DIRETTA/ Torino-Modena live (Serie B 2011/2012): la partita in temporeale

- La Redazione

Torino-Modena è l’anticipo di lusso di questa domenica di Serie B. Alle 12:30 la squadra di Ventura cercherà la matematica promozione. La diretta di Torino-Modena live in temporeale

GiampieroVentura_R400
Giampiero Ventura (Infophoto)

Torino-Modena è l’anticipo delle 12:30 della 41esima giornata di serie B. E’ il giorno che metà città aspetta, quella granata: se oggi vince, non avrà bisogno di guardare in casa di nessun altro per festeggiare una serie A che manca dal maggio 2009. Di fronte c’è un Modena già salvo, che dal ritorno in panchina di Bergodi non ha praticamente più sbagliato un colpo e si è guadagnato la permanenza in cadetteria. Il Toro quindi ha un solo risultato, la vittoria, per festeggiare oggi e togliersi l’ansia da ultima giornata (anche se, comunque, dovrebbe succedere una catastrofe per togliere la massima serie ai ragazzi di Ventura); l’andamento delle ultime partite e la partita non troppo irresistibile rendono assolutamente alla portata il risultato. Il Modena non ha più niente da chiedere a questo campionato, è tranquillo ma cercherà il risultato di prestigio, anche perchè queste potrebbero essere le due ultime gare di Bergodi sulla panchina dei Canarini, nonostante il gruppo l’abbia rivoluto in Emilia potrebbe salutare al termine del campionato. Il pareggio servirebbe solo a dare prestigio alla stagione del Modena e a rimandare l’esplosione del Torino.

Il Torino si presenta a questo appuntamento con la storia in gran forma. Ha vinto quattro delle ultime cinque partite, cadendo solo di fronte a un Pescara irresistibile. La vittoria contro il Sassuolo (3-0) nell’ultimo impegno sa tanto di serie A, anche se la matematica non è arrivata. Crotone (2-1), Livorno (1-0) e Padova (3-1) le altre vittime dei granata, che precedentemente avevano anche battuto la Reggina per 1-0 nella gara giocata in due tronconi causa il rinvio per la grandine. Quella contro il Verona (1-4) rimane l’unica battuta d’arresto casalinga di una squadra che tra le mura dell’Olimpico ha messo insieme 15 vittorie e 4 pareggi, con 37 gol segnati e appena 14 subiti: anche questi dati ci fanno capire quanto il Torino sia vicino alla serie A. Ventura in questi giorni è stato spesso sollecitato rispetto al ritorno del derby contro la Juventus e al fatto che oggi potrebbero festeggiare anche i bianconeri se vinceranno la Coppa Italia: l’ex tecnico di Pisa e Bari ci ha scherzato sopra, dicendo che nel caso si incontrerà con Conte. Intanto dovrà battere il Pescara, e per farlo dovrà fare a meno degli infortunati Di Cesare, Glik e Rolando Bianchi; inoltre, c’è Basha squalificato, assenza non da poco perchè il mediano, oltre a realizzare il gol del momentaneo 2-0 contro il Sassuolo, era diventato negli ultimi turno uno dei perni del Torino.

Il Modena ha leggermente rallentato il passo rispetto all’eccezionale avvio di girone di ritorno. Da una situazione complicata, con la squadra sull’orlo della retrocessione, il ritorno di Bergodi, che era stato esonerato in favore di Cuttone, ha ridato vitalità agli emiliani, che sono andati a prendersi una salvezza strameritato per quanto mostrato in campo. Merito anche degli acquisti invernali: Ardemagni e soprattutto Cellini (sette gol in maglia gialloblu) hanno dato peso a un attacco altrimenti spuntato, e Di Gennaro è forse definitivamente esploso. Nelle ultime cinque giornate il Modena ha messo insieme tre vittorie: il 3-1 di Empoli, il 3-0 interno contro la Juve Stabia e il 2-1 sempre al Braglia contro il Grosseto. In mezzo due sconfitte consecutive, quella casalinga contro la Sampdoria (0-2) e quella di Vicenza (2-1). La salvezza, però, era già stata archiviata, così i Canarini hanno leggermente tirato il fiato, riprendendo poi la marcia e mettendosi definitivamente al sicuro. Oggi a Torino non sarà facile, di fronte a uno stadio pieno e contro una squadra che aspetta solo di festeggiare; in più, il rendimento esterno degli uomini di Bergodi non è certo dei migliori, con appena tre vittorie, 9 pareggi e 8 sconfitte. Le reti realizzate sono 19, quelle subite 29. E’ squalificato Diagouraga, che dal ritorno di Bergodi è diventato uno dei punti di forza del centrocampo gialloblu. Dovrebbe partire dalla panchina Cellini, che è il miglior marcatore del Modena con 12 reti (5 con la maglia del Varese), ci sarà invece Di Gennaro che di gol ne ha segnati 10. 

La partita si preannuncia come una lunga attesa di 90 minuti fino alla festa granata, ma attenzione all’orgoglio del Modena che certo non vuole fare da vittima sacrificale. Possibile che i granata attaccheranno fin dall’inizio per evitare di portare avanti il risultato di parità, anche perchè c’è sempre il salvagente dell’ultima giornata a rendere meno agitati gli animi dei ragazzi di Ventura. Vedremo presto come andrà, comunque: Torino-Modena sta per cominciare, segui e commenta la diretta sul nostro sito.

La stanza si aprirà alle 12:25

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori