CHAMPIONS LEAGUE/ Real Madrid-Cska Mosca (4-1): gol, sintesi e video highlights (ritorno ottavi di finale)

Il Real soffre all’inizio contro il Cska Mosca ma trova il gol alla mezz’ora con Higuain che spiana la strada per il successo finale. Alla fine è 4 a 1 con doppietta del solito Ronaldo

15.03.2012 - La Redazione
jose_mourinho_R400
Josè Mourinho (Infophoto)

VIDEO REAL MADRID CSKA MOSCA – Il Real Madrid passeggia in casa, come da copione, contro il Cska Mosca e conclude il match del Santiago Bernabeu con il risultato rotondo di 4 a 1. Merengues ai quarti di finale e moscoviti eliminati. Una gara che sembrava essere iniziata bene per il Cska visto che nei primi minuti di gioco si è resa spesso e volentieri pericolosa con gli inserimenti del velocissimo Doumbia, che ha creato non pochi problemi alla retroguardia castigliana. Ma a gelare gli uomini della terra dello Zar ci ha pensato Higuain che colpendo gli avversari alla mezz’ora ha di fatto spianato la strada per il successo finale. A nulla è quindi valso l’1 a 1 di Mosca di tre settimane fa.

La prima rete dell’incontro arriva al 26esimo. Grande apertura di Khedira per Kakà che semina il panico sulla fascia sinistra e mette in mezzo una palla splendida per Gonzalo Higuain che deve solo appoggiare a porta vuota. Il raddoppio madrileno arriva dopo paperaccia dell’estremo difensore del Cska Mosca, Cepchugov: tiro di Cristiano Ronaldo con il russo che “respinge” in malo modo e palla che rotola in porta. 2 a 0 e il match sembra praticamente concluso. Al 76esimo arriva quindi il 3 a 0 di Karim Benzema che in campo da soli 40 secondi, al posto di Gonzalo Higuan, segna al primo pallone che tocca: tiro del francese, il portiere non respinge, e l’ex Lione è lesto a ribattere in rete la palla. Al 32esimo gol della bandiera del Cska Mosca che trova la magia con Tosic, uno dei migliori in campo. Una rete che serve a poco agli ospiti ma che permette comunque di rovinare le statistiche del Real Madrid che subisce così il primo gol allo stadio Bernabeu nella Champions League 2011-2012. Il match si chiude nel finale con il secondo gol di Cristiano Ronaldo, il migliore in campo nonostante “sonnecchi”.

Così l’allenatore del Real Madrid, Josè Mourinho, al termine dei 90 minuti: «Ho sofferto quello che mi aspettavo di soffrire, non di più. Sapevo che sarebbe stato complicato, il risultato dell’andata lasciava aperta la qualificazione. Mi è piaciuta la maturità mostrata dalla squadra, senza fare nulla dell’altro mondo ha dominato l’avversario, ha giocato con grande maturità e l’unico momento di agitazione è venuto con la brutta reazione del pubblico quando hanno segnato il loro gol, il 3-1. Ora si può giocare contro qualsiasi rivale. Non ci sono palline calde o fredde, hanno tutte la stessa temperatura. Saranno tutti avversari difficili». Benzema carica invece la squadra: «Siamo tranquilli, sapevamo cosa era necessario fare oggi e lo abbiamo fatto al meglio. È stata una grande partita da parte di tutti. Io personalmente mi sento bene, ho risolto i problemi fisici e sono molto contento di aver segnato oggi. È stata una buona gara per tutti, contro una buona squadra, e ci siamo classificati. Alla fine conta questo per il Madrid. Non importa chi segna, qui siamo tutti importanti. Non c’è Higuaín o Benzema, ma un gruppo unito con l’intento di riportare la Champions a Madrid. Chi ai quarti? È indifferente, a questo livello sono tutte ottime squadre».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori