CALCIOMERCATO/ Torino, Almiron e Edu Vargas nel mirino: Bianchi ago della bilancia?

Il punto sulle manovre granata: piacciono l’azzurro Vargas (scambio con Rolando Bianchi) e l’argentino del Catania, che andrebbe ad impreziosire il centrocampo…

25.07.2012 - La Redazione
eduardo_vargas_r400
Eduardo Vargas (infophoto)

Il calciomercato del Torino è in una fase cruciale. Il presidente Urbano Cairo ha promesso di recente quattro colpi, oltre ai volti nuovi già aggregati in rosa: Gillet, Brighi, Gazzi, Santana e Gianluca Sansone. Ventura ha richiesto altri rinforzi, e questi rinforzi arriveranno. Di sicuro bisogna sistemare l’attacco: ci sono Meggiorini e Bianchi come prime punte, ma l’ex Novara non è un bomber, mentre Rolando (“Finchè rimane qui è il nostro capitano, non si pone nemmeno il dubbio”, ha detto Ventura) è reduce da una stagione in chiaroscuro e fin dal termine dell’annata 2011/2012 è stato al centro di ripetute voci di calciomercato. L’ultima parlava di uno scambio con Edu Vargas, suggestione nata soprattutto perchè Mazzarri ha allenato Bianchi ai tempi della Reggina e ritroverebbe volentieri l’attaccante, che a quel punto sarebbe il vice Cavani. In realtà Riccardo Bianchi, fratello e agente del calciatore, ha smentito una partenza del capitano granata (clicca qui per l’intervista esclusiva), quindi lo scambio non si farà. Questo non vuol dire, comunque, che il cileno del Napoli non possa arrivare a Torino: si tratterebbe di un ottimo elemento per Ventura, che nel suo 4-2-4 potrebbe schierare Vargas come attaccante centrale ma anche soluzione alternativa sugli esterni (Santana convive da tempo con problemi fisici che anno dopo anno gli fanno saltare diverse partite). La pista Vargas resta dunque in piedi: a quel punto, ci sarebbe da stabilire la scelta di Ventura sulla coppia d’attacco (Bianchi-Meggiorini non sarebbe niente male). Per quanto riguarda il centrocampo, i due nomi restano sempre quelli di Pazienza e Tissone, ma ne spunta un terzo. La Juventus è disposta a cedere Pazienza solo a titolo definitivo: il giocatore è disponibile a un trasferimento in granata, avrebbe già chiesto un contratto triennale e Cairo lo sta puntando stretto, ben sapendo che non sarà facile. Lo stesso dicasi per Tissone, che non ha spazio alla Sampdoria ma resta un elemento che Ferrara potrebbe decidere di tenere come rincalzo. La terza pista, dicevamo, è quella che conduce al vero sogno di Ventura, ovvero Sergio Bernando Almiron: l’argentino, che il tecnico ha allenato a Bari per una stagione e mezza, sarebbe il metronomo perfetto per il centrocampo del Torino, che per come è strutturato oggi manca proprio del playmaker. Il Catania, per adesso…

… non cede, perchè il calciatore è considerato una pietra angolare della squadra. La quarta soluzione, un po’ più defilata, è quella di Francisco Silva, che gioca nell’Universidad de Chile (ex squadra di Edu Vargas). El Gato ha 21 anni e costa 2 milioni di Euro, non tantissimo; purtroppo è un extracomunitario, dunque può arrivare solo nel caso in cui il portiere Gomis ottenesse cittadinanza europea. La sensazione è che uno di questi arriverà: Ventura spinge per avere i suoi rinforzi il prima possibile, Cairo cercherà di accontentarlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori