PALLAVOLO/ L’Italia vince la Coppa del Mondo femminile

- La Redazione

Trionfo italiano nella Coppa del Mondo di pallavolo femminile, che si è chiusa oggi in Giappone. L’Italia, vittoriosa contro il Kenya 3-0, ha scavalcato gli Usa sconfitti 3-0 dal Giappone.

italia11_r400
Un momento di esultanza azzurra (Ansa)

Una splendida notizia arriva dal Giappone, dove la Nazionale italiana femminile guidata dal c.t. Massimo Barbolini ha vinto la Coppa del Mondo di pallavolo. L’Italia ha facilmente battuto – come prevedibile – il Kenya per 3-0, con parziali di 25-6, 25-10, 25-17, ma ha dovuto attendere l’esito della partita tra Giappone-Stati Uniti per sapere se avrebbe vinto la competizione. Le americane infatti ieri avevano scavalcato in vetta alla classifica le azzurre in virtù della vittoria nello scontro diretto, che aveva interrotto la fantastica serie di 20 vittorie italiane consecutive in Coppa del Mondo (tutte le 11 partite della trionfale edizione del 2007 e le prime 9 di questa). Gli Usa, nonostante quella vittoria, avevano però sopravanzato l’Italia di un solo punto, a causa della loro precedente sconfitta 3-0 contro la Germania (mentre le azzurre vantavano un ruolino di marcia fin lì perfetto), quindi rimaneva in palio la vittoria nella manifestazione. Decisive erano dunque le partite di oggi, Italia-Kenya e Giappone-Usa.

La prima partita in programma – nella notte italiana – era proprio quella delle azzurre, che non hanno avuto alcun problema a battere le africane, “cenerentole” della Coppa del Mondo con 0 punti e 3 soli set vinti in tutto il torneo. Barbolini ha potuto attuare un grande turn-over, facendo giocare le ragazze che fin qui avevano avuto meno spazio, come Signorile, Folie, Anzanello, Sirressi, De Gennaro e le sorelle Bosetti, affiancata dalla onnipresente Costagrande. La partita non ha avuto storia: emblematico il primo set, iniziato con un parziale di 13-0 e finito 25-6 per le azzurre in soli 15 minuti di gioco. Solo appena più lungo il secondo set, terminato 25-10 in 18 minuti. L’unico set con punteggio degno di una manifestazione mondiale è stato il terzo, dove con orgoglio le africane si sono spinte fino al 17-25, senza comunque mettere mai in discussione la vittoria azzurra. Svolto quindi il compitino di giornata, tutta la squadra dell’Italia si è messa ad assistere (assieme ad Alberto Zaccheroni, c.t. della nazionale di calcio nipponica) a Giappone-Stati Uniti, ovviamente tifando per le padrone di casa. Il Giappone è squadra di ottimo livello, ma non aveva più speranze di qualificarsi per le Olimpiadi, perché nel frattempo la Cina aveva battuto la Germania, assicurandosi il terzo pass olimpico.

Però le giapponesi hanno voluto salutare alla grande il loro pubblico, e hanno vinto un bellissimo e tiratissimo primo set con il punteggio di 29-27, dopo una battaglia lunga 33 minuti. Molto combattuto anche il secondo set, che le asiatiche hanno vinto 25-23: a quel punto, l’Italia era già campione, perché se anche le americane avessero ribaltato il punteggio, avrebbero agganciato l’Italia a quota 28, ma con un quoziente set peggiore. Però il Giappone non si è fermato, anzi sono state le statunitensi a scoraggiarsi, e il terzo set è finito con un facile 25-18 per il Giappone. La festa italiana è così completa: a quota 28 punti il primo posto è solitario. Vittoria meritatissima per la qualità mostrata in tutto il torneo e le belle vittorie ottenute. Ora tocca agli uomini (clicca qui per leggere l’intervista di presentazione della Coppa del Mondo maschile con Paolo Tofoli).       

 

(Mauro Mantegazza)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori