DIRETTA/ Liverpool-Udinese live (Europa League 2012-2013, gruppo A): la partita in temporeale

- La Redazione

La diretta di Liverpool-Udinese, partita valida per la seconda giornata del gruppo A dell’Europa League 2012-2013: segui e commenta la partita di Anfield Road in temporeale dalle ore 21.05

liverpool_anfieldR400
(INFOPHOTO)

Questa sera alle ore 21.05 si gioca Liverpool-Udinese, partita valida per la seconda giornata del gruppo A dell’Europa League 2012-2013. E’ un appuntamento di grande fascino e molto importante per entrambe le formazioni. Il Liverpool (3 punti) può considerarsi una delle candidate alla vittoria finale dell’Europa League, e ha già incamerato i primi tre punti della prima partita del girone. I Reds vogliono guadagnare al più presto la qualificazione per potersi dedicare esclusivamente alla Premier League, che attualmente li vede già indietro rispetto alle prime. La squadra di mister Brendan Rodgers vorrà sicuramente offrire una bella prestazione al proprio pubblico. Di contro l’Udinese (1 punto) ha più urgenza di fare punti: il pareggio contro l’Anzhi, maturato nella prima giornata, è un buon risultato ma non consente passi falsi agli uomini di Guidolin, che in ogni caso cercano l’impresa storica alla conquista di Anfield Road. Un eventuale risultato di parità tra Liverpool e Udinese non sarebbe da buttare via per entrambe ma soprattutto per l’Udinese, considerando le tradizionali difficoltà ambientali che riservano le trasferte contro le squadre inglesi. L’arbitro di Liverpool-Udinese sarà lo svedese Johannesson, assistito dai guardalinee Sjoblom e Flink, dal quarto uomo Andren e dagli arbitri di porta Strombergsson e Mattsson. Liverpool-Udinese si giocherà allo stadio di Anfield Road.

Il Liverpool non ha iniziato la stagione nel migliore dei modi. La squadra è stata rinnovata in estate con l’avvento del tecnico emergente Brendan Rodgers, formatosi nell’Academy del Chelsea e fautore del miracolo Swansea City, prima società gallese a militare nel massimo campionato di calcio inglese. L’organico non è più quello che possiamo avere in mente, essendo stato rinnovato e ringiovanito in un restyling molto simile a quello provato dalla Roma, con Luis Enrique prima e Zeman ora (proprietà americana compresa). Tra l’estate scorsa e quella appena passata sono arrivati a Liverpool diversi nuovi giocatori come i difensori Sebastian Coates e Josè Enrique, i centrocampisti Charlie Adam, Joe Allen, Jordan Henderson, Nuri Sahin e Stewart Downing e l’attaccante Fabio Borini, strappato alla Roma. Attualmente la rosa del Liverpool, sempre imperniata sulla classe di Steven Gerrard e Luis Suarez, registra un buon livello di talento medio ma la squadra deve ancora assimilare al meglio le nuove metodologie di Rodgers. In campionato il Liverpool viaggia alla media di un punto a partita avendo raccolto sei punti in altrettante gare, frutto di una vittoria (5-2 sul campo del Norwich) e due pareggi ottenuti contro Sunderland e Manchester City. Vero è anche che in queste prime esibizioni si è intravisto qualcosa di interessante sul piano del gioco manovrato, ma l’impressione è che ci vorrà ancora del tempo per vedere il Liverpool che ha in mente il nuovo allenatore. Questa sera Rodgers non potrà contare su tre infortunati, i difensori Martin Kelly e Josè Enrique e il centrocampista brasiliano Lucas Leiva. Nella prima partita del girone A il Liverpool si è imposto sul campo degli Young Boys col pirotecnico punteggio di 5-3. Decisivo nell’occasione è stato l’ingresso in campo del giovane centrocampista Jonjo Shelvey, già etichettato come nuovo Gerrard, autore di una doppietta. Non sarà comunque facile per l’Udinese portare a casa un risultato positivo: sappiamo quanto la vetrina europea possa rigenerare le squadre in difficoltà in ambito nazionale. Come ha ricordato anche l’ex bomber udinese Massimo Margiotta (clicca qui per l’intervista prepartita), le difficoltà maggiori potrebbero essere ambientali: l’inghilterra non è mai stata terra di conquista per le nostre squadre, nazionale compresa. I friulani sono reduci dal pareggio a reti bianche contro il Genoa, una partita che ha confermato come la squadra non stia attraversando un momento brillantissimo (anche se va detto che mancava Di Natale, escluso da Guidolin). In campionato l’Udinese è quindicesima a quota sei punti, avendo raccolto una vittoria (2-1 contro il Milan) e tre pareggi in sei giornate: l’obiettivo resta la prima colonna di classifica ma è possibile che per i bianconeri questa possa essere una stagione di transizione. Guidolin deve fare i conti con due assenze non irrilevanti: quelle di Luis Muriel, fuori però già da tempo, e di Dusan Basta, che probabilmente sarà rimpiazzato da Faraoni (clicca qui per le probabili formazioni complete). Nella prima partita del raggruppamento l’Udinese ha raccolto un buon pareggio interno contro l’Anzhi, maturato nelle battute finali grazie ad un gol del solito Di Natale. L’Udinese ha conquistato il punto in extremis ma la prestazione è stata buona: per questo c’è fiducia che i bianconeri possano ripetersi ad Anfield. Questa sera sarà la prima volta nella storia che si affrontano Liverpool e Udinese. I Reds hanno alle spalle 23 precedenti contro le squadre italiane di cui 8 vinti, 5 pareggiati e 10 persi. Il Genoa è stata la prima squadra italiana a violare il sacro tempio di Anfield, imponendosi per 2-1 nella coppa UEFA 1991-92 grazie alla doppietta di Carlos Aguilera. L’ultimo confronto tra il Liverpool e una squadra italiana risale all’Europa League di due stagioni fa, quando nella fase a gironi il Napoli di Walter Mazzarri fu prima sconfitto ad Anfield (1-3, tripletta di Gerrard e gol di Lavezzi) e poi bloccato sullo 0-0 al San Paolo. Per l’Udinese invece sono solo tre i precedenti contro le squadre inglesi: uno nel 2008 contro il Tottenham (vittoria 2-0 firmata Di Natale e Pepe) e due contro l’Arsenal, nello sfortunato doppio preliminare di Champions League 2011-2012 (0-1 a Londra con gol di Walcott e 1-2 al Friuli con marcatori Di Natale, Van Persie e Walcott). Ora è davvero il momento di lasciare la parola al campo: Liverpool-Udinese sta per cominciare…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori