DIRETTA/ Grosseto-Pescara live (serie B 2011/2012): la partita in temporeale

- La Redazione

Il Pescara, 14 gol fatti e nessuno subito nelle ultime 3 partite, va sul campo di un Grosseto tranquillo per continuare a sognare la promozione diretta in serie A. Commenta la gara con noi.

zeman_r400
Zdenek Zeman (Infophoto)

La serie B torna in campo dopo il turno infrasettimanale, e lo fa con la 39esima giornata. Alle 15 si gioca Grosseto-Pescara, partita dai due volti: il Grosseto non ha più nulla da chiedere al suo campionato, non può raggiungere i playoff ed è ampiamente salvo. Giocherà per l’onore, e per strappare un ulteriore risultato di prestigio. Il Pescara, invece, lotta per la promozione diretta, attualmente è secondo in classifica e vuole tenere a bada le inseguitrici per rendere più concreto il proprio sogno. Vincendo, gli abruzzesi farebbero un passo forse decisivo verso la serie A; il Grosseto, come detto, non cambierebbe le carte in tavola per quanto riguarda la classifica. Il pareggio può comunque servire agli uomini di Zeman, che però sono talmente in forma che vedrebbero come un mezzo passo falso il segno X. Per i biancazzurri, poi, si tratta anche di vendicare il risultato dell’andata, quando il Grosseto vinse 2-1 all’Adriatico.

Il Grosseto non attraversa un gran periodo di forma, ma come detto la salvezza è stata raggiunta da tempo e quindi c’è stato un inevitabile calo di concentrazione e motivazioni. Nelle ultime 5, i toscani hanno vinto una volta sola, sotto il diluvio di Varese (3-1). Poi tre pareggi contro Bari, Juve Stabia e Padova, comunque avversarie di tutto rispetto. Pesa invece il kappaò interno subito dalla Nocerina, che è valso la sesta sconfitta interna stagionale (a fronte di 5 vittorie e 8 pareggi). In casa il Grosseto segna 23 gol e ne subisce 28: numeri simili a quelli che realizza in trasferta, dove fa più punti (25 contro 23). Quattro indisponibili nei toscani: si tratta di Iorio, Jadid, Consonni e Padella. I primi due hanno giocato poco e sono stati degnamente sostituiti, più grave l’assenza di Consonni e Padella. L’attacco è tutto nelle mani di Sforzini e Alfageme, che hanno realizzato 26 gol in due. 

Il Pescara aveva perso tre partite consecutive, e nella quarta era sotto due a zero prima della sospensione. Sembrava aver smarrito la via verso la promozione, poi invece ha ripreso a correre e mettere paura agli avversari: tre vittorie in fila, contro Padova e Gubbio (esterne) e Vicenza all’Adriatico. Due volte ha realizzato sei gol, e in totale lo score parla di 14 reti realizzate e nessuna subita. Numeri impressionanti, di chi ha nelle mani il proprio destino e realisticamente non può fallire l’obiettivo, anche se dietro ci sono Verona e Sassuolo che continuano a fare risultati. in trasferta la squadra di Zeman soffre leggermente di più: ha messo insieme 30 punti, frutto di 9 vittorie e 3 pareggi, con ben 7 sconfitte (sulle 10 totali). I gol realizzati sono 38 (80 in tutto il campionato) e ne subisce 30. Il segreto sta in una formazione che rimane sostanzialmente sempre la stessa, anche se oggi Zeman dovrà fare a meno dello squalificato Verratti, vero motore del centrocampo, promesso sposo della Juventus: non ha ancora segnato, ma il suo contributo come assist è invidiabile. Non ci sarà nemmeno Immobile, infortunato: è il capocannoniere della serie B con 26 gol, ma il Pescara può contare su Insigne, per distacco il miglior giocatore del torneo (15 gol e giocate che parlano da sole) e su Maniero, che sostituirà Immobile: per lui 3 gol nelle poche occasioni in cui è stato utilizzato. Sansovini parte dalla panchina, il tecnico boemo lo considera un esterno.

Sarà il Pescara a fare la partita: gli abruzzesi devono vincere, hanno molte più motivazioni del Grosseto che gioca solo per fare bella figura davanti al suo pubblico e cogliere un bel risultato. Vediamo come andrà a finire: Grosseto-Pescara sta per cominciare, segui e commenta la diretta sul nostro sito.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori