PROBABILI FORMAZIONI/ Siena-Udinese, ultime novità (serie A, terza giornata)

- La Redazione

Sfida tra le ultime in classifica, il Siena a meno cinque punti e l’Udinese clamorosamente ancora a zero. Ecco le probabili formazioni di due squadre in cerca di riscatto.

francesco_guidolin_udinese_r400
Foto Infophoto

Scontro fra ultime in classifica oggi pomeriggio al Franchi. Il Siena, con la ben nota penalizzazione di sei punti, ha fino ad oggi recuperato un punto soltanto e si trova ancora a meno cinque; l’Udinese non se la passa meglio, confinata ancora a zero punti. La banda Guidolin poi si tira ancora dietro gli strascichi per l’eliminazione della Champions: riuscirà il mister a far tornare i friulani quell’ottima squadra che conoscevamo? Per i friulani la partita del riscatto, per il Siena già la partita della disperazione, per non rimanere sprofondati in fondo alla classifica lontani da tutti. Sfida tra bianconeri dunque, in palio punti indispensabili per tutti. Favorita sembra essere la squadra ospite, maggiormente dotata dal punto di vista tecnico. Da non sottovalutare, però, la grinta di un condottiero come Serse Cosmi, in grado di caricare i propri giocatori come pochi altri allenatori. Il mercato, probabilmente, non ha soddisfatto molto le aspettative del tecnico umbro, che non ha potuto disporre, a differenza del predecessore Sannino, di un bomber puro come Mattia Destro. Una figura, quella del goleador appunto, che non sembra prevista nell’attuale organico.

Cosmi dovrebbe optare per il modulo 3-4-2-1, con Pegolo tra i pali, Neto, Paci e Contini a formare il terzetto difensivo, Angelo e Del Grosso sugli esterni, Vergassola e D’Agostino in mezzo. Sulla trequarti Rosina e il brasiliano Zè Eduardo, davanti Calaiò unica punta. Soprattutto dall’attaccante siciliano, che peraltro non ha mai superato quota 11 in serie A, ci si aspettano i gol che servono alla squadra toscana per salvarsi. Dietro di lui, il vuoto, a meno che non esploda il ‘misterioso’ Zè Eduardo, mai convincente nelle poche gare disputate con la maglia del Genoa, suo ex club.

Siedono a disposizione i portieri Farelli e Campagnolo, i difensori Dellafiore, Martinez, Rodriguez e Rubin, i centrocampisti Valiani, Verre, Mannini e Sestu e le punte Paolucci e Bogdani. Soprattutto gli ultimi due potrebbero rivelarsi utili, specialmente se al tecnico dovessero servire chili e centimetri in mezzo all’area di rigore.

Nessun infortunato per Serse Cosmi, che in compenso deve rinunciare allo squalificato Felipe, oltre ai vari fermati dalla giustizia sportiva per il calcioscommesse, ovvero Larrondo (3 mesi), Belmonte (6 mesi), Terzi (3 anni e 6 mesi), e Vitiello (4 anni).

In porta Padelli, terzetto difensivo con Benatia, Danilo e Domizzi, Basta e Pasquale sugli esterni, con Pereyra, Pinzi e Lazzari in mezzo. Davanti Barreto e Totò Di Natale. Mister Guidolin, insomma, non si discosta dal consueto 3-5-2. La novità più succosa riguarda l’utilizzo dal primo minuto di Paulo Vitor Barreto. L’ex Bari, che sembra finalmente ristabilito dai suoi continui guai fisici, avrà a disposizione un’occasione importante per guadagnarsi un posto da titolare.

A disposizione il portiere Pawlowski, i difensori Coda, Angella, Gabriel Silva e Faraoni, i centrocampisti Allan e Willians, il trequartista Maicosuel, e la punta di peso Ranegie.

Assenti lo squalificato Brkic e gli acciaccati Badu, Heurtaux e Muriel.

 

Pegolo; Neto, Paci, Contini; Angelo, Vergassola, D’Agostino, Del Grosso; Rosina, Zè Eduardo; Calaiò. All.: Cosmi.

A disp.: Farelli, Campagnolo, Martinez, Dellafiore, Rodriguez, Rubin, Valiani, Verre, Mannini, Sestu, Paolucci, Bogdani.

Squalificati: Felipe, Larrondo, Belmonte, Vitiello, Terzi.

Indisponibili: nessuno.

Padelli; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Pereyra, Pinzi, Lazzari, Pasquale; Barreto, Di Natale. All.: Guidolin.

A disp.: Pawlowski, Coda, Angella, Silva, Faraoni, Allan, Willians, Maicosuel, Ranegie.

Squalificati: Brkic.

Indisponibili: Badu, Heurtaux, Muriel.

 

Arbitro: De Marco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori