MONDIALI CICLISMO 2012/ Gara junior donne, Stricker bronzo. Vince la britannica Garner

- La Redazione

Nella gara juniores donne ai Mondiali di ciclismo di Valkenburg 2012 è arrivata la prima medaglia per l’Italia, il bronzo per Anna Maria Zita Stricker. Oro britannico, argento Norvegia.

ciclismo
Immagini di repertorio (Fonte Infophoto)

Prima gara in linea ai Mondiali di ciclismo 2012, e per l’Italia arriva la prima medaglia, ennesima riprova che nelle gare in linea la musica è ben diversa per gli azzurri (ad ogni livello) rispetto alle cronometro. Ai Mondiali del Limburgo 2012, zona più collinosa dell’Olanda che fa capo a Valkenburg, il programma è cambiato rispetto alle ultime edizioni della manifestazione iridata. Al venerdì è rimasta soltanto la gara junior donne, una bella passerella per le giovanissime campionesse di domani (e peccato che la televisione olandese non abbia coperto l’evento). La gara era in programma sulla distanza di 80 km, e la medaglia per l’Italia è giunta per merito dell’altoatesina Anna Maria Zita Stricker, terza al traguardo e dunque medaglia di bronzo. L’Italia del commissario tecnico Savoldi (artefice di tanti successi femminili in questi anni) ha corso molto bene, sempre nelle posizioni di testa. All’ultimo passaggio sul Cauberg (da notare che è stato aggiunto un giro rispetto alla distanza prevista: ieri l’Uci ha deciso di far disputare la gara sulla distanza di cinque giri, passando da 65 a 80 km) è stata proprio la Stricker a promuovere l’azione decisiva. Il Mondiale juniores si è poi deciso nello sprint di una decina di atlete: oro per il secondo anno di fila all’inglese Lucy Garner, davvero una potenza del ciclismo giovanile rosa, attesa fra qualche anno in rampa di lancio, mentre l’argento è andato alla norvegese Brustad. La Zita Stricker, 18 anni, è bolzanina di Lasa, anche se è nata in Austria. Prima di questo bronzo iridato, da segnalare per lei l’argento al Campionato Europeo (sempre dietro la britannica Garner) e il titolo italiano in linea. E dopo quelli Judith Arndt e Tony Martin nelle due cronometro elite, anche la britannica Lucy Garner concede il bis conquistando il titolo mondiale nella prova in linea per il secondo anno consecutivo dopo Copenhagen 2011. Per l’Italia è un bel modo di approcciare: domani sul circuito imperniato sulla salita del Cauberg si assegneranno i titoli delle donne elite e degli Under 23, mentre domenica toccherà agli juniores al mattino e poi naturalmente ai professionisti.

1. Lucy Garner (Gbr);

2. Eline Gleditsch Brustad (Nor);

3. Anna Zita Maria Stricker (Ita);

4. Sophie Williamson (Nz); 5. Jessy Druyts (Bel); 6. Sara Pocyte (Lit); 7. Sheyla Gutiérrez (Spa); 8. Cecilie Uttrup Ludwig (Dan); 9. Emily Roper (Aus); 10. Alicja Ratajzak (Pol); 28. Alice Arzuffi (Ita).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori