DIRETTA/ Albinoleffe-Verona live (serie B 2011/2012): la partita in temporeale

- La Redazione

Segui e commenta la diretta di Albinoleffe-Verona, posticipo della 40esima giornata di serie B: il Verona deve vincere per restare al secondo posto, l’Albinoleffe invece lotterà per l’onore

mandorlini_hellas_veronaR400
Andrea Mandorlini, 51 anni, allenatore del Verona (INFOPHOTO)

Questa sera, allo stadio Atleti Azzurri d’Italia, scendono in campo l’Albinoleffe e il Verona, nella sfida valida per il posticipo della 40esima giornata di serie B. La partita è molto importante per il Verona (73 punti), che in caso di vittoria potrebbe avvicinare molto la testa della classifica, piazzandosi, almeno in attesa degli ultimi recuperi, al secondo posto. L’Albinoleffe dal canto suo non ha più motivazioni di classifica: gli orobici sono già retrocessi, in fondo alla classifica con 25 punti, e non gli resta che l’onore da salvare in queste tre partite. Un eventuale risultato di parità tra Albinoleffe e Verona servirebbe a poco ad entrambe: il Verona ormai punta ala promozione diretta, e non può permettersi di perdere punti sul campo dell’ultima in classifica, mentre l’Albinoleffe deve provare a vincere queste ultime partite, per salutare la serie cadetta nel migliore dei modi. Arbitro dell’incontro sarà il signor Cervellera di Taranto, il fischio d’inizio alle ore 20.45.

L’Albinoleffe viene da cinque sconfitte di fila. A partire dal 21 Aprile, data del ko interno contro la Juve Stabia (1-2), gli azzurri hanno perso anche a Reggio Calabria (0-1), in casa col Brescia (0-2), a Nocera Inferiore (0-1) e contro l’Empoli (0-2). Diciamo che da un pò di tempo a questa parte il risultato ha smesso di avere importanza per l’Albinoleffe, aritmeticamente retrocesso da qualche settimana. Però come possiamo vedere dai risultati, i ragazzi del neo allenatore Alessandro Pala non hanno smesso di lottare, raccogliendo sì cinque sconfitte ma di cui almeno 3 di misura. Vedremo se stasera l’Albinoleffe troverà le motivazioni per mettere i bastoni tra le ruote al lanciatissimo Verona. La lista indisponibili resta nutrita, coi vari D’Aiello, Daffara, Regonesi, Previtali, Germinale e Cissè fuori per infortuni ed acciacchi vari. Sinora, l’Albinoleffe ha raccolto in casa 15 dei 25 punti complessivi, con un bilancio di 3 vittorie, 6 pareggi e 10 sconfitte. Diciamo però che quest’anno è stato arduo parlare di fattore campo per gli orobici, che i tifosi hanno seguito saltuariamente, per così dire. Non di rado è capitato di assistere a partite dell’Albino attorniate da spalti semideserti: del resto le stagioni più sfortunate nascono anche così.

Il Verona sta avendo il merito di mantenersi nei salotti alti della graduatoria di B, anche se nelle ultime 5 giornate gli scaligeri sono caduti due volte, a Crotone (1-3) e in casa con l’Empoli (0-0). Attorno a queste due pause sono arrivate tre vittorie, al Bentegodi col Bari (4-1), a Reggio Calabria con la Reggina (1-0) e con il Livorno nell’ultima giornata, decisa da una punizione di Lepiller. Possiamo dire che il Verona ha dato il meglio di sè in casa in questo torneo, considerando che in trasferta sono arrivati solo 27 dei 73 punti totali. Lontano dalle mura amiche la banda Mandorlini ha collezionato 8 vittorie ma altrettante sconfitte, intervallate da 3 pari. La trasferta di oggi, contro un Albinoleffe già condannato alla LegaPro, non si presenta certo proibitiva: la vittoria è ampiamente alla portata del Verona. Lo sanno bene i tifosi gialloblù, pronti all’esodo in quel di Bergamo: se ne annunciano oltre 4000. Mandorlini dovrà rinunciare al portiere Rafael, che ha terminato la stagione anzitempo, e al centrocampista Tachtsidis, ko per un problema agli adduttori. Ma ora è davvero il momento di cedere la parola al campo e vedere cosa succede: Albinoleffe-Verona sta per cominciare… 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori