PAGELLE/ Novara-Genoa (1-1): i voti, la cronaca e il tabellino (trentunesima giornata serie A)

- La Redazione

Prima di parlare della cronaca della gara partiamo dal finale del match. I tifosi del Genoa contestato pesantemente la squadra. Il match finisce uno a uno, gol di Rossi e Mascara.

Tesser
Tesser (infophoto)

Prima di parlare della cronaca della gara partiamo dal finale del match. I tifosi del Genoa contestato pesantemente la squadra che viene chiamata sotto la curva. Gli animi sono accesi, i tifosi rossoblu offendono pesantemente i giocatori e chiedono loro di metterci tanta grinta. La situazione del Genoa è davvero difficile, sono quattro i punti dal terz’ultimo posto occupato dal Lecce. Il rischio di finire come la Sampdoria della scorsa stagione è molto alto. Il Genoa dovrà fare sicuramente meglio visto che i giocatori non mancano.
 Non ha fatto sicuramente bene l’effetto Malesani. Il tecnico è ritornato sulla panchina del Genoa richiamato dal presidente Enrico Preziosi per sostituire l’ex Marino che è stato esonerato dopo la sconfitta per cinque a quattro contro l’Inter. Malesani punta sul 4-4-2 e recupera Granqvist in difesa al posto di Carvalho che paga gli errori grossolani di San Siro contro l’Inter. Tesser si affida a un 5-3-2 con la coppia d’attacco formata da Jeda e Caracciolo. Per le due squadre servono i tre punti, in particolare per il Novara che è disperatamente al penultimo posto a dieci punti dal quart’ultimo. Dopo sei minuti il Genoa passa in vantaggio, Moretti vola sulla fascia sinistra mette in mezzo su Palacio che tira al volo, il suo tiro viene deviato sulla linea di porta da un suo compagno Marco Rossi tenuto in gioco da Centurioni e la palla finisce in rete. Uno a zero per il Grifone e la sensazione che possa diventare un match a senso unico. E invece esce fuori il Novara prima con Caracciolo che mette fuori da buona posizione e poi Jeda fa gridare al gol con un bel colpo di testa che finisce fuori.
  Nel secondo tempo i tifosi del Novara chiedono a gran voce il gol del pareggio, vogliono che Rigoni e compagni trovino la via del pareggio ma sia Caracciolo che Jeda non hanno una buona mira. Il tecnico Tesser allora cambia un po’ e in attacco inserisce Mascara. Mossa esatta, perchè l’ex attaccante del Napoli stoppa una smanacciata di Frey e dopo aver saltato un giocatore tira da fuori area un destro che si infila in rete. Nel finale espulso Caracciolo. Finisce uno a uno e il Genoa viene pesantemente contestato. La classifica è preoccupante, i giocatori del club ligure dovranno fare molto di più.

Tabellino:

 

MARCATORI Rossi al 7′ p.t., Mascara al 23′ s.t.

 

NOVARA (5-3-2): Fontana, Morganella, Lisuzzo, Centurioni (dal 15’ s.t. Mascara), Garcia, Gemiti, Porcari (dal 40’ s.t. Jensen), Pesce, Rigoni, Jeda (dall’ 8’ s.t. Rubino), Caracciolo. All.: Tesser.

 

GENOA (4-4-2): Frey, Mesto, Granqvist, Kaladze, Moretti (dal 35’ s.t. Bovo), Rossi, Biondini, Veloso (dal 41’ s.t. Kucka), Sculli (dal 7’ s.t. Jankovic), Gilardino, Palacio. All. Malesani.

 

Ammoniti: Lisuzzo (N), Garcia (N), Gilardino (G), Mesto (G), Kucka (G). Espulso: 43’ s.t. Caracciolo (N)

Pagelle Novara:

 

Fontana 5

Morganella 5

Lisuzzo 6

Centurioni 5

Mascara 6,5

Garcia 6

Gemiti 6,5

Porcari 5

Pesce 6

Rigoni 6

Caracciolo 4

Jeda 6

Rubino 6

All. Tesser 6

Pagelle Genoa:

 

Frey 5,5

Mesto 6

Granqvist 5

Kaladze 6

Moretti 6,5

Bovo 6

Rossi 6

Biondini 6,5

Veloso 5,5

Sculli 6

Jankovic 5

Palacio 6,5

Gilardino 4,5

All. Malesani 5

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori