TOUR DE FRANCE/ Domani scatta l’edizione numero 99: il percorso, le tappe e i protagonisti

- La Redazione

Domani da Liegi scatta il Tour de France 2012: ecco tutte le notizie utili sul percorso e sui partecipanti più attesi, con l’elenco di tutte le tappe. Evans e Wiggins grandi favoriti.

evans_2011
L'ultima tappa del Tour 2011 con Evans in maglia gialla (Infophoto)

Domani prenderà il via da Liegi, in Belgio, la novantanovesima edizione del Tour de France. Come sempre c’è grande attesa per la corsa ciclistica più importante e prestigiosa del mondo. Primo aspetto da segnalare è l’ennesima partenza dell’estero: i primi tre giorni saranno in Belgio, e ci sarà anche un ulteriore sconfinamento in Svizzera. Il Tour è d’altronde da sempre la corsa più internazionale, e i francesi accettano questo fatto per esaltare la loro grandeur; caso mai, pesa ai transalpini non imporsi nella corsa di casa dall’ormai lontanissimo 1985, anno dell’ultimo dei cinque successi di Bernard Hinault.

Anche quest’anno i favoriti sono tutti stranieri. Anzi, ad indicare come il mondo del ciclismo sia sempre più anglofono (cosa inimmaginabile fino a circa 20 anni fa), i due campioni più attesi sono l’australiano Cadel Evans e il britannico Bradley Wiggins. Evans è il campione in carica: un personaggio amato da tutti e tecnicamente completo, certamente prontissimo a lottare per il granìdino più alto del podio anche quest’anno. Wiggins invece sta vivendo un 2012 finora perfetto; vissuto tutto in ottica Tour, ha vinto tutte le corse a tappe a cui ha partecipato finora (Parigi-Nizza, Romandia e Delfinato) ed è certamente il corridore più favorito dal percorso.

La grande notizia di questa edizione del Tour de France è infatti il ritorno ad oltre 100 km a cronometro (per l’esattezza 101,4) con il cronoprologo di domani e poi due cronometro lunghe, lunedì 9 luglio a Besancon e sabato 21 luglio – penultimo giorno di corsa – a Chartres. I tapponi di montagna sono onestamente pochi: gli arrivi in salita sono infatti soltanto due, anche se rispetto al solito al Tour ci saranno più tappe di mezza montagna. Quindi ci saranno anche alcuni giorni sui Vosgi o nel Giura a cui prestare attenzione, oltre alle solite Alpi (con Grand Colombier, Madeleine e Croix de Fer) e Pirenei (Aubisque, Tourmalet, Aspin, Peyresourde, Port de Bales). Un percorso interessante, anche se resta il dubbio che tutto si possa decidere a cronometro. Ricordiamo a questo proposito che al Tour non ci sono abbuoni in nessuna tappa (nelle prossime pagine troverete il dettaglio di tutte le tappe).

Vincenzo Nibali sarà la punta della spedizione italiana, e può puntare ad insidiare Evans e Wiggins per la vittoria finale, o almeno per il podio, che è l’obiettivo anche di Hesjedal, Frank Schleck, Valverde, Leipheimer e Menchov.

Per le volate invece il protagonista assoluto sarà il campione del Mondo Mark Cavendish, ma dovrà lottare con nomi come Sagan, Greipel, Farrar, Goss, Freire e il nostro Alessandro Petacchi. Da segnalare poi la presenza di “cacciatori di tappe” del calibro di Gilbert, Cancellara, Boasson Hagen, Voeckler e Vinokourov. Per quanto riguarda gli italiani, in tutto sono quindici: cinque a testa per Lampre – dove oltre a Petacchi ci sarà Scarponi, che cercherà di essere protagonista in montagna – e Liquigas, dove Ivan Basso sarà l’aiutante di lusso per Nibali. Ricordiamo poi Quinziato nella Bmc, Malacarne nella Europcar, Marcato nella Vacansoleil e Caruso e Paolini nella Katusha.

 

 

Sabato 30 giugno: Liegi (Bel), cronoprologo individuale, 6,4 km

Domenica 1 luglio: Liegi (Bel)-Seraing (Bel), 198 km (1a tappa, pianeggiante)

Lunedì 2 luglio: Visè (Bel)-Tournai (Bel), 207,5 km (2a tappa, pianeggiante)

Martedì 3 luglio: Orchies-Boulogne sur Mer, 197 km (3a tappa, media montagna)

Mercoledì 4 luglio: Abbeville-Rouen, 214,5 km (4a tappa, pianeggiante)

Giovedì 5 luglio: Rouen-Saint Quentin, 196,5 km (5a tappa, pianeggiante)

Venerdì 6 luglio: Epernay-Metz, 207,5 km (6a tappa, pianeggiante)

Sabato 7 luglio: Tomblaine-La Planche des Belles Filles, 199 km (7a tappa, media montagna)

Domenica 8 luglio: Belfort-Porrentruy (Svi), 157,5 km (8a tappa, media montagna)

Lunedì 9 luglio: Arc et Senans-Besancon, cronometro individuale, 41,5 km (9a tappa)

Martedì 10 luglio: riposo

Mercoledì 11 luglio: Macon-Bellegarde sur Valserine, 194,5 km (10a tappa, alta montagna)

Giovedì 12 luglio: Albertville-La Toussuire Les Sybelles, 148 km (11a tappa, alta montagna)

Venerdì 13 luglio: Saint Jean de Maurienne-Annonay Davezieux, 226 km (12a tappa, media montagna)

Sabato 14 luglio: Saint Paul Trois Chateaux-Le Cap d’Adge, 217 km (13a tappa, pianeggiante)

Domenica 15 luglio: Limoux-Foix, 191 km (14a tappa, alta montagna)

Lunedì 16 luglio: Samatan-Pau, 158,5 km (15a tappa, pianeggiante)

Martedì 17 luglio: riposo

Mercoledì 18 luglio: Pau-Bagneres de Luchon, 197 km (16a tappa, alta montagna)

Giovedì 19 luglio: Bagneres de Luchon-Peyragudes, 143,5 km (17a tappa, alta montagna)

Venerdì 20 luglio: Blagnac-Brive la Gaillarde, 222,5 km (18a tappa, pianeggiante)

Sabato 21 luglio: Bonneval-Chartres, cronometro individuale, 53,5 km (19a tappa)

Domenica 22 luglio: Rambouillet-Parigi, 120 km (20a tappa, pianeggiante)

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori