CALCIOMERCATO/ Genoa, lo Zenit cerca Granqvist

- La Redazione

Granqvist rimane nel mirino dello Zenit san Pietroburgo, per cui sarà difficile resistere ad una loro eventuale offerta milionaria. Il Genoa ha bisogno di rialzarsi a tutti i livelli…

andreas_granqvist_r400
Andreas Granqvist (Infophoto)

Il Genoa deve stare molto attento. In tutti i sensi, non solo per la pericolante classifica, ma anche in chiave calciomercato di gennaio. E’ fresca, infatti, la notizia del ritorno di fiamma da parte dello Zenit San Pietroburgo, club campione di Russia, attualmente impegnato nello stesso girone di Champions League del Milan, nei confronti del difensore rossoblù Andreas Granqvist. Lo svedese, punto fermo della retroguardia del Grifone, piace da tempo alla squadra di Luciano Spalletti, che ha deciso di ritornare alla carica in vista di gennaio, quando aprirà i battenti il rutilante calciomercato. Per Granqvist, che ha un contratto con i liguri fino al 2015, lo Zenit potrebbe offrire una cifra vicina ai sette milioni e mezzo di euro. Spalletti, infatti, ha chiesto a gran voce l’acquisto dell’ex giocatore della formazione olandese del Groningen, considerato come l’uomo ideale per registrare il pacchetto arretrato della formazione di San Pietroburgo. Non è affatto detto, ad ogni modo, che il Genoa dica di sì all’eventuale concretizzazione dell’offerta. I rossoblù hanno bisogno di rialzarsi a tutti i livelli, in campo e fuori. In campo, per il momento, non è servito l’avvento di Gigi Delneri al posto dell’altro Gigi, De Canio. Finora sono arrivate tre sconfitte consecutive con il risultato di 1-0, e anche sul piano del gioco non si sono affatto visti miglioramenti. Cedere un giocatore come Granqvist, che ha pure un certo spessore internazionale vista la sua esperienza, non sarebbe una mossa molto saggia. Al contrario, c’è bisogno di investire, e il presidente Enrico Preziosi sembra disposto a farlo, almeno stando alle ultime dichiarazioni in merito del nuovo direttore sportivo Rino Foschi: “E’ pronto a far sì che la squadra transiti nelle posizioni che merita”, ha detto il dirigente, ricordando le frasi pronunciate da Preziosi qualche tempo fa, sulla volontà di conseguire una salvezza tranquilla e magari stabilizzarsi con il tempo nella parte sinistra della classifica. Il nuovo ds, ad ogni modo, ci ha tenuto a rassicurare la piazza, disorientata per l’ennesima annata negativa e i continui cambiamenti nella rosa, alla guida tecnica e nella dirigenza: “Sono in una grande società, c’è un grande gruppo. Delneri? Lo stimo, è una persona seria, un uomo di calcio”.

Da parte sua, ha chiarito, c’è solo, umanamente parlando, un po’ di dispiacere per la sorte capitata al collega Capozucca (“Un grande professionista”), che è stato silurato dal presidente. Ora il Grifone è chiamato a guardare avanti: la tifoseria è stufa di tante promesse, vuole i fatti. A partire magari dalla riconferma di una colonna della difesa come lo svedese Granqvist…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori