CALCIOMERCATO/ Torino, idea Birsa! Intanto Pazienza non si sblocca…

Il punto sul mercato granata: è caccia allo sloveno del Genoa, viste le difficoltà nell’arrivare ad Alessio Cerci. In mediana lo juventino è il preferito, ma c’è il problema ingaggio…

02.08.2012 - La Redazione
valter_birsa_r400
Valter Birsa, 27 anni, ala sinistra slovena (INFOPHOTO)

Il calciomercato del Torino sta per entrare in una fase delicata. Il presidente Urbano Cairo ha promesso quattro innesti di livello, che per ora, però, tardano ad arrivare. Una delle priorità riguarda l’acquisto di un forte esterno d’attacco. Uno dei preferiti del tecnico Giampiero Ventura è Alessio Cerci, ma la trattativa con la Fiorentina si presenta irta di difficoltà, senza dimenticare le possibili riserve sul difficile carattere del ragazzo. Ecco, dunque, prendere corpo il piano B, che potra dritti sulle tracce di Valter Birsa, reduce da un’annata con pochissime luci e molte ombre con la maglia del Genoa. Enrico Preziosi, a quanto pare, sarebbe disposto a cedere lo sloveno in prestito, con i granata chiamati a corrispondere soltanto l’ingaggio del giocatore (800mila euro). Birsa, fino a pochi giorni fa, sembrava ad un passo dal Pescara, ma l’improvviso divorzio tra Preziosi e Pietro Lo Monaco ha congelato l’affare, che potrebbe essere definitivamente saltato. Lo sloveno, peraltro, non è l’unico giocatore del Grifone a catturare l’attenzione del Torino. Sul taccuino di Cairo e Petrachi, infatti, ci sono anche il centrocampista Davide Biondini e i difensori Cesare Bovo e Luca Antonelli. Quest’ultimo piace anche a Lazio e Palermo ed è considerato un’ottima alternativa ai vari Pasquale e Marchese, che da tempo sono nel mirino del Torino, alla ricerca di un valido esterno mancino. A centrocampo, invece, prosegue la corsa a due Pazienza-Tissone. Per lo juventino la situazione non si è ancora sbloccata. Cairo vorrebbe in prestito il mediano pugliese, che però percepisce un ingaggio piuttosto alto (1,2 milioni di euro) per le casse granata. Nei prossimi giorni potrebbe esserci un nuovo assalto. Non meno intricata la vicenda Tissone, visto che il playmaker italoargentino, probabilmente più adatto per guidare il centrocampo, ha molte richieste in Spagna, dove ha giocato nell’ultima stagione, con la maglia del Maiorca. Cairo aspetta, ma il tempo inizia a stringere. C’è sempre da onorare quella promessa fatta ai tifosi ed al tecnico Ventura. La rosa ha assoluto bisogno di essere completata con quei 3-4 colpi messi in cantiere. Quando arriveranno? E’ questa la domanda più gettonata nell’ambito della tifoseria granata, che si aspetta un gran torneo dai propri beniamini.

La salvezza, il prossimo anno, sarà praticamente un obbligo. Il minimo per un club come il Torino, che non vuole più fare il saliscendi tra A e B.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori