Lista convocati nazionale/ Italia news, Negro: Verratti e Candreva sì, Ranocchia no. Attaccanti? Un fattore X (esclusiva)

Convocati Italia news, esclusiva con Paolo Negro, ex difensore di Lazio e Siena che ha parlato dei possibili tagli di Prandelli in vista del Mondiale brasiliano…

28.05.2014 - int. Paolo Negro
maggio_candreva
Antonio Candreva (infophoto)

Le quotazioni di Marco Verratti per quanto riguarda il possibile approdo in Brasile sono aumentate. Il centrocampista del Psg potrebbe essere nei 23 di Prandelli a discapito di uno tra Aquilani e Parolo. Da valutare anche la situazione di Antonio Candreva che sembra essere in ballottaggio con Insigne. In attacco tutto dipenderà dalle condizioni fisiche di Giuseppe Rossi. In esclusvia per IlSussidiario.net, l’ex difensore della Lazio Paolo Negro ha parlato della situazione Italia.
Come partirà l’Italia ai nastri di partenza del Mondiale? Non in prima fila, non da favorita. Però sappiamo che il cuore italiano spesso ha fatto la differenza, speriamo succeda anche questa volta.
Prandelli dovrà fare alcuni tagli, in difesa rischia Ranocchia… Purtroppo non si può andare in trenta, questo è chiaro. Ranocchia potrebbe essere escluso da Prandelli che potrebbe puntare interamente sul blocco Juventus.
Le quotazioni di Verratti sono in risalita. Giusto così? Verratti è un calciatore che quest’anno ha fatto benissimo nel Psg, quindi credo si tratti di una convocazione meritata. Secondo me andrà ai Mondiali.
Ha qualche altra certezza? Spero di vedere anche Candreva che quest’anno ha fatto un campionato importante tra l’altro può giocare da centrocampista o esterno.
Balotelli, Immobile, Destro: tre punte centrali, rischia qualcuno? Dipenderà da come vorrà giocare Prandelli, per me si tratta di attaccanti completamente diversi tra loro. Credo che molto dipenderà dalle condizioni fisiche di Rossi.
Sarebbe importante avere il bomber della Fiorentina? Assolutamente sì, è un giocatore fondamentale per l’Italia, speriamo possa arrivare in ottime condizioni fisiche al Mondiale.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori