EURO 2012/ Gli eredi del polpo Paul: dall’elefante Citta al maialino ucraino, sono aperte le iscrizioni!

- La Redazione

Dopo il polpo Paul, oracolo dei Mondiali del 2010, ecco l’elefantessa Citta, il gatto Roger, il cane Alfie, il maialino ucraino ed altri ancora: chi sarà il vero indovino di Euro 2012?

Euro_2012
Il Pallone di Euro 2012 (Foto Infophoto)

In molti si ricorderanno del povero polpo Paul. Il famoso polpo tedesco che prevedeva i risultati dei Mondiali del 2010 in Sud Africa è scomparso, ma per tre settimane circa ha ricevuto una notorietà pazzesca facendo da indovino appunto in occasione dei vari match dei campionati del mondo. Morto fra la notte del 25 e il 26 giugno al polpo è stata addirittura dedicata una vita in Italia, precisamente nel comune di Campo nell’Elba. Ma con i Mondiali in archivio e gli Europei in Polonia e Ucraina ufficialmente iniziati ieri è partita la caccia all’erede del compianto Paul. Ufficialmente non esisterebbe un vero e proprio oracolo visto che negli ultimi giorni si è assistito ad un proliferare di indovini in svariate parti del mondo. Il primo che ha fatto la sua comparsa è un elefante, tale Citta, esemplare femmine di ben trentatre anni che vive nello zoo di Cracovia, nel covo appunto della manifestazione calcistica continentale. Si mormora che la bella elefantessa abbia già indovinato la vincitrice della finalissima di Champions League dello scorso 19 maggio fra il Chelsea e il Bayern Monaco e che di conseguenza si sia guadagnata sul campo l’eredità del cefalopode di Oberhausen. Citta, a differenza di Paul che sceglieva tra due scatolette con le bandierine delle squadre, da’ il proprio pronostico mangiando una delle due mele, sulle quali vengono riportati i loghi delle nazionali che si apprestano a scendere in campo. La novità rispetto ai mondiali di due anni fa è che Citta potrà anche optare per il segno X, il pareggio, visto che, oltre alle due mele con i loghi, ci sarà anche una terza, neutra. Ma la concorrenza è altissima e l’elefantessa non poteva di certo rubare completamente la scena. In Ucraina, altra nazione organizzante la manifestazione, vi è infatti l’oracolo maialino. Non si conosce ancora bene il suo nome né la modalità di scelta del pronostico, ma l’amministrazione cittadina di Kiev non ha esitato a sponsorizzare il divertente animale così: «Un oracolo suino unico, un vero maialino ucraino, un sensitivo che conosce i misteri del calcio: ogni giorno alle 16 predirà il risultato del prossimo match».

Il “piggie” si dedicherà a predire i risultati della nazionale ucraina, quella guidata da Shevchenko e compagni e appunto lo farà di pomeriggio, all’orario stabilito. Fanno la loro comparsa anche oracoli di altre nazioni. Ad esempio in Russia c’è la renna Kharuk, che ha predetto il terzo posto per la nazionale di Dick Advocaat, mentre il gatto Roger dà per certa la vittoria della Danimarca contro i padroni di casa della Polonia. Infine il cane Alfie che scommette tutta la propria razione giornaliera di pappa sull’Inghilterra.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori