DIRETTA/ CSKA Mosca-Real Madrid (0-1 p.t.): la partita di Champions League in temporeale

- La Redazione

CSKA Mosca-Real Madrid 0-1. Passa quindi il Real dopo 45 minuti allo stadio Luzhniki, dove ci sono -5 gradi e quindi da norme FIFA si può giocare. La diretta di CSKA Mosca-Real Madrid

Doumbia_R400
Seydou Doumbia, attaccante del CSKA Mosca (Infophoto)

CSKA Mosca-Real Madrid 0-1. Vince il Real Madrid dopo 45 minuti allo stadio Luzhniki, dove ci sono 5 gradi sotto zero e quindi da norme FIFA si può giocare. Decide, manco a farlo apposta, Cristiano Ronaldo, che dopo 28 minuti trova il pertugio per battere Chepchugov. E’ una partita molto tattica, perchè il CSKA Mosca è ben disposto in campo, fa densità nella sua metà campo e concede davvero pochi spazi al Real. Anche dopo aver sbloccato la situazione le merengues hanno faticato a trovare la conclusione, così i padroni di casa restano in partita e soprattutto hanno fatto vedere che possono essere pericolosi sfruttando le ripartenze; ma devono essere più concreti una volta giunti ai 16 metri. Slutsky parte con il 4-4-1-1 in cui non trova spazio il recuperato Honda: panchina per il giapponese, Musa a destra e Tosic a sinistra, con Dzagoev battitore libero dietro l’unica punta Doumbia. Mourinho schiera Callejon e non Kakà, lo spagnolo parte largo a destra con Ozil centrale dietro Benzema. Proprio il francese deve già salutare i suoi compagni e la partita al 16′: su un tiro sporco che termina a lato l’ex Lione sente tirare nella zona dell’inguine, si accascia sul prato gelato di Mosca e viene sostituito da Higuain. Duro colpo per il Real, che non riesce ad aprire la matrioska del CSKA e deve anche subire il primo pericolo della gara, quando Shennikov da sinistra trova Dzagoev, ma il cross è arretrato e il talentino classe 1990 manda fuori in avvitamento. Il Real squilla per la prima volta un minuto dopo l’ingresso di Higuain: El Pipita si libera innescato da Ronaldo e tira, Chepchugov respinge ed è ancora più bravo sul tap in di Khedira che non colpisce benissimo. Sono solo prove, perchè al 28′ arriva l’esecuzione buona: A. Berezutski si addormenta su un pallone innocuo, Coentrao glielo soffia e mette al centro. Tosic ripiega in ritardo e con un orrendo colpo di testa serve Ronaldo, che da lì è una sentenza: rasoiata di sinistro e palla all’angolino destro dove Chepchugov non arriva. E’ l’uno a zero con cui si chiude un primo tempo per il resto avaro di emozioni, perchè il CSKA continua a chiudersi e il Real Madrid non ha fretta di trovare il secondo gol.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori