Probabili formazioni/ Grasshopper-Fiorentina, le ultime novità (andata playoff Europa League)

- La Redazione

Ecco le probabili formazioni di grasshopper Zurigo-Fiorentina, valida per l’andata ai preliminari di Europa League. Otto i precedenti tra le due squadre, bilancio favorevole agli svizzeri

esultanza_fiorentina_aquilaniR400
Infophoto - immagine di repertorio

Dopo tre anni è mezzo, è tempo per i Viola di ritornare sulla scena del calcio internazionale: l’occasione è la partita di andata per i preliminari di Europa League. Dopo l’uscita di scena nel 2010 con la sconfitta subita in Champions dal Bayern Monaco, la Fiorentina ritorna sul palco europeo, questa volta contro gli svizzeri del Grasshopper, allo stadio Letzigrund di Zurigo. Otto i precedenti di questo scontro: 4 a favore degli elvetici, un pareggio e 3 vittorie per i viola. Finito il tempo delle prove e delle verifiche e dopo gli scivoloni con il Villareal e lo Sporting Lisbona è ora di svelare il volto della Fiorentina 2013-2014 con tanti grandi nomi ma anche tanti dubbi. Il primo punto di domanda riguarda il futuro di Adem Ljajic: resta? firma il contratto? Va all’Atletico Madrid? Per ora tutte le strade sembrano rimanere aperte. Questa incertezza pesa sulle spalle dell’attaccante classe ’91 rendendone poco serena la preparazione in vista della sfida di stasera. Altro problema è il portiere Neto: le possibilità che parta prima del 2 settembre rimangono sempre superiori al 50 %, ma ancora nulla di definito. Intanto in casa viola ci si consola con SuperMario: Montella ha lavorato molto per inserire Gomez nella formazione titolare. Gli svizzeri non sono certo gli ultimi arrivati: non partono favoriti ma sicuramente rappresentano un avversario davvero tosto. Dopo 5 giornate di campionato gli Hoppers sono già al terzo posto. La posta in gioco è alta: la possibilità di entrare nella fase a gironi dell’Europa League.

Gli svizzeri opteranno per un 4-1-4-1: un centrocampo e una difesa ampi, con l’obiettivo di filtrare più palloni possibili e ostacolare il gioco viola. Per loro il pericolo non rappresenta solo Mario Gomez: ”Il tedesco -ha dichiarato l’allenatore Skibbe- rappresenta solo una delle numerose insidie che ci toccherà fronteggiare, per una squadra che ha dalla sua diverse soluzioni per poter far male al proprio avversario”. Il Grasshopper è una squadra molto giovane con un solo giocatore over 30 (il terzo portiere) e già al top della forma fisica. Tra i pali Burki e davanti a lui il croato Pavlovic, il vallesano Grichting, Vilotic (difensore della nazionale serba) e a chiudere sulla sinistra il capitano Micheal Lang. Centrocampo affidato a Veroljub Salatic, serbo naturalizzato svizzero che dovrà coprire le spalle ad un quartetto sulla linea della tre quarti. Sulle fasce troveremo Hairovic e Abrashi (centrocampista della nazionale olimpica svizzera), e aiuteranno il lavoro del duo Gashi-Feltscher al centro. In campionato Hairovic e Gashi si sono fatti notare: rispettivamente 4 e 2 le reti segnate dai due centrocampisti. Unica punta di riferimento il francese Anatole Ngamukol, sicuramente un giocatore da tenere d’occhio: questa è la sua prima stagione da titolare, dotato di un buon dribbling darà sicuramente dei grattacapi alla difesa fiorentina.

A disposizione di Skibbe il veterano tra i pali Davide Taini, Bauer in difesa e il centrocampista congolese Toko. Sempre per il centrocampo potrebbe entrare a gara i corso anche il brasiliano Caio che a luglio ha firmato un contratto triennale con il club svizzero. Tre gli attaccanti su cui il tecnico tedesco potrebbe ripiegare c’è Khalifa, attaccante svizzero che aveva debuttato nel 2008 prima di tentare l’avventura nella Bundesliga, per poi ritornare il svizzera con il club zurighese. Assieme a lui Vonlanthen e Brahimi, giovanissimo e già entrato a far parte della nazionale albanese.

 Montella dice di avere un’idea ben precisa di chi farà giocare stasera, eppure le possibilità che ha davanti sono molteplici. Sicuramente il protagonista sarà SuperMario Gomez: il lavoro estivo della squadra è stato volto anche a rendere il più agevole possibile l’inserimento del tedesco. Purtroppo l’attaccante potrebbe non essere ancora al 100% della forma. Rimangono ancora dubbi su Giuseppe Rossi, dice Montella: ”Pepito non è al meglio come condizione fisica ma nel calcio le motivazioni contano molto. Lo confesso sono combattuto. Rossi ha voglia di giocare”. Per lui quindi le probabilità di essere in campo fin dal primo minuto di gioco sono alte. In caso di forfeit e panchina al suo posto si inserirebbe Ljajic: il talento e la freschezza del serbo sono indiscusse ma forse potrebbe soffrire della sua dubbia posizione nel mercato. A scalpitare c’è anche Joaquin, lo spagnolo appena acquistato dal Malaga. Montella rispolvererà il vecchio 3-5-2: Neto tra i pali con Tomovic, Rodriguez e Savic in difesa. Centrocampo affollato con Cuadrado e Pasqual nelle fasce, Aquilani e Borja Valero come interni e Ambrosini al centro. Per l’ex milanista il compito è quello di sostituire l’infortunato Pizarro: sebbene i due abbiano caratteristiche differenti, Ambrosini è sicuramente un giocatore versatile e la sua esperienza in campo internazinale sarà molto utile. Due le punte: Rossi o Ljajic e Gomez, a loro e soprattutto a quest’ultimo il compito di portare a segno i viola. Il capitano Pasqual è stato chiaro sulla condizione mentale con cui la Fiorentina stasera entrerà nello stadio gremito:” Dobbiamo ritrovare la rabbia e la ferocia agonistica della passata stagione”.

 Con diversi giocatori in forse Montella deve assicurarsi una panchina ben fornita e pronta a sostituire i titolari all’occorrenza. Munua come portiere, Compper e Marcos Alonso per la difesa, Joaquin e Bakic per il centrocampo e Yakovenko per l’attacco.

 Fuori per infortunio Pizarro, (sostituito da Ambrosini) e il difensore Hegazy. L’egiziano ha subito un trauma contusivo al ginocchio (lo stesso operato nella scorsa stagione per lesione al crociato) nell’amichevole con l’Uganda e il suo nome è stato tolto dalla lista UEFA.

Grasshopper Zurigo (4-1-4-1): Burki 1, Pavlovic 20, Grichting 3, Vilotic 4, Lng 5, Salatic 6, Hairovic 14, Gashi 10, Feltscher 11, Abrashi 8, Anatole 17.  

A disposizione: Taini 18, Bauer 34, Toko 28, Caio 21, Khalifa 15, Vonlanthen 22, Brahimi 27.    

Allenatore: Skibbe    

Nessun giocatore indisponibile o squalificato

Fiorentina (3-5-2): Neto 1, Tomovic 40, Rodriguez 2, Savic 15, Cuadrado 11, Aquilani 10, Ambrosini 21, Borja Valero 20, Pasqual 23, Gomez 33, Rossi 49.  

A disposizione: Munua 78, Alonso 3, Commper 5, Joaquin 17, Ljajic 22, Bakic 8, Jakovenko 77  

Non disponibili: Pizarro 7, Hegazy 6.   All. Montella

Arbitro: Matej (SLO)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori