EURO 2012/ Irlanda (gruppo C): rosa, convocati, top player e curiosità

- La Redazione

L’Irlanda, allenata da Giovanni Trapattoni, è una delle tre squadre che affronterà l’Italia nel girone eliminatorio degli Europei. Qualificata dopo 24 anni dall’ultima volta, dirà la sua.

Trapattoni-1
Giovanni Trapattoni, Commissario Tecnico dell'Irlanda (Infophoto)

La Nazionale di calcio irlandese nacque ufficialmente nel giugno del 1921 quando gran parte del’isola ottenne l’indipendenza dall’impero britannico, ma fino al 1923 dovette dipendere da Belfast e fu solo in quell’anno che venne riconosciuta dalla FIFA. Nel 1924 esordì con il suo primo incontro internazionale contro la Bulgaria durante le Olimpiadi di Parigi.

In corso

Danny North (Sligo Rovers) 11 gol (in corso)

È la terza partecipazione dell’Irlanda a una fase finale degli Europei. Nel 1964 raggiunse i quarti, ma è l’edizione del 1988 quella che ricordano dalle parti di Dublino. I verdi arrivarono come matricole, ma all’esordio batterono l’Inghilterra, una delle favorite per la vittoria del titolo. Pareggiarono contro una potenza come l’Unione Sovietica (si ricorda un gol spettacolare di Ronnie Whelan, forse il più bello in tutta la storia degli Europei), e fino a pochi minuti dal termine erano qualificati per la semifinale, prima che un gol di Kieft (per l’1-1 finale) mandasse avanti l’Olanda.

Giunta seconda nel gruppo B a due punti dalla Russia, l’Irlanda è dovuta passare attraverso gli spareggi. Il sorteggio ha dato una grossa mano, accoppiando l’Estonia ai verdi: 4-0 esterno, poi un 1-1 a Dublino per andare in Polonia e Ucraina.

Lo conosciamo bene. Giovanni Trapattoni è un mito in Italia e non solo. Ha vinto tutto in un decennio alla Juventus, poi si è preso uno scudetto (con record di punti) sulla panchina dell’Inter. Nella sua lunga esperienza all’estero ha vinto anche in Germania (Bayern Monaco) e Austria (Salisburgo), riportando il titolo portoghese in casa del Benfica. Celebre per le sue battute e i suoi discorsi “strampalati”, allena l’Irlanda dal 2008. 

Come tradizione, i giocatori della Nazionale irlandese giocano quasi tutti in Inghilterra, che è la Nazione di riferimento per tutti i calciatori irlandesi di buon livello. Il Trap ha scelto tre portieri, sei difensore, nove centrocampisti e cinque attaccanti.

Non ci sono calciatori di livello assoluto, ma attenzione a Stephen Hunt e Kenny Doyle del Wolverhampton e a Shane Long del West Browmich, reduce da un’ottima stagione. Forse Shay Given può essere considerato il vero top player: gran portiere, forse il miglior numero uno delle isole britanniche degli ultimi vent’anni (non ce ne vogliano Seaman e Hart), decisamente sottovalutato, inspiegabilmente. In attacco il riferimento resta sempre Robbie Keane, che nel passato ha giocato anche in Italia, all’Inter. Un altro giocatore noto al grande pubblico è Damien Duff.

 

1 Shay Given – Aston Villa

16 Keiren Westwood – Sunderland

23 David Forde – Millwall

2 Seán St Ledger – Leicester City

4 John O’Shea – Sunderland

5 Richard Dunne – Aston Villa

12 Stephen Kelly – Fulham

13 Paul McShane – Hull City

18 Darren O’Dea – Leeds United

 

3 Stephen Ward – Wolverhampton

6 Glenn Whelan – Stoke City

7 Aiden McGeady – Spartak Mosca

8 Keith Joseph Andrews – West Bromwich

11 Damien Duff – Fulham

15 Darron Gibson – Everton

17 Stephen Hunt – Wolverhampton

21 Paul Green – Derby County

22 James Mc Clean – Sunderland

9 Kevin Doyle – Wolverhampton

10 Robbie Keane – LA Galaxy

14 Jonathan Walters – Stoke City

19 Shane Long – West Bromwich

20 Simon Cox – West Bromwich

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori