PAGELLE/ Bologna-Palermo (3-0): i voti e il tabellino con marcatori e ammoniti della partita (serie A, 13^giornata)

- La Redazione

Le pagelle e il tabellino di Bologna-Palermo, partita valida per la tredicesima giornata del campionato di serie A 2012-2013: i voti, i marcatori e gli ammoniti della sfida del Dall’Ara

gilardino_bolognaR400
Alberto Gilardino (Infophoto)

Bologna-Palermo finisce 3-0 per la formazione rossoblù, che torna al successo dopo 6 giornate (l’ultimo il 30 settembre contro il Catania). I tre punti danno ossigeno a mister Pioli e alla classifica del Bologna, che ora ha 11 punti ed è sopra la zona retrocessione, pur se di una sola lunghezza. A parimerito col Palermo che esce a pezzi dal Dall’Ara, con tre giocatori espulsi (Ujkani, Barreto e Labrin, salteranno il derby col Catania) ed altrettanti gol subiti. I gol del Bologna sono stati realizzati da Gilardino e dai rigori di Gabbiadini e Diamanti. Tra i felsinei espulso Taider. Nella prossima giornata il Bologna giocherà a Marassi contro la Sampdoria nel pomeriggio di domenica 25 novembre, mentre il Palermo tornerà al Barbera per ricevere i rivali del Catania.

Il Bologna ha ottenuto tre punti meritati, attaccando meglio del Palermo e dando vita ad un primo tempo vivace e condotto a ritmi sostenuti. E’ arrivato un gran gol da Gilardino e alcune giocate pregevoli da parte di altri giocatori. Ad inizio ripresa la partita si è chiusa in maniera definitiva, col rigore di Diamanti ad arrotondare il punteggio e l’espulsione di Ujkani a reprimere il tentativo di rimonta rossonero. In seguito la partita si è fatta più fisica, il Bologna ha inserito il pilota automatico mentre il Palermo ha sfogato il nervosismo accumulando ben tre espulsioni e chiudendo in nove uomini. Possiamo dire che il primo tempo ha spremuto tutto il succo tecnico del match.

Più volenteroso nella prima mezz’ora, il Bologna ha cercato di infilare la difesa a tre del Palermo sfruttando le corsie laterali, con gli esterni Garics (destra) e Morleo (sinistra) a spingere ed alternarsi nei tagli offensivi col trequarti Diamanti, generoso ed intelligente nel procurare spazi agli altri. La difesa è sempre stata concentrata in tutti i suoi tre componenti, Gilardino ha ritrovato il gol dopo oltre un mese e Gabbiadini si è sbloccato. Insomma, bicchiere stracolmo per Pioli, un pò meno per il presidente Guaraldi che ha subito altri cori di contestazione da alcuni tifosi. 

Il campionato ci sta dicendo che la difesa a tre è un grosso riccio, prima ancora che una soluzione. Gasperini la sa usare e la adatterà anche al Palermo, che però vive ancora della crescita di Munoz e dell’adattamento al ruolo di centrale di Donati. Oggi tartassato da un vecchio marpione come Gilardino, che ha abusato della sua esperienza ancor fresca nei nuovi panni di arretrato. A prescindere dai singoli la squadra rossonero appare ancora “lunatica”, forse perché in balia delle umori dei suoi tanti elementi giovani, da Morganella e Garcia sulla fasce a Kurtic in mezzo, sino a Dybala in attacco. Che comunque non giustificano le tre espulsioni della ripresa, figlie di una frustrazione del tutto sbrigliata. Sembra chiaro in ogni caso che con Miccoli (oggi assente) in campo il Palermo sia un’altra squadra.

Primo rigore per il Bologna: ineccepibile, Donati tocca di mano in piena area. Secondo rigore: doveva concedere il vantaggio (Gilardino segna anche dopo il contatto con Ujkani, che c’è), assegnando il gol al Bologna ed evitando do penalizzare troppo il Palermo, privato del suo portiere. Espulsioni: da regolamento Ujkani e Labrin, forse un pò eccessivo il secondo giallo a Barreto. Non è comunque lui a far perdere il Palermo.

Devia un diagonale di Kurtic (11′), esce al 39′ per problema muscolare dal 39’AGLIARDI 6 Davvero poco impegnato.

Mette presto a nanna Dybala.

Arcigno in marcatura sinchè c’è partita.

Poco lavoro anche per lui.

Nel primo tempo e soprattutto in avvio spinge con buona intensità ed efficacia, centrando due-tre cross interessanti. Sfiora il gol nel finale.

Fa match pari con Barreto, offre la solita quantità.

Rapido e spesso efficace nel giropalla, pecca d’inesperienza facendosi espellere.

Volitivo, grintoso, accentrandosi dà il là al gol del vantaggio. Non si ferma sinché Labrin non lo butta giù.

Stavolta più utile che dilettevole, si allarga con intelligenza, filtra per il secondo rigore e sfonda la porta chiudendo i giochi dal 36’st GUARENTE s.v.

Realizza con freddezza il rigore del 2-0 ed è una gran notizia: aveva un dannato bisogno di sbloccarsi dal 15’st PAPONI 6 Ci sarebbe anche lui: un assist non sfruttato dal Gila.

Gol bellissimo, che mette le cose in discesa. Sfiora il raddoppio più volte, lo segna e insieme guadagna un rigore. Va vedere i sorci verdi a Donati.

All.PIOLI 6,5 Il Bologna chiude i conti con un primo tempo lodevole per intensità e ordine tattico. Vittoria scacciacrisi?

 

Controlla ciò che può (destro di Gila al 22′), poi viene espulso.

Morleo e Diamanti lo infilano più volte, meglio in marcatura su Gabbiadini.

Soffre la fisicità di Gilardino, responsabilità diretta sul primo rigore e oggettiva sul secondo, quando il filtrante di Diamanti lo sorprende: giornataccia dal 47′ BENASSI 6 Evita il poker nel recupero.

Aiuta a tenere al largo Gabbiadini, ma lascia anche lui qualche buco di troppo.

Perde nettamente il confronto con Morleo, che gli sfugge spesso.

Sino all’espulsione non demerita, perlomeno per l’impegno. Coglie anche un palo.

Buona verve iniziale e un diagonale parato da Curci (11′), alla lunga ingrigisce vagando spesso a vuoto.

Patisce aggressività di Garics, che nel primo tempo lo buca spesso.

Altra prova troppo leggera, deve essere più deciso nelle esecuzioni di passaggi e tiri dal 29’N.VIOLA 6 Un tiro alto di poco.

Arma il destro di Kurtic (11′), poi sparisce senza trovare riferimenti (Dybala troppo largo) nè appoggi (centrocampisti schiacciati) dal 18’st LABRIN 4 Espulso per un’entrata assassina su Morleo.

I difensori del Bologna non abboccano ai suoi tranelli.

All.GASPERINI 5 Perde tatticamente e tecnicamente la sfida con Pioli, anche se questo Bologna pare più competitivo del suo Palermo, oltremodo impoverito dall’assenza di Miccoli.

 

Il tabellino

Marcatori: 22’Gilardino, 44’rig.Gabbiadini, 48’rig.Diamanti

Bologna (3-4-1-2): Curci (39’pt Agliardi); Antonsson, F.Sorensen, Cherubin; Garics, D.Perez, Taider, Morleo; Diamanti (36’st Guarente); Gabbiadini (15’st Paponi), Gilardino (Lombardi, Radakovic, Abero, Pulzetti, Pazienza, Khrin, Kone). All.Pioli

Palermo (3-4-1-2): Ujkani; Munoz, M.Donati, Von Bergen; Morganella, E.Barreto, Kurtic, S.Garcia; Ilicic (29’st N.Viola), Brienza (18’st Labrin); Dybala (Brichetto, Aquino, Milanovic, Giorgi, E.Pisano, Zahavi, Sanseverino, Budan). All.Gasperini.

Arbitro: Valeri

Ammoniti: Garics (B), Perez (B), Donati (P) per gioco scorretto, Gabbiadini (B) per comportamento non regolamentare.

Espulsi: 27’st E.Barreto (P) per somma di ammonizioni, 33’st Taider (B) per somma di ammonizioni (entrambe per gioco scorretto), 37’st Labrin (P) per gioco scorretto.

 

(Carlo Necchi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori