COPPA DAVIS/ Italia-Cile a Napoli: sorteggiati gli incontri, ecco il programma dello spareggio salvezza

- La Redazione

Da domani a domenica a Napoli si gioca lo spareggio salvezza della Coppa Davis Italia-Cile: azzurri favoriti, ecco quale sarà il programma delle partite.

seppi
Andreas Seppi, 31 anni (Infophoto)

Da domani a domenica a Napoli si gioca l’incontro Italia-Cile, spareggio per rimanere nel Gruppo Mondiale della Coppa Davis di tennis. Gli ingredienti per una grande festa di sport ci sono tutti, a partire da una nuovaArena in terra rossa sul lungomare di Mergellina, con i tifosi che faranno registrare il tutto esaurito. Tra l’altro, la sfida si presenta sulla carta molto favorevole agli azzurri, che non dovrebbero avere grossi problemi a rimanere nella ‘serie A’ del tennis mondiale. I precedenti sono tutti favorevoli all’Italia (5-0), compresa la finale del 1976 che ci diede l’unica ‘insalatiera’ della nostra storia, e pure lo spareggio di soli dodici mesi fa che ci riportò nella massima serie dopo una assenza di ben 11 anni. Oggi è il Cile che proverà a rovesciare i ruoli, ma questa volta il fattore campo è a favore degli azzurri, e oltretutto il Cile non ha più i suoi due tennisti migliori, Gonzalez e Massu. L’Italia punta a chiudere i giochi già nei primi due giorni.

Oggi si è tenuto il sorteggio dell’ordine delle partite. Domani mattina i primi a scendere in campo (ore 11.15) saranno Andreas Seppi e il cileno Hormazabal. L’altoatesino è numero 28 del mondo, mentre l’avversario è numero 289 e nel 2012 non ha mai disputato una partita sul circuito maggiore. La pioggia che sta cadendo su Napoli, prevista a sprazzi anche per domani, ha fatto un altro favore a Seppi, che nei giorni scorsi aveva definito il campo ‘troppo secco’: “Siamo favoriti, ma le partite si devono comunque vincere. Quando si cambia superficie c’è sempre qualche problema di adattamento, però l’unica incognita potrebbe essere che non ho mai affrontato Hormazabal”. A seguire toccherà a Fabio Fognini, numero 54 mondiale, contro Capdeville, che è il migliore cileno ma è comunque lontano 107 posizioni nel ranking Atp rispetto al ligure: “Sono in buona forma – ha detto Fognini –, sono stato fermo una decina di giorni ma ora mi sono allenato bene e sono pronto. Non sono preoccupato: parto favorito, ma Capdeville è il loro elemento di maggior carisma e non va sottovalutato”. Il c.t. Corrado Barazzutti insiste soprattutto su questo aspetto: “I miei sono tutti giocatori di esperienza, dei professionisti. E sanno benissimo che le classifiche in Davis non valgono più di tanto. Scenderemo in campo con umiltà, cercando di vincere. Qual è la forza di questa squadra in termini assoluti? Non è un discorso che voglio affrontare adesso, ne riparleremo solo quando avremo vinto questa sfida”.

Sabato alle 13.30 ci sarà il doppio con Bolelli e Bracciali contro Capdeville e Aguilar, poi domenica si disputeranno dalle 11.15 gli ultimi due singolari tra Seppi e Capdeville e tra Fognini e Hormazabal. La web-tv tematica Supertennis trasmetterà tutti i match in diretta.

Nel weekend si disputano anche le semifinali del Gruppo Mondiale, sulla terra di Gijon Spagna-Stati Uniti, mentre a Buenos Aires, sempre sul rosso, l’Argentina riceve la Repubblica Ceca. Ma nel mondo del tennis in questi giorni si parla soprattutto di una possibile ‘rivoluzione’: l’abolizione del net. L’esperimento, approvato dal Consiglio Atp a New York inizialmente per i tornei Challenger, prevede che quando la pallina toccherà il nastro non si ripeterà la battuta, come attualmente, ma si continuerà a giocare. “Questo cambiamento pensiamo possa avere un impatto positivo sulla fluidità di un incontro – ha detto Brad Drewett, presidente dell’Atp -. Non siamo pronti a eliminare la regola, ma una prova nei tornei Challenger potrebbe essere un buon modo per testare questa iniziativa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori