PROBABILI FORMAZIONI/ Svezia-Inghilterra: ultime novità (gruppo D Europei 2012)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Svezia-Inghilterra, partita valida per la seconda giornata del gruppo D di Euro 2012: le squadre scendono in campo allo stadio Olimpico di Kiev alle 20.45

terry_europeiR400
John Terry, 31 anni, capitano dell'Inghilterra (INFOPHOTO)

Questa sera alle ore 20.45 si gioca Svezia-Inghilterra, seconda partita del gruppo D di Euro 2012. La Svezia ha perso la prima partita (1-2) contro l’Ucraina: per questo il match contro gli inglesi assume già una valenza decisiva in ottica qualificazione. Gli scandinavi devono vincere, per questo è logico aspettarsi una partita col sangue agli occhi da Ibra e compagni. Di contro l’Inghilterra ha pareggiato contro la Francia nella gara inaugurale: i Leoni hanno meno ansie di classifica ma puntano sicuramente al successo, per cominciare ad ipotecare la qualificazione ai quarti di finale, considerato obiettivo minimo. Svezia-Inghilterra si giocherà a Kiev, l’arbitro sarà lo sloveno Slomka, assistito dai guardalinee Arhar e Zunic e dal tedesco Meyer, che sarà il quarto uomo. Il fischio d’inizio sarà alle ore 20.45: vediamo le probabili formazioni di Svezia-Inghilterra.

La Svezia di Erik Hamren dovrebbe rimodellarsi in un 4-2-3-1. Davanti al portiere Isaksson la linea a quattro vedrà Lustig a destra, Martin Olsson a sinistra, Mellberg e Granqvist in mezzo. Tutto considerato, un reparto composto da difensori affidabili: non a caso per bucarli ci sono voluti due guizzi di una vecchia tigre come Andriy Shevchenko. In mediana confermati Elm e Kallstrom, che devono riscattare la prova incolore offerta contro l’Ucraina (clicca qui per le pagelle complete). Sulle fasce agiranno Sebastian Larsson (destra) e Bajrami (sinistra), prima novità rispetto al,a prima partita. Dovrebbe infatti partire dalla panchina Ola Toivonen: il capitano del PSV Eindhoven è apparso fuori forma nella prima partita, ma potrebbe tornare utile a partita in corso. Al centro, nella posizione di numero 10, il numero 10: Zlatan Ibrahimovic è pronto a colpire e collaborare con l’unica punta, che con tutta probabilità sarà Elmander. L’attaccante del Galatasaray sostituirà Markus Rosemberg, deludente a tal punto contro l’Ucraina da meritarsi 4 in pagella. Detto dei cambi di formazione, l’unico ballottaggio coinvolge riguarda proprio il sostituto di Toivonen: potrebbe essere Bajrami ma c’è sempre la carta Wilhelmsson, più esperto a questi livelli ma imprevedibile, nel bene e nel male.

L’Inghilterra di Mr.Roy Hodgson dovrebbe cambiare modulo, rispetto all’esordio contro la Francia. Sembra che l’ex allenatore dell’Inter sia intenzionato ad appuntire il 4-4-1-1 della prima partita zavorrando l’attacco. Che significa l’inserimento di un’altra punta di ruolo al posto di un esterno, quasi sicuramente il giovane Oxlade-Chamberlain, palesemente spaesato all’esordio. Davanti a…

…Joe Hart confermatissima la difesa a quattro, con Glen Johnson a destra ed Ashley Cole a sinistra. I terzini dovranno mostrare più intraprendenza in fase offensiva: contro la Francia si sono limitati a contenere le sfuriate degli esterni avversari, patendone la verve. Al centro agiranno Terry e Lescott, goleador nel primo match. A centrocampo come detto vige qualche dubbio: dipenderà da chi deciderà di sacrificare Hodgson per far spazio ad un attaccante in più. Come detto ci sono ottime probabilità che l’escluso sia Chamberlain: a destra agirà Milner, mentre Ashley Young tornerà nel ruolo nativo, quello di ala, a sinistra. In mezzo inamovibile capitan Gerrard, mentre al suo fianco dovrebbe essere confermato Scott Parker. In attacco conferma per Welbeck: al suo fianco verrà inserito Andy Carrol, che avrà il compito di dare peso in più al fronte offensivo inglese. Aspettando il rientro di Rooney (tornerà nella prossima partita) mr.Roy si arrangerà così. Dall’Inghilterra ci aspettiamo una partita più aggressiva: contro la Francia abbiamo visto una squadra sicuramente solida ma poco propositiva in attacco. Del resto oggi non ci si può più accontentare, e l’inserimento di Carrol nell’undici titolare lo conferma. Vedremo se “The Beast” saprà alzare il proprio livello realizzativo, che quest’anno con il Liverpool è stato inferiore alle attese. Nelle prossime pagine trovate le probabili formazioni di Svezia-Inghilterra.

Svezia (4-2-3-1): Isaksson; Lustig; Mellberg, Granqvist, M.Olsson; Elm, Kallstrom; Larrosn, Ibrahimovic, Bajrami; Elmander.

In panchina: Wiland (p), Hansson (p), J.Olsson, Antonsson, Safari, A.Svensson, Wernbloom, Holmen, Wilhelmsson, Hysen, Toivionen, Rosemberg.

Allenatore: Erik Hamren.

Inghilterra (4-4-2): Hart; Johnson, Terry, Lescott, Cole; Milner, Gerrard, Parker, Young; Carrol, Welbeck.

In panchina: Green (p), Butland (p), Baines, Jones, Jagielka, Henderson, Downing, Walcott, Oxlade-Chamberlain, Defoe. 

Allenatore: Roy Hodgson.

Diffidati: Young, Oxlade-Chamberlain.

Squalificati: Rooney (1).

Indisponibili: Kelly

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori