CHAMPIONS LEAGUE/ I risultati: Messi stende con una manita il Leverkusen, continua la favola Apoel

- La Redazione

Straordinario Barcellona contro il Bayer Leverkusen. Al Camp Nou ne fa 7 e Messi invece ne segna 5. Prosegue la cavalcata dell’Apoel Nicosia che super il Lione e approda ai quarti

messi_r400
Lionel Messi, attaccante Barcellona (Foto Infophoto)

CHAMPIONS LEAGUE – Ieri sera si sono giocati due incontri di Champions League valevoli per il ritorno degli ottavi di Champions League. Il primo era la sfida fra il Barcellona e i tedeschi di Leverkusen in quel del Camp Nou mentre il secondo era la gara di Cipro fra l’Apoel Nicosia e il Lione. Autentico show blaugrana ed in particolare di Messi, contro il Bayer Leverkusen. Il match si è concluso con il risultato tennistico di 7 a 1 in favore dei campioni d’Europa e del mondo catalani e la Pulce ne ha segnati ben 5. Il Barcellona, se quindi nella Liga fatica in favore di un Real Madrid sempre più diretto verso la vittoria finale, suona una musica diversa in Champions dove gli uomini vestiti di azulgrana si esaltano. Per la cronaca, i primi 45 minuti di gioco si concludono con il Barcellona in vantaggio per due reti a zero. Lionel Messi realizza una doppietta prima sfruttando un ottimo assist del solito Xavi, al 25esimo, e poi dopo un incursione dalla destra conclusa con un preciso diagonale che si infila nell’angolino basso, su cui il portiere avversario nulla può fare. Nella ripresa, dopo che il risultato sembra essere incanalato sui giusti binari, Pep Guardiola fa fiatare Xavi e Iniesta ma intanto il Barcellona si porta sul 3 a 0. A segnare, guarda caso, è ancora lui, il Pallone d’Oro 2011, che batte Leno con uno splendido pallonetto (quello non riuscito a Van Persie soltanto poche ore prima). Ma la voglia di gol del Barcellona non si placa. Appena subentrato battezza la porta avversaria anche il giovane Tello, ennesimo prodotto della profondissima cantera blaugrana. Al quarto d’ora è cinque a zero, targato ancora Messi. Il sei a zero porta ancora la firma di Tello con la complicità del portiere del Bayer che sembra frastornato. C’è ancora spazio per la settima rete di Messi, che realizza la quinta rete personale, unico a riuscirci fino ad ora, e per il gol della bandiera dei tedeschi firmato dal giovane Bellarabi, che realizza una splendida marcatura. Finisce così 7 a 1. Nell’altro match quello fra l’Apoel Nicosia e il Lione prosegue la favola dei ciprioti. Manduca porta in vantaggio la cenerentola della Champions dopo 8 minuti. Si va così ai supplementari e dopo 120 minuti la roulette dei rigori.

Decisivi gli errori dal dischetto di Lacazette e Bastos, Apoel miracolosamente fra le 8 squadre più forti d’Europa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori