: “Mi godo il presente, nel club più antico del mondo”. Gli stimoli, insomma, non gli mancheranno di certo, anche perchè sia i tifosi che i nuovi compagni lo hanno accolto subito alla grande. Lo spogliatoio, ha sottolineato, è molto unito, nonostante la mescolanza di lingue e di nazionalità diverse. Adesso, ha chiosato, la sua unica missione è quella di dare il meglio di sè, facendo tanti gol con la maglia rossoblù, anche per rafforzare la sua candidatura in ottica Nazionale: chè quest’anno ci sono gli Europei, mica roba da ridere.

Un Gilardino, dunque, carico e ambizioso al punto giusto. I tifosi genoani già sognano le sue prodezze…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori