GIRO D’ITALIA 2012/ Ecco i nomi dei protagonisti principali

- La Redazione

Mancano ormai pochi giorni al via da Herning (Danimarca) del Giro d’Italia 2012: ecco quali ne saranno i protagonisti più attesi, per la classifica, nelle volate e nelle tappe “intermedie”.

scarponi_r400
Michele Scarponi oggi è tra i nomi più attesi (Infophoto)

Il conto alla rovescia per il Giro d’Italia 2012 ormai è alle battute finali: sabato si partirà da Herning (Danimarca), punto più a Nord raggiunto nella storia da una grande corsa a tappe, e che ha diviso addetti ai lavori e tifosi tra favorevoli e contrari. Ma ormai tutto è pronto, e anche le squadre hanno ufficialmente confermato le proprie formazioni e dunque quali ciclisti saranno al via – fermo restando che fino a venerdì saranno possibili sostituzioni in extremis. Saranno dunque 198 i corridori, in rappresentanza delle ventidue squadre partecipanti (9 per ognuna di esse), a prendere il via in questo Giro d’Italia. Mauro Vegni, Direttore Operativo della corsa rosa per conto dell’organizzazione Rcs, si è dichiarato soddisfatto. Ecco dunque le sue parole: “Partecipazione di tutto rispetto per questo Giro d’Italia. La presenza di Franck Schleck darà sicuramente maggior rilievo alla nostra Corsa e allarga il numero di pretendenti alla vittoria finale. Tra le ruote veloci spicca, naturalmente il nome del Campione del Mondo, Cavendish, che avrà però filo da torcere nelle tappe che finiranno allo sprint vista la presenza di campioni come Hushovd, Farrar e molti altri funamboli delle ruote veloci. L’ultimo aspetto su cui mi vorrei soffermare è la massiccia presenza di corridori giovani sia italiani che stranieri: il Giro premetterà loro di confrontarsi con gli atleti più esperti e sarà anche una ribalta molto importante”. I big che sulla carta infiammeranno la lotta per la vittoria nella classifica generale sono: per l’Italia il vincitore uscente Michele Scarponi (che giovedì riceverà la maglia rosa 2011), il compagno di squadra nella Lampre-ISD Damiano Cunego, ed il vincitore del Giro 2010, Ivan Basso. La Liquigas Cannondale ha optato quindi per dividere la coppia dei big, con Vincenzo Nibali dirottato esclusivamente sul Tour de France. Fra gli stranieri troviamo il ceco dell’Astana Roman Kreuziger, lo spagnolo della Katusha Joaquin Rodriguez, il francese John Gadret (AG2r La Mondiale), che l’anno scorso colse un grande quarto posto – terzo con la squalifica di Contador, il venezuelano Josè Rujano (Androni) e naturalmente la sorpresa dei giorni scorsi, il lussemburghese del Team Radioshack Frank Schleck, senza trascurare nomi nuovi quali ad esempio l’americano Taylor Phinney (BMC) l’australiano Jack Bodridge (GreenEdge) e l’inglese Geraint Thomas (Sky).

Grandi nomi anche fra i velocisti: su tutti spicca naturalmente il nome del campione del mondo Mark Cavendish (Sky), seguito a ruota dall’ex campione del mondo Thor Hushovd (BMC), dall’americano della Garmin Barracuda, Tyler Farrar, dall’australiano della Rabobank, Mark Renshaw, dall’altro australiano della GreenEdge e vincitore della Milano-Sanremo 2011, Matthew Goss, e fra gli italiani Francesco Chicchi (Omega Pharma–Quick Step), Andrea Guardini (Farnese Vini), Sacha Modolo (Colnago CSF) e Daniele Bennati (Radioshack). Poi gli uomini “da classiche”, adatti per le tappe intermedie: il campione italiano Giovanni Visconti (Movistar), l’ex campione del mondo – debuttante al Giro – Alessandro Ballan (BMC), Filippo Pozzato (Farnese Vini), il vincitore del Lombardia, Oliver Zaugg (Radioshack) e il belga Dennis Vanendert (Lotto Belisol), protagonista in questa primavera. Ci si aspettano grandi cose anche da giovani come Diego Ulissi (Lampre ISD), Enrico Battaglin e Gianluca Brambilla (Colnago CSF), Eros Capecchi (Liquigas Cannondale) e Roman Feillu (Vacnsoleil DCM). Da segnalare infine altre due notizie: il numero di gara 108 è stato ritirato dagli organizzatori in ricordo della morte di Wouter Weylandt, mentre sponsor della maglia rossa della classifica a punti sarà Italo, il nuovo treno ad Alta velocità.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori