CALCIOMERCATO/ Sampdoria, voto 6,5 al mercato: colpi Maxi e Maresca e il ritorno di Poli

- La Redazione

Le pagelle del mercato della Sampdoria: bene gli acquisti, da Maxi Lopez a Maresca, passando per Simon Poulsen ed Estigarribia. Ritorno ok per Poli, nessun addio di grido.

garrona_ferrara_sampdoria_peruzziR400
Da sinistra: Angelo Peruzzi, Riccardo Garrone e Ciro Ferrara (INFOPHOTO)

Mercato molto positivo, da , per la neopromossa Sampdoria, allenata da quest’anno da Ciro Ferrara. Il tecnico napoletano, dopo l’esperienza maturata alla guida dell’Under 21, torna sulla panchina di un club di A. Il precedente Juventus non è beneaugurante, ma i Garrone si fidano di lui e gli hanno messo a disposizione un organico quasi di lusso per una squadra, benchè prestigiosa, che arriva dalla cadetteria. Maxi Lopez in avanti, Estigarribia ala, il ritorno di Poli e l’innesto di Maresca, la freschezza del nazionale danese Simon Poulsen sulla sinistra: eccolo il mix Samp, che sembra unire al meglio quantità e qualità. Fuori rosa il veterano Palombo, a cui la società ha proposto più volte la rescissione, nessun addio di grido: via per fine prestito Foggia e Pellè.

L’argentino Sergio Romero è quasi una certezza. ‘El Chiquito’, titolare della Selecciòn albiceleste, in serie B ha intervallato prestazioni spettacolari con incertezze grossolane, ma ha dimostrato di saper giudare bene la difesa. Alle sue spalle, Tommaso Berni, reduce dall’esperienza al Braga, ed il brasiliano Da Costa.

Meglio sulle fasce che in mezzo. Sulla sinistra Poulsen, ex AZ Alkmaar, dovrebbe garantire qualità e spinta a go-go, sulla destra De Silvestri deve innanzitutto ritrovarsi e provare a tornare il talento che era ai tempi della Lazio. Al centro svettano capitan Gastaldello e Rossini, un’accoppiata ottima in B, da testare in serie A (anche se Gastaldello vanta pure qualche chiamate in Nazionale). Come alternative, Costa, Castellini, Berardi, Laczko e il tedesco Mustafi. 

Fondamentale il ritorno di Poli, che non è stato riscattato dall’Inter. Di spessore anche l’innesto di Maresca, che rientra in Italia dopo sette anni di peregrinazioni tra Spagna e Grecia. Dal giovane Obiang si attende la consacrazione definitiva, interessanti anche le geometrie di Tissone che, dopo tante voci di mercato, alla fine è rimasto a Genova. Munari assicurerà dinamismo ed inserimenti, Krsticic la duttilità tattica, senza trascurare il brasiliano Renan e il promettente Under 21 Soriano. Mediana ricca ed equilibrata.

La punta di diamante è Maxi Lopez, voglioso di riscatto dopo la mancata riconferma da parte del Milan. Al suo fianco, nel tridente progettato da Ferrara, Estigarribia (prezioso jolly della Juve scudettata) e l’ex bresciano Eder. Pozzi sarà la controfigura di Lopez, promettono gli argentini Juan Antonio e Mauro Icardi. Reparto ok, anche se forse dipendente dalle lune di Maxi.

Attivo di 2,8 milioni. Spesi 3,2 milioni, incassati 6. Tanti colpi a parametro zero (Poulsen, Maresca, Berni), altri low cost (Maxi Lopez, De Silvestri). Nessuna cessione di grido, addio per fine prestito a Foggia e Pellè.

Palombo, Poli, Tissone, Maxi Lopez, De Silvestri, Berni, Estigarribia, S. Poulsen, Maresca.

Cacciatore, Foggia, Pellè, Fornaroli, Fiorillo, Gentsoglou.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori