PROBABILI FORMAZIONI/ Udinese-Pescara: ultime novità (ottava giornata serie A)

- La Redazione

Udinese-Pescara si gioca alle ore 15 allo stadio Friuli ed è valida per l’ottava giornata del campionato di serie A. I friulani cercano il sorpasso in classifica e la seconda vittoria.

Maicosuel
Foto Infophoto

Allo stadio Friuli l’Udinese affronta il Pescara nell’ottava giornata di serie A. Partita interessante tra la formazione friulana che ha 6 punti in classifica e nell’ultimo turno ha perso a Napoli, e gli abruzzesi fermi a quota 7 e reduci dalla sconfitta casalinga contro la Lazio. Sulla carta l’Udinese è favorita, ma non ha avuto un avvio di stagione troppo brillante e ha di fronte una squadra vivace e in salute, che se la vuole giocare a viso aperto. L’arbitro sarà Giannoccaro, si comincia alle 15.

Francesco Guidolin non vuole sentir parlare di partita facile: “Sono sicuro che il Pescara ci creerà problemi. Rispetto a noi hanno già vinto in trasferta, sono davanti in classifica e hanno sempre giocato buone partite”. C’è qualche problema di formazione: “Ma abbiamo valide alternative e punteremo su quelle”. Il modulo non cambia: resta il 3-5-1-1, ci sono però interpreti diversi. Confermata la linea difensiva davanti a Brkic, con Benatia, Danilo e Domizzi; a centrocampo Faraoni è favorito su Pereyra per agire da esterno destro, Gabriel Silva sarà il laterale a sinistra  e quindi Armero sembra nuovamente destinato alla panchina, con al centro la regia di Pinzi e gli interni Allan e Lazzari. Davanti si rivede Maicosuel: sembrava epurato dopo il cucchiaio sbagliato contro lo Sporting Braga e invece Guidolin lo ha inserito contro il Napoli e lo ripropone oggi. Bella occasione per il brasiliano, che supporterà Totò Di Natale. 

I due portieri Padelli e Pawlowski si siederanno insieme a Angella, Heurtaux, Pereyra, Armero, Willians, Fabbrini, Barreto e Ranegie. 

E’ sempre fermo ai box Dusan Basta, che però dovrebbe rientrare alla prossima; out anche Badu e Pasquale, un mese di stop ulteriore per Muriel. 

Giovanni Stroppa, ex della partita, teme l’Udinese: “Non ha punti deboli, e non credo che cambieranno modulo, hanno un’identità precisa con i tre dietro. Da parte mia voglio rivedere lo spirito battagliero che ci ha permesso di fare punti a Bologna e Cagliari”. Per riuscirci il tecnico cambia: 4-4-1-1 per infoltire il centrocampo, e interpreti diversi. In difesa poche novità: Perin in porta con Zanon (più lui di Balzano) e Modesto sulle fasce e Capuano (reduce dall’impegno con l’Unger 21) e Bocchetti come coppia centrale. A centrocampo gli interni saranno d’esperienza, Blasi e Cascione con Nielsen e Weiss sulle fasce; finora lo slovacco ha sempre risolto entrando in corsa, da valutare dal primo minuto. Bocciato Vukusic: la prima punta sarà Jonathas, con il supporto di Bjarnason. 

Insieme a Pelizzoli si vanno a sedere Balzano, Cosic, Simone Romagnoli, Brugman, Quintero, Soddimo, Caprari, Celik, Vukusic e Abbruscato. E’ un’inversione di tendenza per Stroppa: vedremo se pagherà.

Ne ha ancora per una settimana Terlizzi così come Colucci, rientro tra 15 giorni invece per Crescenzi. Savelloni è fuori per ancora due mesi.

 

 Brkic; Benatia, Danilo, Domizzi; Faraoni, Allan, Pinzi, A. Lazzari, Gabriel Silva; Maicosuel; Di Natale. All. Guidolin

A disp: Padelli, Pawlowski, Angella, Coda, Heurtaux, Pereyra, Armero, Willians, Fabbrini, Ranegie, V. Barreto

Squalificati:

Indisponibili: Basta, Pasquale, Badu, Muriel

Perin; Zanon, M. Capuano, A. Bocchetti, Modesto; Nielsen, Blasi, Cascione, Weiss; Bjarnason; Jonathas. All. Stroppa

A disp: Pelizzoli, Balzano, Cosic, S. Romagnoli, Brugman, Quintero, Soddimo, Caprari, Celik, Vukusic, Abbruscato

Squalificati: –

Indisponibili: Terlizzi, Crescenzi, Colucci, Savelloni

 

Arbitro: Giannoccaro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori