SCHERMA/ La Vezzali rassicura tutti: grande spavento, ma sto bene

- La Redazione

Conseguenze non gravi per Valentina Vezzali a seguito dell’incidente stradale di cui è stata vittima ieri. La pluri-campionessa potrà tornare in breve tempo ad allenarsi.

vezzali_r400-2
La Vezzali esulta ai mondiali di Catania, Ansa

Ieri la grande paura, a causa di un incidente stradale nei pressi della cittadina umbra di Norcia, poi la corsa in ospedale a Spoleto, e i primi controlli. Tutto il mondo della scherma, e più in generale tutto lo sport italiano erano in ansia per Valentina Vezzali, una delle donne più vincenti della storia dello sport (di tutti gli sport) mondiale. Stamattina, finalmente, il sospiro di sollievo. A tranquillizzare tutti è stata la stessa campionessa jesina: “Sto bene, ma ho avuto tanta paura” racconta la campionessa dopo gli ulteriori accertamenti medici a cui è stata sottoposta. La Vezzali ha anche raccontato l’incidente di cui è stata vittima ieri: “Devo dire grazie ai sistemi di sicurezza dell’auto, dall’airbag alle cinture, perché altrimenti avrei rischiato davvero grosso. Devo smaltire la paura, ma ho già tanta voglia di tornare subito in pedana”. D’altronde Londra 2012 si avvicina, e con essa l’incredibile obiettivo del quarto oro olimpico individuale (già ora è l’unica con tre allori consecutivi), che sarebbe la ciliegina sulla torta di una carriera a dir poco leggendaria che – comprese le gare a squadre – l’ha vista vincere cinque ori olimpici, tredici mondiali e dieci europei (tralasciando argenti e bronzi…), oltre a undici Coppe del Mondo, con 76 tappe vinte, e ventisei titoli italiani (spesso impegnativi come i mondiali). L’esame ecografico effettuato stamattina all’addome, secondo i medici dell’ospedale di Spoleto dove la Vezzali ha trascorso ricoverata la notte (e dove le hanno fatto subito visita la famiglia, l’allenatore Tomassini e il ct Cerioni), ha dato esito negativo. “Il versamento nella parte dell’addome, conseguenza del trauma subito nell’impatto – spiega il medico federale, Antonio Fiore – si è riassorbito. Al momento possiamo dire che l’incidente non ha avuto conseguenze, ma prima di poter stilare una previsione circa il rientro in pedana, è bene attendere qualche giorno. Le condizioni generali sono comunque buone”. Valentina, ieri pomeriggio, stava recandosi nella sede del ritiro di Norcia della Nazionale azzurra di fioretto, per una delle tappe di avvicinamento alle Olimpiadi, quando l’auto che guidava, a poche centinaia di metri dalla destinazione, ha urtato un’altra auto, guidata da un giovane bulgaro e sbucata all’improvviso da una strada laterale, finendo la sua corsa contro un albero.

Incidente non grave, il ragazzo è addirittura rimasto illeso, mentre alla Vezzali è andata meno bene. Per tornare ad allenarsi servirà il via libera dei medici, ma non dovrebbe essere una lunga attesa. Il Dream Team non perderà la sua atleta di punta.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori