NUOTO/ Trials Usa, Michael Phelps vince anche i 100 farfalla: anche a Londra può vincere 8 medaglie

- La Redazione

Michael Phelps ha vinto ai Trials Usa anche la gara dei 100 farfalla e a Londra parteciperà a ben otto gare olimpiche. I risultati principali della giornata, Franklin protagonista.

phelps
Michael Phelps, 30 anni, 20 medaglie olimpiche (Infophoto)

Michael Phelps  conclude nel migliore dei modi i Campionati Americani di nuoto ad Omaha (Nebraska), validi come Trials per formare la selezione statunitense per i Giochi Olimpici di Londra 2012. Il fenomeno del nuoto contemporaneo aveva iniziato con una sconfitta nei 400 misti contro il grande rivale Ryan Lochte, ma poi si è rifatto battendolo nei 200 misti e nei 200 stile libero, e nella notte italiana ha completato l’opera vincendo anche nel suo “giardino” preferito, i 100 farfalla. Questa se vogliamo non è una notizia, perchè il suo grande rivale nella specialità non è un connazionale, ma piuttosto il serbo Cavic, ma ubna cosa va sottolineata: quella di domenica sera nella vasca del Century Link Center è stata l’ultima gara della carriera per l’ex Kid di Baltimora nelle selezioni pre-olimpiche americane. Gli oltre 12mila spettatori gli hanno perciò tributato un grandissimo applauso, che lo ha commosso non poco. Phelps ha vinto i 100 farfalla in 51″14, il tempo più veloce dell’anno, ponendo una seria ipoteca per il trionfo nella specialità anche a Londra, e in acqua alla corsia numero uno aveva il suo rivale principale, Ryan Lochte. Per Lochte questa gara è stata più che altro un test, dato che di solito non la affronta (anche se da grande mistista ovviamente ci sa fare anche nella farfalla), ma è arrivato a un passo dal conquistare la qualificazione olimpica, superato nel finale di 3 decimi dallo specialista Tyler McGill: comunque si è migliorato sino a 51″65, limando al personale quasi un secondo. Il quadro definitivo delle gare che i due fenomeni disputeranno ai Giochi è ora completo, e Phelps si candida ancora una volta ad essere il migliore: per Michael appuntamento sui 200 sl, 100-200 farfalla, 200-400 misti e tre staffette. Insomma, come ad Atene e Pechino è possibile l’obiettivo delle otto medaglie: 24 podi in tre edizioni, sarebbe un record ancora più incredibile di tutti quelli che ha già stabilito. Per Lochte invece 200 sl, 200 dorso, 200 e 400 misti ma probabilmente una sola staffetta (4×200). Otto potenziali medaglie per Phelps (come a Pechino), cinque per l’altro. Per il momento la leadership è ancora nelle mani di Phelps, anche se ovviamente tutti attendono lo scontro nelle tre gare individuali nelle quali si scontreranno.

Il personaggio femminile invece è stato senza alcun dubbio Missy Franklin, che a 17 anni parteciperà a ben sette gare e con grandissime ambizione, se si pensa che ai Mondiali di Shanghai 2011 ottenne cinque medaglie, di cui tre d’oro. Ieri Missy ha vinto i 200 dorso – quindi ha staccato il quarto pass olimpico dopo 100 dorso, 100 e 200 sl, a cui andranno aggiunte le tre staffette – con il tempo di 2’06″12, il migliore al mondo davanti alla russa Anastasia Zueva. “Non vedo l’ora di arrivare a Londra” è stato il suo commento. Potrebbe essere lei l’erede “in gonnella” di Phelps. A proposito di giovani promesse, Kathleen Ledecky a 15 anni ha vinto gli 800 sl in 8’19″78, crono peggiore soltanto a quello dell’olimpionica britannica Adlington quest’anno. Ma ci sono anche i “vecchietti”. Cullen Jones, pantera nera dello sprint, s’è preso i 50 di un centesimo in 21″59 su Anthony Ervin, che a 31 anni andrà a Londra. Stanotte, a 45 anni, Dara Torres si giocherà la sesta Olimpiade nella lotteria dei 50: è già terza, le manca di salire un solo gradino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori