DIRETTA/ Volley femminile, Italia-Algeria live (Olimpiadi Londra 2012): la partita in temporeale

- La Redazione

Italia e Algeria si affrontano nella quarta partita del girone di qualificazione del torneo femminile di pallavolo. Inseguiamo il primo posto che significa evitare gli Stati Uniti ai quarti.

piccinini
Francesca Piccinini (Infophoto)

Quarto impegno per la nazionale di pallavolo femminile di Massimo Barbolini: questa sera, alle ore 23 (per la seconda volta in sessione serale), l’Italia affronta l’Algeria nel gruppo A. Ci sono due gironi da sei squadre: le prime quattro di ognuno accedono ai quarti di finale, e da lì si giocherà a eliminazione diretta, chi perde va a casa. Si gioca, come noto, sulla distanza dei tre set da vincere: si arriva ai 25 punti per ogni set, bisogna chiudere il parziale con almeno due lunghezze di scarto (dunque, 26-24, 28-26 e così via) e in caso di arrivò a due set pari si gioca il tie break nel quale bisogna arrivare a 15 punti per vincere la partita. Il 3-0 o il 3-1 regalano tre punti, due se si vince al quinto set, un punto per sconfitta al quinto set. Al momento siamo in testa al nostro girone: la qualificazione non è per niente un problema, ma dovremo fare attenzione a non incappare in distrazioni che potrebbero costarci punti pesanti che causerebbero incroci pericolosi nella seconda fase. Il precedente più recente per le ragazze di Barbolini, contro l’Algeria, riguarda la World Cup giapponese dell’ottobre 2011, che vincemmo qualificandoci anche per Londra: finì 3-0 per l’Italia.

L’Italia fin qui ha avuto un percorso netto a livello di vittorie e punti: condivide il primo posto nel girone insieme alla Russia, che però ha perso un solo set rispetto a noi e quindi al momento ci resta davanti, in attesa dello scontro diretto di domenica sera. Le nostre ragazze hanno esordito contro la Repubblica Dominicana con una vittoria per 3-1: quel set perso, per troppe distrazioni, rischia di pesare soprattutto a livello di quarti di finale (la sfida contro gli Stati Uniti dovrebbe essere comunque evitata, ma potrebbe esserci il Brasile sulla nostra strada, senza dimenticare la Cina che in World Cup ci fece dannatamente sudare). Il 3-1 sul Giappone è stato più brillante, mentre il test contro la modesta Gran Bretagna non è attendibilissimo, e abbiamo anche patito qualche difficoltà di troppo nel primo set contro le padrone di casa. Non dovrebbe comunque essere un problema la partita di questa sera: rispetto alla gara dello scorso ottobre, il nostro sestetto non è cambiato granchè, anzi per niente: le titolari sono sempre quelle, i punti di forza sono sempre Carolina Costagrande e Simona Gioli, le nostre migliori marcatrici. Leo Lo Bianco si è presa un turno di riposo mercoledi seera, Giulia Rondon l’ha degnamente sostituita: visto l’impegno modesto, anche stavolta Barbolini potrebbe fare turnover, riproponendo magari Caterina Bosetti e dando spazio a Monica De Gennaro o Francesca Piccinini, che deve trovare la forma migliore. 

Anche l’Algeria è cambiata poco rispetto alla World League: allora arrivò penultima, davanti al solo Kenya che battè nello scontro diretto. E’ di gran lunga la formazione migliore in Africa, ma naturalmente a livello mondiale non ha molte armi da giocarsi. Ad ogni modo, in queste prime tre partite è riuscita a spaventare la Gran Bretagna (sconfitta 3-2) e tutto sommato nemmeno contro la corazzata Russia è dispiaciuta troppo. Da tenere d’occhio soprattutto Zohra Bensalem e Safia Boukhima, che sono le due giocatrici più prolifiche della squadra.

L’Italia non dovrebbe avere problemi. Tuttavia, sarà importante non tirare troppo la corda: queste partite servono anche e soprattutto per testare nuove situazioni di gioco e consentire magari a qualche giocatrice di trovare lucidità. In più, bisogna assolutamente evitare di giocare più del necessario, come accaduto nel corso del primo set di ieri sera. Poi, domenica sera, contro la Russia ci giocheremo il primo posto nel girone (che comunque oggi significherebbe incontrare il Brasile: non un bell’affare, pur se sta giocando malissimo). La cosa migliore sarebbe incrociare la Corea del Sud, che però al momento è seconda. Ad ogni modo, a parte gli Stati Uniti che per il momento giocano un altro sport su un livello sconosciuto a tutti, le altre squadre sono tutte battibili. Certo, non sarà facile. Per ora però c’è l’Algeria: la partita sta per cominciare, segui e commenta la diretta della partita sul nostro sito.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori