VOLLEY/ Italia-Germania 3-2 (qualificazioni Olimpiadi): gli azzurri vincono e volano a Londra

- La Redazione

Vittoria sofferta ma importantissima quella dell’Italia di Mauro Berruto: gli azzurri battono al tie break la Germania nella finale di Sofia e staccano il pass per le Olimpiadi di Londra.

lasko_r400
Michal Lasko (Infophoto)

Missione compiuta. L’Italia, al termine di una partita prima condotta senza troppi patemi, poi quasi sfuggita di mano e infine ripresa alla grande, batte la Germania per tre set a due e stacca il pass che la porta alle Olimpiadi di Londra. Un cammino iniziato lo scorso novembre in Giappone, quando la Nazionale di Mauro Berruto, appena assemblata e quindi in cerca dell’assetto migliore, aveva centrato il quarto posto in una World Cup di assoluto valore ed era stata quindi costretta a passare dal torneo di qualificazione di Sofia. In Bulgaria l’Italia è stata perfetta: nel girone eliminatorio ha vinto le tre partite con autorità, soffrendo più del dovuto contro la Finlandia ma poi sbarazzandosi di Germania e Slovacchia; in semifinale il capolavoro contro la Serbia, quindi il nuovo incontro con i tedeschi, che nel frattempo avevano fatto fuori i padroni di casa della Bulgaria. Questa sera i ragazzi di Berruto sono stati bravissimi: nel primo set hanno condotto con autorità, resistito agli attacchi tdeschi e portato a casa la frazione con il punteggio di 25-22. Nel secondo set si è consumato il piccolo capolavoro degli azzurri: la Germania è partita forte, ci ha messo in grande difficoltà portandosi sul 22-19. Lì, però, un grande Zaytsev, un eroico Savani e un attentissimo Fei hanno ricucito lo strappo, hanno avuto un primo set point sul 24-23, poi hanno chiuso la frazione sul 26-24, scavando un solco di set importantissimo. Soprattutto perchè i tedeschi sono rientrati in campo nel terzo set con un altro luce negli occhi. Bravissimo Tischer in regia, un martello Grozer, impeccabili ed insuperabili i due centrali Bohmer e Gunthor: la Germania è scappata via subito, ha girato al secondo timeout tecnico sul 16-11 e poi ha trovato anche il punto numero 17. Lì i nostri hanno provato a rientrare, ma stavolta il divario era troppo ampio e così la Germania si è imposta per 25-22. Stesso identico copione nel quarto set: l’Italia è partita bene, ha messo alle corde la Germania che però ha cominciato a trovare ritmo in attacco grazie alle sparate di Grozer: noi abbiamo sofferto sulla ricezione, pagando le imprecisioni di un Bari troppo pasticcione. Stavolta non c’è nemmeno stata l’illusione di una rimonta, perchè la Germania non ha concesso nulla, fino a guadagnarsi il tie break con il punteggio di 25-19. Lì la partita è girata: 

L’Italia, sotto nel morale, ha aggredito il parziale decisivo, si è costruita un solco fondamentale andando 8-3 e non si è più guardata indietro. Capitan Savani ha chiuso al secondo match point utile, sul 15-12. L’Italia raggiunge così a Londra la nazionale femminile, e si unisce alle altre due squadre europee, Polonia e Russia, già qualificate. Ai Giochi non partiremo favoriti perchè sono altre le squadre che punteranno alla medaglia, ma il gruppo messo insieme da Berruto ha qualità e cuore, e in una competizione così può anche succedere di tutto. Noi ci speriamo, intanto il primo passo è stato fatto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori