PALLAVOLO/ Coppa del Mondo: Italia-Cina 3-0, facile vittoria azzurra

- La Redazione

Facile vittoria per l’Italia di Mauro Berruto nella quarta partita della Coppa del Mondo: travolta la Cina 3-0 soffrendo solo all’inizio del secondo set. Domani sfida agli Usa.

pallavolo2011_r400
I ragazzi esulteranno in Italia-Giappone? (Foto: ANSA)

Dopo la storica vittoria di martedì contro il Brasile, che ha rotto un digiuno di otto anni, e il primo giorno di “riposo” – tra virgolette perché c’è stato il trasferimento da Kagoshima a Yamamoto – il programma della prima giornata della seconda fase (quarta complessiva) prevedeva Italia-Cina. Gli asiatici al maschile non sono certo all’altezza delle colleghe donne, che sono invece tra le più forti al mondo, ma sono comunque al decimo posto nel ranking mondiale, quindi era una partita sulla carta da non sottovalutare, anche perché in questa Coppa del Mondo le sorprese sembrano non finire mai: oggi l’Iran ha battuto 3-2 la Polonia, ormai non è più una sorpresa (clicca qui per leggere l’intervista con Andrea Zorzi).

I ragazzi di Berruto però non hanno regalato altre “sorprese” – che sarebbero state per noi negative – e hanno vinto in scioltezza (3-0, parziali 25-10, 25-18, 25-14) l’incontro contro l’unica squadra ancora ferma a quota zero punti. Tutto questo nonostante un ampio turn-over, o forse proprio grazie a questo, visto che chi finora aveva giocato meno ha dato ottime risposte. In tribuna Mastrangelo, in panchina Fei (mai entrato) e Parodi (solo pochi scambi per lui), ha esordito invece Birarelli, finalmente recuperato dopo l’infortunio che l’aveva bloccato. Emanuele ha dimostrato di essere recuperato al 100%, ottima partita in cui ha messo a segno 9 punti. Il top-scorer è stato comunque un ottimo Ivan Zaytsev, autore di 13 punti, davanti al capitano Cristian Savani, a quota 10. Citazione d’onore anche per Travica: merce rara un alzatore che segna ben 5 punti in 3 soli set, ancora una volta grazie soprattutto alla battuta (3 servizi vincenti per lui). Lasko sempre positivo, e Berruto ha anche potuto farlo riposare nel terzo set, in cui il grande protagonista è stato Giulio Sabbi.

Sul primo set, chiuso con il punteggio di 25-10, c’è poco da dire: gli azzurri volano via fin da subito con servizi devastanti per i malcapitati cinesi, e non c’è storia. Decisamente più da dire sul secondo set, che i cinesi iniziano con grinta, desiderosi di riscattarsi, e sorprendono un’Italia che ci mette un po’ a capire che a questo giro bisogna soffrire. La Cina crea e mantiene un vantaggio di alcuni punti fino al 13-10, poi però la reazione italiana arriva ed è travolgente: da lì in poi il parziale è di 15-5 (decisivo il turno in battuta di Travica), alla fine si può dire che anche questo set è stato vinto abbastanza facilmente.

Infine, il terzo set è stato il Sabbi-show: rincuora vedere che anche le seconde linee sono ben presenti, e il parziale scivola via in modo molto simile al primo, anche se il punteggio finale è meno umiliante, 25-14. I tre punti vengono incamerati con facilità in un torneo con classifica sempre più corta, anche perché il Brasile si è ripreso e ha travolto una Russia fin qui perfetta. Domani test molto probante per gli azzurri contro gli Stati Uniti campioni olimpici, alle 10.30 ore italiane.

 

(Mauro Mantegazza)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori