Esbjerg-Fiorentina/ Il pronostico di Daniele Amerini (esclusiva)

- int. Daniele Amerini

Torna l’Europa League 2013-2014, con le partite valide per l’andata dei sedicesimi di finale: per Esbjerg-Fiorentina il pronostico dell’ex centrocampista viola Daniele Amerini

joaquin_ilicic
Foto Infophoto

Andata dei sedicesimi di finale di Europa League: stasera alle 19 in Danimarca in campo i padroni di casa dell’Esbjerg e la Fiorentina. Non è un grande momento per la squadra danese che occupa il penultimo posto nella classifica del suo campionato. La Fiorentina invece deve riscattare la sconfitta nello scorso turno di campionato, contro l’Inter all’Artemio Franchi. In campo dovrebbe esserci anche Mario Gomez, che a poco a poco sta cercando di ritrovare la forma ideale per un finale di stagione importante. Se la Viola supererà il turno incontrerà la Juventus, sempre che la formazione bianconera faccia altrettanto, in un doppio confronto che si annuncia molto interessante. Per presentare Esbjerg-Fiorentina ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva l’ex centrocampista ed oggi agente FIFA Daniele Amerini, nato a Firenze e alla Viola dal 1991 al 1995.

Esbjerg–Fiorentina, partita facile per la formazione viola? Sulla carta penso proprio che non dovrebbero esserci problemi, la differenza tecnica tra le due squadre è veramente notevole.

Cosa ci sarà da temere in questa trasferta danese? Credo che per loro sarà veramente la partita dell’anno, cercheranno di mettere quest’incontro sul piano fisico, avranno tante motivazioni. Vorranno tentare di fare un risultato positivo per giocarsi qualche chance di qualificazione a Firenze.

Bisognerà riscattarsi anche dopo la sconfitta con l’Inter… L’Inter non era comunque una squadra semplice da affrontare nonostante lo svantaggio in classifica, è una sconfitta che ci può stare.

Mario Gomez potrebbe fare la differenza? Bisogna dire che Gomez è rientrato da poco in squadra, quindi ci vorrà tempo prima che ritrovi la forma ideale. Non me lo aspetto ancora al top della sua condizione.

Fiorentina tra alti e bassi questa stagione, quali sono i motivi di tutto questo? Intanto giocare senza Gomez e Giuseppe Rossi non da poco, considerando che la squadra è stata costruita per esaltarli. La Fiorentina sta disputando una grande stagione, raccogliendo risultati che fino a due anni sembravano semi irraggiungibili. La finale di Coppa Italia, il cammino positivo in Europa League e il quarto posto in campionato sono una conferma del lavoro positivo di società e squadra.

Cosa manca ancora?

La mentalità da grande squadra che si acquisisce col tempo, questa Fiorentina forse non c’è l’ha ancora.

La squadra di Montella dovrebbe fare in Europa League? Se supererà i sedicesimi poi il prossimo turno incontrerà la Juventus, un ostacolo veramente duro da affrontare. Ci potrebbero essere tre partite con la formazione bianconera in poco tempo considerando il ritorno in campionato, sarebbe un dispendio di energie anche mentali non indifferente. Se la Fiorentina eliminerà l’Esbjerg si giocherà tutto con i bianconeri; se poi supererà l’ostacolo nessuno le potrà porre più limiti. 

Il suo pronostico per quest’incontro? Credo proprio che la Fiorentina riuscirà a vincere questa partita.

(Franco Vittadini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori