SERIE A/ Chievo-Pescara (2-0): sintesi, gol e video highlights (decima giornata)

Ecco il video con la sintesi, i gol e gli highlights delle azioni principali di Chievo-Pescara (2-0), partita della decima giornata di serie A che si è giocata allo stadio Bentegodi.

01.11.2012 - La Redazione
giovanni_Stroppa_r400
Giovanni Stroppa, prima stagione sulla panchina dello Spezia (Infophoto)

Vittoria molto importante per il Chievo nello scontro diretto che è andato in scena allo stadio Bentegodi di Verona nella decima giornata di serie A. Chievo-Pescara è finita con il punteggio di 2-0, grazie aslle reti messe a segno nel secondo tempo da Luciano su calcio di rigore e poi da Stoian. Con questi tre punti il Chievo sale a quota 10 punti in classifica e scavalca un Pescara che resta fermo a quota 8 e vede ora la panchina dell’allenatore Stroppa in serio pericolo, anche se va detto che gli abruzzesi sono stati penalizzati dall’avere giocato oltre metà partita in inferiorità numerica. Pesa infatti l’espulsione di Romagnoli, avvenuta al 32′ minuto di gioco, anche se il Pescara è poi riuscito a resistere fino a un quarto d’ora dal termine, quando in due minuti il Chievo ha chiuso la partita. Ma per descrivere meglio questo incontro, ecco cosa ci dicono le statistiche ufficiali della Lega Calcio: vittoria meritata per il Chievo, che ovviamente si è ritrovato a dover fare la partita. Possesso palla al 59%, 643 palloni giocati contro 452 degli ospiti, quindici minuti e mezzo di supremazia territoriale contro sei e mezzo, 67% di pericolosità degli attacchi contro il debolissimo 21% pescarese, ma soprattutto un dominio nel numero dei tiri. A un Pescara che ha tirato cinque volte – di cui due in porta -, il Chievo ha risposto con ben 17 conclusioni totali, di cui otto nella porta avversaria. Costanza che è stata premiata nella parte finale della partita: Corini va certamente a letto più felice rispetto a Stroppa.

Questi sono stati gli episodi determinanti della partita. Al 32′ del primo tempo, come detto, arriva l’espulsione di Romagnoli, che commette fallo da ultimo uomo su Thereau, lanciato a rete in contropiede. Episodio che alla lunga avrà grande importanza, anche se il Chievo deve aspettare la mezz’ora del secondo tempo e un calcio di rigore per sbloccare il risultato ed ottenere il sospirato vantaggio: fallo su Samassa, dal dischetto si presenta l’esperto Luciano, che è freddo e non tradisce le aspettative (1-0). Passano solamente due minuti, e sulla partita cala il sipario: i protagonisti sono ancora Luciano e Thereau. Il brasiliano lancia il francese in contropiede; il tiro di Thereau viene deviato dal portiere del Pescara, ma sul pallone irrompe Stoian, che lo scaraventa in rete sotto alla traversa (2-0). Al Chievo i tre punti della vittoria.
E’ raggiante il tecnico del Chievo Eugenio Corini, che da quando è arrivato sulla panchina dei clivensi ha cambiato completamente le sorti della squadra scaligera. Alla fine del match contro il Pescara, vinto per due a zero con i gol di Luciano e Stoian, ecco le sue parole soddisfatte: “Il Pescara non ci ha mai impensierito, alla fine è stato premiato il nostro lavoro. Abbiamo interpretato bene la partita anche perché non siamo stati frenetici. E’ una vittoria che ci fa fare un salto importante in classifica”. Ora il Chievo può essere più tranquillo visto che la classifica non è più così deficitaria. I clivensi cercheranno di continuare su questa strada. La presenza in panchina di Corini, ex capitano della squadra veronese, ha sicuramente dato maggiore fiducia a Pellissier e soci. Il Pescara, dopo la sconfitta contro il Chievo, decide di mandare la squadra in ritiro fino a domenic, quando ci sarà il match contro il Parma, importantissimo in chiave salvezza. La società non vuole prendere provvedimenti sul tecnico Giovanni Stroppa, che si presenta in sala stampa per rilasciare alcune dichiarazioni: “Pur rimanendo in dieci uomini la squadra non ha sofferto praticamente nulla, peccato perché la partita è stata decisa da un episodio ma io ho visto una squadra in crescita”. Stroppa spera pure che la sua squadra possa reagire in fretta e vincere il match contro i ducali di Donadoni, che però continua a vincere e a convincere.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori